venerdì, Aprile 19, 2024
More
    Home Prima pagina Agricoltura, l’allarme del CAI: manca il 40% del fabbisogno nazionale di concimi

    Agricoltura, l’allarme del CAI: manca il 40% del fabbisogno nazionale di concimi

    Agricoltura, l’allarme del CAI: manca il 40% del fabbisogno nazionale di concimi
    L’arrivo della primavera rischia di essere problematico per gli agricoltori italiani. In questo momento manca infatti circa il 40% del fabbisogno di concimi per le campagne primaverili secondo quanto afferma CAI (Consorzi Agrari d’Italia). L’Italia si trova davanti a una carenza di fertilizzanti tradizionali dovuta non solo al caro energia ma anche al balzo dei prezzi dei prodotti conseguente alla guerra in Ucraina che ha portato alla chiusura temporanea dello stabilimento di Yara a Ferrara, il centro di produzione più importante del Paese.
    La situazione è critica al tal punto che si stanno studiando soluzioni alternative per salvare le colture italiane quali grano e mais ma anche quelle di patate e pomodoro. I tecnici del CAI consigliano di utilizzare prodotti a cessione controllata dell’azoto per ottenere un risparmio del 25% circa sui costi standard di concimazione oppure di ricorrere ai sistemi di agricoltura di precisione che permettono di massimizzare la concimazione e risparmiare il 20% sul dosaggio di prodotti tradizionali.
    L’Italia è particolarmente esposta sul versante dei concimi minerali (azotati, fosfatici, potassio), importandone ben il 70%: l’Egitto è un partner importante dal momento che da solo rappresenta quasi il 50% dell’import seguito dall’Ucraina che pesa per un 10-15%, Algeria, Libia, Turchia, Marocco, Bielorussia e Russia. Meno problematico l’approvvigionamento dei fertilizzanti organici e organominerali, la cui produzione nazionale arriva a coprire il 90% del fabbisogno.
    Il mondo dell’agricoltura è in allarme da mesi dal momento che i prezzi dei concimi non tendono a diminuire. Il CAI sottolinea come l’urea (il concime azotato più diffuso) abbia superato i 1000 euro per tonnellata quando solamente l’anno scorso, di questi tempi, si aggirava intorno a 350 euro/ton. Il nitrato ammonico ha raggiunto la quota record di 1000 euro/ton, il perfosfato minerale è passato da 170 agli attuali 350 euro/ton mentre i concimi a contenuti di potassio sono schizzati da 450 a 850 euro/tonnellata.

    Most Popular

    L’inversione della polemica: un emendamento in tema aborto pone ai ferri corti Roma e Madrid

    Parlare di aborto in Italia è come aprire il vaso di Pandora del dibattito pubblico italiano, anche se questa volta lo scontro ha assunto...

    Trasporto aereo in Italia nel 2023: crescita e preferenze passeggeri

    Nel 2023, il settore del trasporto aereo in Italia ha vissuto un forte incremento, registrando un totale di 197 milioni di passeggeri, un aumento...

    Nasce il “Museo Inclusivo”: un viaggio nell’arte e nella creatività per persone con autismo

    L’iniziativa promossa dall’ufficio Servizi educativi e accessibilità del Castello Sforzesco e dall’Associazione “Portami per mano Onlus”, in collaborazione con la società Ad Artem. In una...

    Un nuovo paradigma per l’Europa: Il discorso di Draghi

    Nel cuore dell'Europa, a La Hulpe in Belgio, Mario Draghi ha delineato una visione rinnovata per il futuro dell'Unione. Durante la High-level Conference sui...

    Recent Comments