sabato, Aprile 20, 2024
More
    Home Prima pagina La Nato compie 75 anni e si prepara al possibile ritorno di...

    La Nato compie 75 anni e si prepara al possibile ritorno di Donald Trump alla casa Bianca con un fondo quinquennale da 100 miliardi per l’Ucraina

    75 anni fa, il 4 aprile 1949, nasceva la Nato (North Atlantic Treaty Organization) e il suo attuale segretario, Jens Stoltenberg, ha colto l’occasione per invitare i suoi membri a “modificare le dinamiche” del sostegno a Kiev e garantire “all’Ucraina un’assistenza di sicurezza affidabile e prevedibile a lungo termine, in modo da fare meno affidamento sui contributi volontari e più sugli impegni della NATO, meno sulle offerte a breve termine e più sugli impegni pluriennali”. Alcuni media internazionali parlano di una serie di iniziative per “contenere” un ritorno di Donald Trump alla guida degli Stati Uniti, tra cui la proposta di un fondo quinquennale da 100 miliardi di euro per sostenere l’Ucraina. Non è chiaro il meccanismo di reperimento di tali risorse.

    La riunione ministeriale dell’Alleanza di questa settimana “porrà le basi per raggiungere un consenso su questi temi mentre ci prepariamo al vertice di Washington” del prossimo 9-10 luglio ha detto il Segretario. Stoltenberg ha dichiarato che gli “amici della Russia in Asia sono vitali” per Mosca. Dalla Corea del Nord all’Iran, lo sforzo bellico russo si avvale delle forniture di armi di questi Paesi, motivo per cui Stoltenberg ha invitato le nazioni “che la pensano allo stesso modo” a restare “unite per difendere un ordine globale governato dalla legge e non dalla forza”.

    Nel frattempo, secondo alti ufficiali ucraini sentiti da Politico, c’è il concreto rischio che il fronte ucraino crolli. Il quadro militare è cupo, scrive il quotidiano online, e i generali russi potrebbero riuscire a sfondare le linee ovunque decidano di concentrare la prossima offensiva. Kiev sta ancora aspettando lo sblocco del pacchetto da 60 miliardi di dollari di aiuti fermo al Congresso Usa. Recentemente Kiev è tornata a insistere sulla necessità di forniture militari che includano anche le fondamentali munizioni da 155 millimetri per l’artiglieria e il sistema di difesa aerea Patriot. Tuttavia, anche con questi aiuti, gli ucraini devono fare i conti con la nuova ondata di reclutamento lanciata da Vladimir Putin che punta ad arruolare 147.000 giovani russi nei prossimi mesi.

    Most Popular

    E se il vino sparisse? l’Italia perderebbe 1,1% del PIL

    Durante la 56esima edizione di Vinitaly, tenutasi a Verona, è stata presentata una ricerca che evidenzia l'importanza economica del settore vinicolo in Italia. L'analisi,...

    Ue, si valuta altro taglio dei tassi

    Christine Lagarde annuncia un probabile nuovo taglio dei tassi “se non ci sono shock”. "Stiamo osservando un processo disinflazionistico. Se si muove in linea con...

    Nutella: 60 Anni di Dolce Successo Globale

    Nel 1964, il panorama delle creme spalmabili fu trasformato radicalmente dall'introduzione di Nutella, opera di Michele Ferrero. Originaria di Alba, questa crema ha combinato...

    L’inversione della polemica: un emendamento in tema aborto pone ai ferri corti Roma e Madrid

    Parlare di aborto in Italia è come aprire il vaso di Pandora del dibattito pubblico italiano, anche se questa volta lo scontro ha assunto...

    Recent Comments