11.5 C
Milano
mercoledì, Febbraio 1, 2023
Home Politica BEPPE SALA E LE MULTE SALATE

BEPPE SALA E LE MULTE SALATE

BEPPE SALA E LE MULTE SALATE

Beppe Sala, il sindaco di Milano che ama i colori dell’arcobaleno, con la scusa
dell’attenzione all’ambiente e alla salute dei suoi cittadini, ultimamente si è superato
con una serie di iniziative che farebbero ridere se non facessero piangere. D’altra
parte il sindaco non ci stupisce per le sue uscite clamorose. Basti pensare che nel
curriculum di Beppe c’è già l’essersi accreditato il merito e il successo dell’Expo,
vinto invece anni prima dalle forze dal centro destra. Insomma Beppe è simpatico
come il compagno di banco che copiava da voi e poi si vantava di aver preso un voto
migliore.

Il sindaco dei radical-chic che vivono all’interno del centro del centro di Milano, una
piccola zona di circa un chilometro di diametro, ha infatti pensato bene di inventare
la Zona B: zona in cui è vietato l’ingresso al maggior numero di automezzi – possono
entrare solo auto non inquinanti dai prezzi esorbitanti. Ma la cosa grave è che il
divieto parte dai più lontani confini della periferia dove la gente parla addirittura un
dialetto diverso dal milanese.

Non contento di questo primo danno alla città che ha messo in difficoltà migliaia di
cittadini che ogni giorno entrano in città per lavorare, il Nostro, invece di abbassare il
prezzo dei mezzi pubblici, cosa che chiunque avrebbe fatto dopo aver limitato il
traffico, è riuscito ad aumentare i prezzi, rendendo in questo modo la metropoli
fruibile solo ad alcuni sceicchi, agli oligarchi russi, a Bill Gates, Jeff Bezos e Elon
Musk.

Naturalmente, a partire da settembre, chi entrerà senza averne i requisiti nella città
che una volta era da bere, sarà pesantemente sanzionato perché come tutti sanno il
fine della perversa operazione “Zona B” non è diminuire l’inquinamento, non è la
salvaguardia dell’ambiente, non è neanche la salute dei milanesi, che comunque
vengono aggrediti in Stazione Centrale dove c’è un tasso di criminalità che Kabul a
confronto sembra Città del Vaticano, ma in realtà il fine ultimo è ingrassare le casse
del Comune.

Ma come tutte le migliori storie, anche questa non può non avere il suo lieto fine. Il
sindaco infatti non si accontenta dello sbarramento del traffico e dell’aumento dei
prezzi dei mezzi pubblici, ma, a partire dall’anno prossimo, vuole portare il limite di
velocità in città a 30 chilometri orari. In pratica in retromarcia o a spingere l’auto si
viaggia più veloci, senza parlare dei tempi di percorrenza che ci vedranno invecchiare
in auto.

Per tutti questi motivi sorridiamo nello scoprire alcuni modi creativi, ma attenzione,
assolutamente illegali, che sono stati escogitati dal genio di alcuni italiani per evitare
di essere sanzionati dallo sguardo sempre vigile delle telecamere che ormai
circondano Milano come una sorta di muro invalicabile.

C’è infatti chi si è inventato la targa a scomparsa: un dispositivo meccanico che,
premendo un semplice comando, oscura la targa e la rendono indecifrabile alle
telecamere grazie ad una sorta di filtro di plastica. C’è poi chi ha scelto la strada più
semplice: usare un pezzo di nastro adesivo bianco per modificare le iniziali della
propria targa, ad esempio da EM a FM. Qualcun altro si è inventato un congegno
meccanico, attivabile dal conducente, che all’occorrenza ruota di 90 gradi verso il
basso le due targhe rendendole illeggibili.

Ai milanesi non resta che ringraziare il “sindaco di sinistra dei ricchi” che sta
trasformando la capitale economica del Sud Europa, in una scatola vuota per pochi e
comunque sempre inquinata. Un primo cittadino contro il razzismo nei confronti dei
migranti, ma a favore del razzismo economico nei confronti dei “suoi” cittadini.

Giovanni Zola

Most Popular

Sentenza Juventus: le motivazioni della Figc

Sentenza Juventus: le motivazioni della Figc Sono state diffuse le motivazioni e i criteri in base a cui la Corte federale dell’appello della Figc ha...

Guardando indietro al 2022 e in avanti al 2023.

Guardando indietro al 2022 e in avanti al 2023. Qualche osservazione sul 2022 Italia. Guardando al 2022 comincerò dalle buone notizie. In campo economico il paese...

Mosca: Xi Jinping in Russia in primavera. Ma Pechino rimane prudente

Mosca: Xi Jinping in Russia in primavera. Ma Pechino rimane prudente Mosca cerca l’appoggio di Pechino alla sua aggressione militare contro Kiev fin dall’inizio dell’invasione...

Recent Comments