martedì, Febbraio 27, 2024
More
    Home Prima pagina Rafah, l'esercito israeliano libera due ostaggi di Hamas.

    Rafah, l’esercito israeliano libera due ostaggi di Hamas.

    Rafah, l’esercito israeliano libera due ostaggi di Hamas. Crosetto: “È il momento di mettere fine al conflitto”
    Nella notte tra domenica e lunedì le Forze di Difesa israeliane, dell’Agenzia di Sicurezza Shin Bet e della polizia israeliana hanno liberato due ostaggi israeliani, tenuti prigionieri nella città di di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza. Rapiti nel massacro del 7 ottobre, Simon Marman, 60 anni, e Louis Har, 70 anni, sono potuti tornare a casa dopo 128 giorni di prigionia. Il portavoce delle forze armate israeliane, Daniel Hagari, ha detto che l’esercito ha lavorato “per molto tempo” a questa operazione speciale, che è stata preceduta da un intenso bombardamento. La situazione, però, rimane complicata.
    Il premier Benjamin Netanyahu ha annunciato la volontà di dare avvio a un’invasione di terra di Rafah, l’ultima grande città della Striscia di Gaza che Tel Aviv non ha ancora attaccato con forze di terra e dove si sono rifugiati oltre un milione di palestinesi, trasformando la città in un enorme campo profughi. L’attacco via terra dovrebbe essere imminente mentre le forze aree stanno già colpendo la zona. Secondo quanto riferito ieri mattina dalla Mezzaluna Rossa Palestinese, gli attacchi aerei di Israele su Rafah hanno provocato oltre 100 morti. In un colloquio telefonico di qualche giorno fa, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, pur continuando a garantire il sostegno alla lotta contro Hamas, ha spiegato a Netanyahu che non dovrebbe invadere Rafah “senza un piano credibile” che preveda la messa in sicurezza di tutti i palestinesi civili lì presenti.
    Nel frattempo, secondo il ministro della Difesa italiano, Guido Crosetto, “è il momento di mettere fine al conflitto”. In un’intervista a La Verità, Crosetto insiste sulla necessità di una “strategia seria per il dopo conflitto”, in mancanza della quale il “comportamento di Israele” rischia di essere “controproducente”. Il ministro della Difesa definisce l’Italia un Paese amico di Gerusalemme ma allo stesso tempo dichiara che anche i sostenitori più convinti di Israele vogliono “una tregua che ponga fine al massacro dei civili”. Per Crosetto, un conto è bandire Hamas, ma eliminarne ogni membro “non è possibile”. La soluzione? Cominciare a parlare seriamente dell’opzione ‘due popoli, due Stati’. Rimane un grande punto interrogativo sulle garanzie di sicurezza per Israele, uno Stato che stava trovando una sorta di distensione e convivenza con alcuni vicini mediorientali ma che rimane sotto pressione dei gruppi terroristici spesso finanziati dal regime iraniano che non ha mai nascosto la volontà di spazzare via lo Stato ebraico.

    Most Popular

    Draghi, parla l’ex premier

    Draghi, parla l’ex premier A Gand (Belgio) torna a parlare l'ex premier Mario Draghi. Lontano dai riflettori da tempo, l’ex inquilino di Palazzo Chigi e numero...

    Possibili scenari futuri per l’economia globale

    Possibili scenari futuri per l’economia globale Dall’Istituto di Ricerca Economica Applicata, I-AER, un’analisi sulle quattro possibili vie per il futuro economico e come le imprese...

    Guerra, Zelensky: il 2024 sarà l’anno della svolta per l’Ucraina. E chiede più Patriot

    Guerra, Zelensky: il 2024 sarà l'anno della svolta per l'Ucraina. E chiede più Patriot Volodymyr Zelensky cerca di rassicurare i sostenitori occidentali: "Mosca conosceva i...

    Ricchezza famiglie italiane in crescita nel 2023

    Ricchezza famiglie italiane in crescita nel 2023 La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane continua a dimostrare segnali positivi, raggiungendo cifre notevoli nel bilancio complessivo del...

    Recent Comments