11.5 C
Milano
giovedì, 24 Settembre, 2020
Home Lombardia Scuole chiuse: dalla “nonna in prestito” ai mini asilo domestici in aiuto...

Scuole chiuse: dalla “nonna in prestito” ai mini asilo domestici in aiuto alle famiglie

Da Regione Lombardia il monito di Sala sulle scuole domestiche: “È negativo e non è in linea con i comportamenti che dobbiamo tenere”.

Chiusura delle scuole, giorno 10. Due settimane in cui una considerevole fetta delle famiglie lombarde si è arrovellata sul quesito multiplo “dove-come-a chi” lasciare i pargoli, specialmente i più piccoli, trovandosi di fronte alla sospensione delle attività didattiche fino al prossimo 3 aprile. Un problema che pesa in termini economici in maniera considerevole per tutti quei nuclei che non possono attingere da ferie e permessi retribuiti o che non possono avvalersi dello smart working né tantomeno dell’aiuto dei nonni, per i quali si rende inevitabile il supporto di tate e baby sitter.

In attesa che il Governo vari il nuovo decreto grazie al quale verranno stanziati aiuti alle famiglie – quali voucher baby sitter e congedi parentali straordinari – c’è chi, animato da spirito di collaborazione, ha pensato di venire incontro alle loro esigenze con iniziative creative.

Succede a Lecco, dove una pensionata 62enne si è resa disponibile come “nonna in prestito” per accudire i bambini della sua zona mentre i genitori sono al lavoro, con tanto di annuncio dalla sua pagina Facebook per amplificare l’iniziativa.

Per quanto l’intenzione sia buona e parta da un principio di solidarietà verso chi in questo momento vive difficoltà oggettive, dietro iniziative come questa si nascondono non pochi rischi di diffusione dei contagi da Coronavirus. A sottolinearlo è stato lo stesso Vicepresidente di Regione Lombardia Fabrizio Sala, non appena appresa la notizia della pratica dei mini asilo all’interno di abitazioni private: “Questo è negativo e non è in linea con i comportamenti che dobbiamo tenere”, ha ribadito. In sostanza, attivare soluzioni di questo tipo sarebbe in netto contrasto con il principio per cui le scuole sono state chiuse, ovvero evitare che i contatti ravvicinati e per lungo tempo tra i bambini possano favorire la diffusione del virus. Sala ha specificato che “può essere fatto con pochissimi bambini e sempre gli stessi, ma se chiudiamo gli asili e poi si riaprono nelle case non va bene”.

Del resto lo stesso primario infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano si era già espresso sul criterio prudenziale che ha guidato la sospensione delle attività scolastiche: “Ci sono alcune evidenze, ad esempio, di bambini e adolescenti che stanno benissimo, ma hanno l’infezione e trasmettono il virus – ha spiegato – è quindi possibile che le scuole facciano da amplificatore”.

Per lo stesso principio, replicare l’ambiente scolastico a livello domestico avrebbe le stesse potenziali conseguenze. Perciò, in attesa degli aiuti dal Governo alle famiglie, ben venga lo spirito di collaborazione purché guidato da una non meno necessaria prudenza.

Micol Mulè

Most Popular

Tari: probabili rincari nel 2021

Causa conguaglio e modificazione delle disciplina sull'assimilazione, l'anno prossimo le famiglie italiane rischiano di vedersi aumentare la tassa sui rifiuti.     Nella definizione del decreto legislativo...

Milano: è attesa per la prima fashion week “phygital”

La kermesse milanese si reinventa e propone le collezioni secondo un mix di sfilate in presenza ed eventi digital.   La moda riparte e lo...

Delta Medica apre il nuovo servizio di radiologia di Cerba HealthCare con tecnologie ad alto campo

La rete di centri dedicata alla diagnostica ambulatoriale e alle analisi di laboratorio ha inaugurato il 21 settembre il nuovo reparto nel centro Delta...

Borse europee in risalita, ora si guarda alle presidenziali USA

I mercati guardano con favore l’esito delle elezioni, interpretandolo come un sostanziale rafforzamento del Governo. La partita decisiva si svolgerà alla Casa Bianca   Dopo il...

Recent Comments