lunedì, Aprile 15, 2024
More
    Home Prima pagina Gaza, Benjamin Netanyahu apre a pause tattiche per ragioni umanitarie

    Gaza, Benjamin Netanyahu apre a pause tattiche per ragioni umanitarie

    Gaza, Benjamin Netanyahu apre a pause tattiche per ragioni umanitarie
    No a un cessate al fuoco, sì a piccole pause tattiche per motivi umanitari. Benjamin Netanyahu resiste alle pressioni internazionali di chi chiede di interrompere i bombardamenti e i combattimenti contro i miliziani di Hamas dentro la Striscia di Gaaza, ma in un’intervista all’emittente americana ABC News si è detto aperto nei confronti di “pause tattiche” per scopi umanitari. Una posizione influenzata dal lavoro diplomatico di Washington che cerca di sostenere Israele evitando un allargamento del conflitto e allo stesso tempo è all’opera per aumentare il flusso di aiuti umanitari soprattutto a Gaza City che ormai è assediata dall’esercito israeliano. Ieri Tel Aviv ha dato il via libera ad aiuti umanitari dalla Giordania e dagli Emirati.
    Il no di Netanyahu a una sospensione delle ostilità non è assoluto. Il premier israeliano ha spiegato a che il cessate il fuoco dipende dal rilascio di tutti gli israeliani tenuti in ostaggio da Hamas. Tuttavia, gli ostaggi sono l’unica potenziale leva negoziale in possesso di Hamas alla quale per ora il gruppo terroristico, pur avendo rilasciato alcune persone con doppio passaporto o straniere, non intende rinunciare.
    Il fronte dei Paesi arabi e una parte dell’opinione pubblica occidentale insiste per un cessate il fuoco ma il Consiglio di Sicurezza dell’Onu non riesce a trovare un’intesa sul tema anche se quella della “pausa umanitaria” appare come una richiesta minima che mette d’accordo diverse cancellerie (Medio Oriente escluso). Ieri i ministri della Difesa di Gran Bretagna e Giappone, pur riconoscendo il diritto di Israele di difendersi, hanno chiesto al governo di Netanyahu di rispettare il diritto internazionale e istituire una pausa umanitaria per permettere l’arrivo di aiuti dentro la Striscia di Gaza. Ma non c’è solo l’Occidente. Anche secondo la Russia è fondamentale garantire della “pause umanitarie” a Gaza. “È chiaro che l’operazione dell’esercito israeliano continua – ha spiegato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov – per noi è molto importante che i bisogni umanitari della popolazione civile di Gaza siano soddisfatti. Per noi è ovviamente importante che i cittadini russi abbiano la possibilità di lasciare il territorio di Gaza. E i nostri diplomatici stanno lavorando per questo”.

    Most Popular

    I segreti delle aziende familiari di successo

    Le imprese a conduzione familiare rappresentano il 77% delle PMI totali in Italia, svolgendo un ruolo centrale nell'economia del paese. Secondo un'indagine di I-AER,...

    Iran-Israele: nel valzer delle minacce reciproche, Teheran prende di mira anche gli Stati Uniti. Diplomazie al lavoro per una de-escalation

    Dopo i fatti del weekend, il mondo si chiede: ci sarà un'escalation in Medio Oriente? L'Iran ha risposto all'attacco israeliano contro il consolato di...

    Auto elettriche, prezzi energia in aumento fino al 65%

    Aumentano ancora i prezzi dell’energia per la ricarica delle auto elettriche. Nonostante il crollo dei prezzi dell'energia sui mercati internazionali, i prezzi dell’energia per la...

    L’industria del vetro italiana affronta la sfida della decarbonizzazione

    L'industria italiana del vetro si sta impegnando attivamente nella decarbonizzazione, adottando strategie innovative per ridurre l'impronta di carbonio e aumentare la sostenibilità ambientale. Questo...

    Recent Comments