sabato, Dicembre 2, 2023
More
    Home Politica ELLY SCHLEIN O DEL NUOVO CHE ARRETRA

    ELLY SCHLEIN O DEL NUOVO CHE ARRETRA

    ELLY SCHLEIN O DEL NUOVO CHE ARRETRA
    Ci siamo! Oggi, Domenica 26 febbraio ci saranno le elezioni primarie del Partito
    Democratico in cui verrà scelto il nuovo segretario. Per dimostrare che alle primarie
    parteciperanno un gran numero di cittadini potranno votare non solo gli iscritti al
    partito, ma anche coloro che hanno almeno 16 anni, i cani ammaestrati e i cartelli
    stradali. I seggi saranno persino all’interno di parrucchieri e kebab e questa non è una
    battuta.

    I due candidati sono Stefano Bonaccini, attuale presidente dell’Emilia-Romagna, e la
    deputata Elly Schlein. I due hanno in comune valori, politiche sociali e la volontà di
    rinnovare profondamente il partito, con la differenza sostanziale tra i due che lui ha la
    barba e lei è bisex. I sondaggi danno Bonaccini in vantaggio di oltre 15 punti
    percentuali, ma la Schlein potrebbe affermarsi come la sorpresa dell’ultimo momento
    anche perché gli elettori di sinistra sanno che dentro al seggio elettorale Berlinguer li
    guarda.

    Elly Schlein sembra dunque essere il nuovo che avanza a sinistra, ma in sostanza non
    cambia nulla nelle idee (poche) e nel metodo (anti democratico). L’idea di base è infatti
    sempre la stessa: l’antifascismo. Il grande vantaggio di essere antifascisti è quello di
    essere sempre e comunque dalla parte della verità e della giustizia. L’antifascismo è la
    grande premessa che permette di essere antidemocratici senza vergogna.
    Così la ragazza milionaria di sinistra può decidere chi sia degno o meno di
    rappresentare le istituzioni al di là della volontà del popolo e del voto elettorale. Così
    volano le richieste di dimissioni degli indegni. Ecco le prove: “L’unica sciagura per le
    famiglie italiane è avere la seconda carica dello Stato che fa dichiarazioni omofobe,
    sessiste, e nostalgiche dimostrando la totale inadeguatezza al ruolo istituzionale che
    ricopre”. Così la candidata alla segreteria del Pd, Elly Schlein, in un tweet riferendosi
    alle parole di Ignazio La Russa che si è permesso di affermare che se dovesse avere
    un figlio omosessuale sarebbe dispiaciuto. Non si può avere un’opinione diversa dal
    pensiero dominante.

    O ancora: “Penso che un Governo che tace su un’aggressione squadrista e che
    minaccia di punire una preside è un Governo che legittima quel metodo. Penso che
    un ministro che ha giurato sulla Costituzione antifascista non dovrebbe più essere
    ministro”, a proposito del ministro Valditara che si è permesso di definire
    “inopportuna” la lettera antifascista della preside a riguardo degli scontri tra studenti.
    Abbiamo poi scoperto che a iniziare gli scontri siano stati i pacifisti di sinistra che
    poi, come al solito, si sono fatti passare come le vittime.

    E infine: “Aspettiamo le dimissioni di Delmastro e Donzelli”, rispettivamente
    sottosegretario alla Giustizia e vicepresidente del Copasir, sulla vicenda Cospito e
    in difesa del 41bis che la sinistra tanto detesta quando va a colpire “i compagni che

    sbagliano”. Nel caso di Cospito tra l’altro parliamo “solo” di un gambizzatore e
    bombarolo che non ha ucciso nessuno! Insomma un bravo ragazzo.
    Insomma Elly Schlein non propone niente di nuovo se non la prepotenza di chi in
    nome dell’antifascismo si erge giudice e paladino della giustizia universale. In
    definitiva tutto bene, il Partito Democratico, già in caduta verticale, non ha idee e
    atteggiamenti nuovi capaci di rinnovarlo al proprio interno e agli occhi di nuovi
    eventuali elettori. Non ci resta di augurare loro tutte le fortune per domenica 26 e
    se andrà male si consoleranno con un buon kebab.

    Most Popular

    Il lavoro torna a crescere: in Piemonte il mercato è dinamico

    Il lavoro torna a crescere: in Piemonte il mercato è dinamico A ottobre il numero degli occupati si attesta a circa 23 milioni 694 mila...

    Il riciclo dei Raee e la cultura dell’economia circolare nelle scuole

    Il riciclo dei Raee e la cultura dell'economia circolare nelle scuole Cambiano i tempi, cambiano le pubblicità, cambiano i modi di pensare non solo alle...

    PATRIARCA A CHI?

    PATRIARCA A CHI? Sembra che il femminicidio, e in generale il male del mondo, sia causato, soprattutto nel nostro Paese, dal patriarcato, come se negli...

    Best Managed Companies Award: al via le candidature

    Best Managed Companies Award: al via le candidature Il premio, giunto alla VII edizione italiana, è organizzato da Deloitte in collaborazione con ALTIS Università Cattolica,...

    Recent Comments