sabato, Maggio 25, 2024
More
    Home Economia Boom dell'export italiano di vino: nel 2026 si potrà toccare quota 8,5...

    Boom dell’export italiano di vino: nel 2026 si potrà toccare quota 8,5 miliardi di euro

    L’industria vinicola italiana continua a mostrare segni di robusta crescita e vitalità economica, con proiezioni che indicano un aumento medio annuo del 2,9% fino al 2026, quando le esportazioni dovrebbero raggiungere l’importante cifra di 8,5 miliardi di euro. Questi dati provengono dal dettagliato report “Il vino, biglietto da visita del Made in Italy” elaborato dall’Ufficio Studi SACE, che ha analizzato le tendenze attuali e future del settore.
    Nel 2023, il settore vinicolo italiano ha già mostrato una performance impressionante, registrando esportazioni per un valore di 7,8 miliardi di euro, con un incremento del 20,8% rispetto al 2019. Questa cifra rappresenta una quota significativa, oltre il 20%, del totale delle vendite internazionali del paese nel settore alimentare e delle bevande. La predominanza del vino nella bilancia commerciale italiana è ulteriormente evidenziata dal fatto che sette bottiglie su dieci esportate sono di vino, con uno spiccato interesse per gli spumanti.

    A guidare la domanda internazionale sono i vini fermi rossi e rosé, che costituiscono il 40% dell’export vinicolo totale, mentre gli spumanti hanno registrato una crescita significativa, arrivando a coprire il 28,5% dell’export, con un incremento di quasi 10 punti percentuali rispetto al 2019. Gli Stati Uniti si confermano come il principale mercato di destinazione per i vini italiani, seguiti da Germania e Regno Unito. Tuttavia, l’interesse si sta allargando a nuove geografie, come evidenziato dalle crescenti esportazioni verso Paesi come Polonia, Repubblica Ceca, Croazia e Serbia. Questa diversificazione geografica riflette la capacità del settore vinicolo italiano di adattarsi e penetrare nuovi mercati, consolidando la sua posizione globale. Inoltre, l’Italia mantiene la sua posizione come seconda esportatrice mondiale di vino, detenendo il 20,9% del valore dell’export mondiale, posizionandosi tra la Francia, leader del settore con il 32,8%, e la Spagna, che detiene l’8,1%. Questa forte presenza nei mercati internazionali sottolinea l’importanza strategica del settore vinicolo per l’economia italiana.

    L’introduzione dell’intelligenza artificiale nel settore vinicolo rappresenta un’innovazione significativa, offrendo vantaggi in termini di qualità, efficienza e sostenibilità. Grazie all’IA, le aziende possono monitorare meglio le condizioni delle vigne, ottimizzare i processi di fermentazione e ridurre i costi, oltre a migliorare la prevenzione delle frodi e l’analisi delle preferenze dei consumatori.

     

    Most Popular

    Italia: Record Storico delle Energie Rinnovabili ad Aprile 2024

    Ad aprile, l'Italia ha raggiunto un traguardo storico nel campo delle energie rinnovabili, coprendo il 51,2% del fabbisogno elettrico nazionale, rispetto al 36% dello...

    IA Act, Ue pioniera nella regolamentazione del settore

    Il 21 maggio il Consiglio Ue approva all’unanimità la prima legge europea che regola l’intelligenza artificiale. Quella dell’Unione Europea è la prima legislazione al...

    Conferme per le Bandiere Blu nelle Località Lacustri del Piemonte nel 2024

    Nonostante la sua posizione senza sbocchi sul mare, il Piemonte si distingue per la qualità delle sue località lacustri. La Bandiera Blu è un...

    I cinesi della Dongfeng in Italia: trattative per un nuovo impianto produttivo di 100.000 auto all’anno

    Il settore automobilistico italiano potrebbe presto accogliere un nuovo giocatore significativo proveniente dalla Cina, il Dongfeng Motor Group, che sta discutendo con il governo...

    Recent Comments