11.5 C
Milano
sabato, Gennaio 23, 2021
Home Economia Tutto e il contrario di tutto

Tutto e il contrario di tutto

Tutto e il contrario di tutto

L’effetto Covid sui mercati finanziari è stato del tutto importante e veloce sia nella discesa sia nella risalita. Dal 21 febbraio al 23 marzo 2020 i principali indici azionari hanno visto una riduzione del loro valore intorno al 30-40%, per poi ritornare ai loro valori originari circa 3/4 mesi dopo. Si è verificato un rimbalzo cosiddetto a “V”, grazie al supporto delle banche centrali che hanno erogato moltissima liquidità e alla riduzione del sentimento di panico, spesso compagno di avventura degli investitori “senza guida”.
Emotività fuori controllo

Come troppo spesso succede, nel momento in cui i mercati scendono l’emotività prende il sopravvento e l’impulsività porta il risparmiatore a fare scelte irrazionali. Infatti, come dimostrano i numeri, a marzo 4,5 miliari di euro sono stati dirottati dagli investimenti finanziari verso i conti corrente, mentre solo 1,5 miliardi nel mese di aprile, hanno avuto un movimento contrario (Plus24Ore del 13 giugno 2020). Questo dimostra come gran parte dei risparmiatori abbia venduto e conseguentemente portato a casa la perdita, nel momento in cui invece è necessario restare saldi e lucidi. Solo alcuni hanno infatti riposizionato la liquidità verso gli investimenti nel momento più opportuno per farlo: quando le valutazioni degli investimenti erano più basse.

La scelta migliore in queste situazioni, qualora ci siano le possibilità e le disponibilità liquide per farlo, è quella di investire nuovamente per guadagnare sui nuovi versamenti. In alternativa, senza aver venduto, oggi ci si ritroverebbe in una situazione di parità.
Un esempio di successo: l’indice NASDAQ

L’indice NASDAQ è l’indice dei principali titoli tecnologici della borsa americana. Questo è stato il suo andamento nell’ultimo anno:
Fonte: grafico FIDA al 22/06/2020

Dal grafico si può notare la forma a “V”: dopo il significativo ribasso si è verificata la successiva ripresa, fino a superare il suo massimo storico e sfondare i 10.000 punti, soglia mai raggiunta prima.

Questo esempio e ciò che è accaduto sui mercati in questi mesi confermano che l’investitore deve guardare oltre, concentrandosi soprattutto sul lungo periodo e realizzando che il momento di ribasso può essere un’opportunità di acquisto invece che di vendita.

Maurizio Carelli

Most Popular

Gualtieri: il governo valuta proroga selettiva del blocco dei licenziamenti

Approvato lo scostamento di bilancio, il Mef sta discutendo se prorogare il blocco dei licenziamenti. L’ulteriore scostamento di bilancio da 32 miliardi di euro proposto...

Covid 19, più innovazione per aumentare la sicurezza in azienda

La pandemia ha reso evidente quanto le azioni di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro siano fondamentali ai fini della...

Milano, ristoratori di nuovo in piazza: “Basta, siamo stremati”

Prefettura, Valassina e Regione, la protesta si snoda in più punti per amplificare il messaggio. 400 i locali già chiusi, molti altri avviati alla...

Circolo delle Imprese – Fiera Digitale del Network

Proseguono i panel della Fiera Digitale del Network organizzata dal Circolo delle Imprese.   Ieri Marco Beretta, membro dello staff di presidenza del Circolo delle Imprese,...

Recent Comments