domenica, Aprile 21, 2024
More
    Home Prima pagina Turchia verso il voto, Erdogan alza gli stipendi dei dipendenti pubblici

    Turchia verso il voto, Erdogan alza gli stipendi dei dipendenti pubblici

    Turchia verso il voto, Erdogan alza gli stipendi dei dipendenti pubblici
    La Turchia si prepara alle elezioni di domenica 14 maggio, forse le più importanti degli ultimi vent’anni dal momento che una riconferma dell’attuale presidente Recep Tayyip Erdogan non sembra scontata. Erdogan è salito al potere nel lontano 2003 e negli anni il suo governo si è dimostrato progressivamente meno tollerante verso le minoranze, accentrando il potere sotto diversi aspetti. Il Paese sta facendo i conti con un’inflazione che ufficialmente è sopra il 40% ma che secondo alcune analisi indipendenti, potrebbe essere molto più alta. Erdogan, in risposta, ha intrapreso una strategia di politica monetaria non ortodossa, evitando di alzare i tassi di interesse nonostante la corsa dei prezzi, e non si è fatto problemi a licenziare tre governatori della banca centrale in quattro anni.
    Queste scelte hanno contribuito al calo della popolarità di Erdogan la cui era potrebbe avviarsi verso il tramonto. Il presidente in carica, infatti, risulta appaiato nei sondaggi con il principale sfidante, il settantaquattrenne Kemal Kilicdaroglu, a capo di una coalizione di sei partiti molto diversi tra loro che comprende liberali, socialdemocratici e nazionalisti. Tra i propositi della principale forza di opposizione, c’è l’obiettivo di riportare il Paese sulla via dello stato di diritto, allontanando la Turchia dalla tendenza autoritaria dell’ultimo ventennio.
    Per assicurarsi un vantaggio a pochi giorni dal voto, Erdogan ha deciso di alzare del 45% gli stipendi dei dipendenti pubblici, una misura che coinvolgerà circa 700.000 persone. Nel complesso, i candidati competono per 600 posti in parlamento. È probabile che la sfida elettorale approderà al ballottaggio: il secondo turno dovrebbe tenersi il 28 maggio, due settimane dopo il voto. Nell’anno del centenario della fondazione della Repubblica di Turchia, Erdogan ha annunciato che dopo le elezioni solleverà la questione di una nuova Costituzione, mostrando così sicurezza sull’esito delle elezioni.

    Most Popular

    E se il vino sparisse? l’Italia perderebbe 1,1% del PIL

    Durante la 56esima edizione di Vinitaly, tenutasi a Verona, è stata presentata una ricerca che evidenzia l'importanza economica del settore vinicolo in Italia. L'analisi,...

    Ue, si valuta altro taglio dei tassi

    Christine Lagarde annuncia un probabile nuovo taglio dei tassi “se non ci sono shock”. "Stiamo osservando un processo disinflazionistico. Se si muove in linea con...

    Nutella: 60 Anni di Dolce Successo Globale

    Nel 1964, il panorama delle creme spalmabili fu trasformato radicalmente dall'introduzione di Nutella, opera di Michele Ferrero. Originaria di Alba, questa crema ha combinato...

    L’inversione della polemica: un emendamento in tema aborto pone ai ferri corti Roma e Madrid

    Parlare di aborto in Italia è come aprire il vaso di Pandora del dibattito pubblico italiano, anche se questa volta lo scontro ha assunto...

    Recent Comments