test
sabato, Giugno 15, 2024
More
    Home Prima pagina BioQitchen, il catering attento alla circolarità, che lavora coi partner a modelli...

    BioQitchen, il catering attento alla circolarità, che lavora coi partner a modelli virtuosi in linea con l’Agenda 2030

    BioQitchen, il catering attento alla circolarità, che lavora coi partner a modelli virtuosi in linea con l’Agenda 2030
    Il catering del Gruppo HQ Food & Beverage, ha redatto il primo report sui processi di produzione sostenibile. Ma già guarda oltre: “Vogliamo costruire un sistema virtuoso anche per i nostri partner di filiera”.
     
    Il catering dall’anima green del Gruppo HQ Food & Beverage ha redatto il suo primo report sui processi di produzione sostenibile, dal quale emergono i risultati di una gestione virtuosa e di ampie vedute. Risultati in crescita, quelli di BioQitchen, e in linea con gli obiettivi dell’Agenda 2030 – Sustainable Development Goals (SDGs) – definiti dalle Nazioni Unite per lo sviluppo di azioni mirate da intraprendere entro il 2030.
    Due gli obiettivi in particolare vedono BioQitchen attiva nell’accettare le sfide di uno sviluppo sostenibile, il numero 12 “Garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo” e il numero 15 “Proteggere, ripristinare e favorire un uso sostenibile dell’ecosistema terrestre”. Un report che segue al lancio, nei mesi scorsi, del Manifesto “Fair Food Innovation Lab”, contenente cinque capisaldi (gustoso, sostenibile, bello, sano e accessibile) su cui fondare una rivoluzione green dall’impronta inclusiva nel mondo biologico e non solo.   
    “Siamo soddisfatti dei risultati raggiunti in questo ultimo anno di attività, e ci stiamo dando altri obiettivi più ambiziosi– commenta Mauro Benincasa, Ceo di BioQitchen e del Gruppo HQ Tra questi c’è quello di costruire un sistema virtuoso anche per i nostri partner di filiera, creando e consolidando dei modelli da portare anche nelle loro linee di produzioni aziendali”. Un obiettivo ambizioso che ha portato alla recente nomina di un Responsabile Interno alla Sostenibilità, Marcello Tozzi, che avrà il compito di analizzare i cicli produttivi e rivederli in chiave green: “In questa prima fase mi sto occupando di analizzare dei dati per il riutilizzo virtuoso di alcuni materiali riciclabili, come la plastica, attraverso delle collaborazioni che intendo instaurare con associazioni nazionali e internazionali che possano darci sostegno – commenta Tozzi -. Anche in questo caso coinvolgeremo i nostri fornitori, in modo che il ciclo virtuoso possa crescere nel tempo”.
    Nel solo 2022 BioQitchen ha preparato quasi 70mila primi piatti, 106.516 secondi piatti, oltre 94mila contorni e poco meno di 97mila dessert, numeri importanti, che se misurati con l’acquisto di materie prime biologiche (100% acquisti di filiera controllata e 92% prodotti alimentari biologici), danno il senso della crescita esponenziale di questo catering nato solo nel 2020 in un periodo notoriamente critico per lo sviluppo di un’impresa.
    Una crescita andata di pari passo con lo studio dei migliori cicli produttivi capaci di limitare al massimo gli sprechi, non solo nelle preparazioni alimentari, ma in maniera integrata su tutta la filiera, a partire dal territorio circostante la sede milanese di via Tertulliano n. 68, dove si svolgono tutte le preparazioni, con un impatto minimo sull’emissione di inquinamento acustico e dei fumi provenienti dalle cappe della cucina.
    Anche l’inquinamento è ridotto con l’utilizzo del veicolo full electric Toyota Proace City, che riduce ogni mese 180.000 g di CO2, diversamente immessi da veicoli convenzionali. Inoltre, tutti i viaggi di BioQitchen per le consegne quotidiane previste nelle 11 SPA e relativi Wellness Hotel del Gruppo QC Terme, così come tutte quelle del gruppo (Hi Fly Catering, Dream Eat e HangarQ) sono pianificate per studiare il percorso col minore impatto possibile sull’ambiente. Per fare questo si calcolano i migliori orari di percorrenza per limitare il traffico su quattro ruote, e la pendenza della strada di ciascun percorso, studiando per i veicoli a pieno carico degli itinerari mediamente in discesa all’andata, e mediamente in salita al ritorno.
    Sul fronte del packaging, quelli scelti da BioQitchen sono green a partire dalla scelta della polpa di cellulosa, della carta, delle ceramiche e del bamboo per i piatti e vassoio.Non solo la produzione alimentare, ma anche l’amministrazione è inserita in un processo virtuoso di sostenibilità al punto che la stampa in carta per gli ordini è bandita per lasciare spazio ad un software di condivisione aziendale che consente di far risparmiare all’azienda 52 risme di carta all’anno, pari a 130kg di carta. Non meno virtuoso il lato sociale, con contratti di assunzione per le brigate di sala e di cucina e turni che rispettino la qualità di vita e il 66% di personale femminile all’interno del gruppo direttivo. 
    Ma le novità non finiscono qui, perché a breve verrà lanciato il Comitato Tecnico Scientifico, un organo superpartes, che vedrà la partnership di un’importante Università, l’ISIA Roma Design e di professionisti internazionali, e che avrà l’onere di analizzare il ciclo produttivo di BioQitchen per renderlo ancora più virtuoso, innovarne costantemente i processi e rendere più efficienti gli impatti della produzione.
     

    Most Popular

    Riuscirà l’Italia a Fermare la Fuga dei Suoi Giovani Talenti?

    L'Italia sta affrontando un allarmante esodo di giovani talenti, particolarmente accentuato tra i laureati, che nelle ultime due decadi hanno lasciato il paese in...

    Piemonte, la spesa dei beni durevoli segna +8,6% nel 2023

    Nel 2023, in Piemonte, la spesa per beni durevoli ha raggiunto quasi 6,5 miliardi di euro (6 miliardi e 479 milioni), segnando un aumento...

    760 Anni di eccellenza: la storia ininterrotta della carta Fabriano

    Nel cuore delle Marche, a Fabriano, si celebra un anniversario "pesante": 760 anni di produzione cartaria. La storia di questo materiale risale a un...

    Ue, Dazi fino al 48% sulle auto elettriche cinesi

    A partire dal 4 luglio, salvo un accordo diverso tra le parti, saranno introdotti nuovi dazi all’importazione di auto elettriche cinesi. Il motivo? Concorrenza...

    Recent Comments