domenica, Aprile 14, 2024
More
    Home Prima pagina Volkswagen verso gli Usa nella produzione di batterie?

    Volkswagen verso gli Usa nella produzione di batterie?

    Volkswagen verso gli Usa nella produzione di batterie?
    Volkswagen e Mercedes tentate dal piano americano per la produzione delle batterie. Pesano i 10 miliardi dellIra di Biden. Parola a Schmall.
    Lantefatto sta ad oltre un anno fa, quando il cancelliere Scholz e dei ceo di Volkswagen e Mercedes-Benz erano volati in Canada per siglare un accordo sulle forniture di materie prime per le batterie, complice limminente transizione greenche le due case automobilistiche stanno attuando, ma sullo sfondo vi era la mossa di mettere piede oltreoceano, con una sede a PowerCo, grazie agli incentivi promessi dal governo di Ottawa che facevano gola un poa tutti. Di conseguenza, si sarebbe aperta lopportunità – paventata anche dal Financial Times – della possibilità per i due colossi tedeschi dellautomobile, di aprire un impianto anche negli USA, dopo aver dato vita ad una nuova fabbrica nellest Europa. Sul piatto, poi, dovrebbero esserci i 10 miliardi di euro di incentivi che potrebbero arrivare dallInflation reduction act (IRA), la legge green voluta da Joe Biden e che mette in severa competizione lecosistema industriale americano con quello europeo, per rispondere soprattutto alla sfida della concorrenza cinese.
    Come detto, però, ora il tema potrebbe essere determinante per suscitare una risposta da parte dellEuropa. Con i forti incentivi messi sul piatto, infatti, altri colossi dellautomobile potrebbero essere attratti dalla nuova sfida americana, e trasferire gli stabilimenti sul suolo a stelle e strisce. La risposta di Bruxelles, infatti, non è tardata ad arrivare: la Commissione europea la prossima settimana dovrebbe pubblicare il cosiddetto Net Zero Industry Act per lenergia a emissioni zero – a maggior ragione dopo la bocciatura del programma green targato 2035 della scorsa settimana.
    Intanto, da Volkswagen fanno sapere che la partita con il governo di Joe Biden e dei vari governatori in competizione per attrarre i capitali dei colossi dellautomobile non è ancora chiusa, ma è stato ribadito dai vertici del marchio tedesco che la controproposta europea dovrà essere notevolmente più allettante per spingere ad una eventuale retromarcia, che oggi parrebbe assai difficile. Lo stesso Schmall, infatti, ha precisato che lEuropa potrebbe perdere «la corsa ai miliardi di investimenti che saranno decisi nei prossimi mesi e anni», viste le condizioni offerte dallIRA, sottolineando in un post comparso su Linkedin la scorsa settimana che «la batteria rappresenta circa il 40% del valore aggiunto delle auto elettriche. Oggi, il business delle batterie è guidato da società asiatiche. E mentre gli Stati Uniti recuperano terreno grazie allInflation Reduction Act, lEuropa è sempre più in ritardo».
    Il Ceo di Volkswagen ha poi concluso tenendo a precisare quali dovrebbero essere, dal suo punto di vista i punti chiave per offrire in Europa condizioni competitive:
    «1. Un programma di aiuti di stato pubblico rivisto, allaltezza della Cina e del Nord America: semplice e potente.
    2. Una forte strategia per le materie prime, che definiscono l80% dei costi delle celle. Catene di approvvigionamento resilienti sono vitali per la competitività.
    3. Energia verde a prezzi totali competitivi inferiori a 7 cent/kwh.
    4. Una forte attenzione al settore delle apparecchiature per la produzione di celle. Sviluppare le conoscenze in questa tecnologia chiave è fondamentale».
    «Soprattutto, abbiamo bisogno di velocità. LIRA è in vigore e sta già producendo risultati. La Volkswagen costruirà le sue prime due gigafabbriche a Salzgitter e Valencia. Ma vediamo anche che stiamo facendo progressi molto più rapidi in altre regioni, in particolare nella regione nordamericana. Nei prossimi giorni, mesi e anni verranno prese importanti decisioni sulla localizzazione». O sulla delocalizzazione, a seconda dei punti di vista.

    Most Popular

    Verso un’Italia cashless: innovazione digitale, resistenze culturali e impatto ambientale

    Nel 2024, il panorama finanziario italiano ha mostrato una chiara tendenza verso l'adozione dei pagamenti digitali, sostenuta in particolare dalla Generazione Z, che evidenzia...

    Massimiliano Salini su von der Leyen e la Sostenibilità Ambientale

    Nella seconda parte dell'intervista rilasciata a Fanpage, Massimiliano Salini ha ribadito l'appoggio di Forza Italia alla rielezione di Ursula von der Leyen alla guida...

    Piemonte, Moody’s eleva il rating. Un segnale positivo per gli investitori

    L'agenzia di rating newyorkese Moody's ha recentemente rivisto al rialzo il rating del Piemonte, portandolo da Ba1, un livello considerato "Non-Investment Grade", a Baa3,...

    Imprese, 1,5 milioni di nuove assunzioni nel prossimo trimestre

    Secondo quanto emerge dal Bollettino del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e ministero del Lavoro, nel trimestre aprile-giugno 2024 sono in programma nuove...

    Recent Comments