venerdì, Aprile 19, 2024
More
    Home Prima pagina BCE, CRESCONO ANCORA I TASSI

    BCE, CRESCONO ANCORA I TASSI

    BCE, CRESCONO ANCORA I TASSI
    Prosegue la politica di innalzamento dei tassi, anche se Guindos precisa che la maggior parte della strada è stata fatta. Ora il rischio è di pregiudicare la produzione, di conseguenza il Pil e i passi fatti fino ad ora
    «Una significativa parte del viaggio è già stata percorsa, c’è ancora una parte di strada da fare, ma probabilmente la parte che ci aspetta è più corta. Non so però quale sarà il punto finale». È con queste parole che ha esordito il vicepresidente della Bce, Luis de Guindos, parlando da Madrid, allindomani dei nuovi provvedimenti della Banca centrale, volti a proseguire nella politica di innalzamento dei tassi nellUnione. Nelle prossime riunioni proseguirà quindi linnalzamento del costo del denaro, una via, a detta del numero due della Bce, che sarà certamente più corta rispetto a quella già intrapresa, e che ha portato i grandi della finanza europea a propendere per proseguire nelle politiche tracciate negli scorsi mesi. È pur vero che il ritmo degli aumenti ha subito un rallentamento che via via è andato a consolidarsi, fino al rialzo di 25 punti base di inizio maggio, ma detto questo, gli ulteriori provvedimenti che verranno varati, dovranno comunque fare i conti con linflazione. Sul punto, infatti, il vicepresidente dellEurotower ha ricordato che «è ancora particolarmente allarmante per quanto riguarda i servizi», soprattutto alla luce dellultimo dato nellEurozona, dove linflazione è salita al 7%, dal 6,9% di marzo. Certamente si tratta di un dato in linea con le previsioni di Bruxelles, ma in ogni caso si lindice conferma trattarsi di rialzi ancora «ostinati».
    Le perplessità sono tante e sono di molti, perché se è pur vero che la crescita c’è e c’è stata – e la dimostrazione sono i dati maggiormente confortanti in Spagna e Italia, rispetto alla minor incidenza fatta registrare in Germania – ma una politica di questo tipo, con una prosecuzione dellinnalzamento dei tassi, rischia di creare ripercussioni a catena, con ricadute anche sui consumatori finali. Di riflesso, poi, ci sono i dati relativi al Pil, che nellEurozona dovrebbe attestarsi attorno all1% nel 2023, ben al di sotto delle previsioni ipotizzate nel 2021 e 2022. In ogni caso c’è soddisfazione da parte di Guindos, visto che secondo il vicepresidente Bce «la recessione tecnica è stata evitata», ma almeno per il momento.
    Andrea Valsecchi

    Most Popular

    L’inversione della polemica: un emendamento in tema aborto pone ai ferri corti Roma e Madrid

    Parlare di aborto in Italia è come aprire il vaso di Pandora del dibattito pubblico italiano, anche se questa volta lo scontro ha assunto...

    Trasporto aereo in Italia nel 2023: crescita e preferenze passeggeri

    Nel 2023, il settore del trasporto aereo in Italia ha vissuto un forte incremento, registrando un totale di 197 milioni di passeggeri, un aumento...

    Nasce il “Museo Inclusivo”: un viaggio nell’arte e nella creatività per persone con autismo

    L’iniziativa promossa dall’ufficio Servizi educativi e accessibilità del Castello Sforzesco e dall’Associazione “Portami per mano Onlus”, in collaborazione con la società Ad Artem. In una...

    Un nuovo paradigma per l’Europa: Il discorso di Draghi

    Nel cuore dell'Europa, a La Hulpe in Belgio, Mario Draghi ha delineato una visione rinnovata per il futuro dell'Unione. Durante la High-level Conference sui...

    Recent Comments