venerdì, Aprile 19, 2024
More
    Home Politica SCUOLE COMUNALI di Milano: un’altra stangata ai cittadini più deboli

    SCUOLE COMUNALI di Milano: un’altra stangata ai cittadini più deboli

    SCUOLE COMUNALI di Milano
    un’altra stangata ai cittadini più deboli

    Inizio d’anno all’insegna dei rincari” è la frase ricorrente in tutti i media e il Comune di Milano non ha voluto esserne fuori, ma forse ha scelto il settore sbagliato, e soprattutto, nel modo sbagliato.

    L’incremento superiore all’8% del contributo per la refezione scolastica e per servizi legati alla prima infanzia non può che sollevare dissensi e polemiche da parte delle famiglie colpite da questa decisione.

    Il settore della scuola dell’infanzia, da sempre ha avuto un’attenzione particolare, anche dal Comune di Milano, perché oltre ad essere un importante servizio pedagogico per la crescita personale dei bambini, offre un servizio sociale alle famiglie ai fini dell’assistenza ai genitori per la gestione dei tempi di casa e lavoro.

    Se l’incremento può avere un senso, poiché è legato anche all’incremento generalizzato dei generi alimentari e alla necessità di coprire un enorme buco di bilancio, occorrerebbe recuperare risorse in altri settori per ridurre l’incremento.

    Piattaforma Milano ritiene che occorrerà rivedere la fascia di esenzione alzandola verso una fascia di reddito attendibile che tenga conto di quanto deve essere un reddito minimo per una famiglia con figli e non limitandolo come indica la proposta del Comune a chi ha reddito annuo di 4.000 euro (inferiore al reddito di cittadinanza) ossia chi avrebbe bisogno non solo di esenzione, ma di aiuti economici e servizi aggiuntivi.

    Occorrerà almeno dar seguito all’ordine del giorno approvato in Consiglio che impegna la Giunta ad aumentare la no-tax area.

    Questa notizia arriva sulla testa dei cittadini interessati in contemporanea con la comunicazione di programmazione di nuove grandi opere e dei relativi impegni finanziari e non può che stridere alle loro orecchie se non come un’ingiustizia sociale nei loro confronti.

    Piattaforma Milano, sempre dalla parte delle famiglie, si augura che la Giunta usi il buon senso, riveda e corregga la decisione per renderla più accettabile. I cittadini subiscono, ma ricordano e valutano e non lo dimenticheranno, anche se lontano al momento del prossimo voto amministrativo.

    Riferimenti:

    presidenza@piattaformamilano.it

    info@piattaformamilano.it

    Most Popular

    L’inversione della polemica: un emendamento in tema aborto pone ai ferri corti Roma e Madrid

    Parlare di aborto in Italia è come aprire il vaso di Pandora del dibattito pubblico italiano, anche se questa volta lo scontro ha assunto...

    Trasporto aereo in Italia nel 2023: crescita e preferenze passeggeri

    Nel 2023, il settore del trasporto aereo in Italia ha vissuto un forte incremento, registrando un totale di 197 milioni di passeggeri, un aumento...

    Nasce il “Museo Inclusivo”: un viaggio nell’arte e nella creatività per persone con autismo

    L’iniziativa promossa dall’ufficio Servizi educativi e accessibilità del Castello Sforzesco e dall’Associazione “Portami per mano Onlus”, in collaborazione con la società Ad Artem. In una...

    Un nuovo paradigma per l’Europa: Il discorso di Draghi

    Nel cuore dell'Europa, a La Hulpe in Belgio, Mario Draghi ha delineato una visione rinnovata per il futuro dell'Unione. Durante la High-level Conference sui...

    Recent Comments