Free Porn





manotobet

takbet
betcart




betboro

megapari
mahbet
betforward


1xbet
teen sex
porn
djav
best porn 2025
porn 2026
brunette banged
Ankara Escort
1xbet
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com

1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com

1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
betforward
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co

betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co

betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
deneme bonusu veren bahis siteleri
deneme bonusu
casino slot siteleri/a>
Deneme bonusu veren siteler
Deneme bonusu veren siteler
Deneme bonusu veren siteler
Deneme bonusu veren siteler
Cialis
Cialis Fiyat
deneme bonusu
padişahbet
padişahbet
padişahbet
deneme bonusu 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet 1xbet untertitelporno porno 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet 1xbet سایت شرط بندی معتبر 1xbet وان ایکس بت
domenica, Luglio 14, 2024
More
    Home Prima pagina Un nuovo rialzo della Bce è inevitabile

    Un nuovo rialzo della Bce è inevitabile

    Un nuovo rialzo della Bce è inevitabile
    La Banca Centrale Europea non ha concluso il suo lavoro e verosimilmente proseguirà con la stretta monetaria nella sua riunione di maggio, con un altro possibile aumento del costo ufficiale del credito, attualmente al 3,50% (3% sui depositi presso la banca centrale). Coi tassi reali ancora negativi, le condizioni finanziarie non ancora sufficientemente restrittive e la core inflation molto elevata, un ulteriore rialzo appare inevitabile. Tra gli analisti c’è chi prevede un rialzo di 50 punti base e chi ipotizzaun aumento più contenuto di 25 punti base a causa degli equilibri politici.
    Proseguono i lavori della Bce, che si riunirà nuovamente per il prossimo incontro tra poche settimane, ma a guardare le condizioni attuali sembra che la stretta monetaria già avviata sia destinata a proseguire con misure ancora più rigide. Se infatti l‘inflazione complessiva a livello internazionale sta diminuendo, in parte a causa del calo dei prezzi globali legati all’invasione dell’Ucraina, d’altro canto la core inflation, che riflette la situazione interna dell’Eurozona, rimane elevata e ha addirittura superato il dato totale. La situazione europea è alimentatasoprattutto da fattori quali la spinta dei bilanci pubblici non ancora “frenati” dal patto di stabilità, i risparmi in eccesso e un mercato del lavoro ancora in buona parte robusto.
    Le condizioni finanziarie attuali non sembrano in tal sensoabbastanza restrittive, anche considerando i ritardi con cui agisce la politica monetaria, e i tassi ufficiali intorno al 3,5-4% appaiono insufficienti per contrastare l’inflazione core elevata. Un confronto con il 2008, quando l’inflazione salì al 4,1%, suggerisce che i rendimenti dei titoli di Stato dovrebbero essere superiori a quelli attuali. L’andamento dei prestiti rimane vivace, con un incremento annuo del 5,1%, segnalando un rallentamento rispetto al passato, ma restando ancora lontano dalla media di lungo periodo.
    Il costo del credito, pur in rialzo, è ai livelli del 2013-14, anni in cui la crescita era relativamente robusta, ma il livello reale dei tassi rimane tuttavia negativo. Inoltre le pressioni sui prezzi non sembrano placarsi, con i salari negoziati che hanno registrato una crescita del 2,9% a fine 2022, un livello record escludendo la fase inflattiva del 2008. Questo rialzo non consente alle famiglie di recuperare il potere d’acquisto perduto, ma rappresenta comunque una fonte di inflazione. La BCE, sulla base della sua storia passata, dedicherà sicuramente molta attenzione a questi indicatori, pur senza intravedere al momento un rischio di spirale prezzi-salari-prezzi.
    Alla luce di questi dati sembra inevitabile che la Bce continui la sua politica monetaria restrittiva avviata qualche tempo fa, con previsioni di rialzo dei tassi che vanno dai 50 ai 25 punti base.Sarà fondamentale capire quanto le decisioni della BCE siano guidate da un’analisi economica e quanto invece siano influenzate dagli equilibri non necessariamente coerenti con le reali necessità dell’economia. In un contesto di incertezza e di ritardi nell’azione della politica economica, una forward guidance potrebbe risultare più utile rispetto a un approccio “riunione dopo riunione”: ma la BCE ha già da tempo fatto scelte diverse che rendono ora più difficile prevedere il percorso della politica monetaria futura.
    Pietro Broccanello

    Most Popular

    UCIMU 2023: crescita (grazie all’export) nel settore della meccanica avanzata

    Il 2023 ha segnato un'epoca di crescita significativa per l'industria italiana delle macchine utensili, della robotica e dell'automazione, comunemente nota come UCIMU. Con una...

    Istat, produzione industriale cresce dopo due mesi di flessioni

    Dall’ultimo rapporto Istat emerge che dopo due mesi di flessioni congiunturali, la produzione industriale riprende a crescere a maggio, dove l’indice destagionalizzato registra un...

    Gruppo CAP punta sugli investimenti: oltre 1 miliardo entro il 2033

    La green utility che gestisce il servizio idrico integrato della Città Metropolitana di Milano ha presentato il nuovo Piano Industriale 2024-2028 e stanzia, per...

    Innovazione e Sostenibilità: Fiorenzo Dioni e Richard Oberle vincono il European Inventor Award 2024

    L'Ufficio Europeo dei Brevetti (EPO) ha recentemente annunciato i vincitori del prestigioso European Inventor Award 2024 nella categoria "Industria". Quest'anno, il riconoscimento è stato...

    Recent Comments