domenica, Aprile 14, 2024
More
    Home Prima pagina BIDEN E LA RISPOSTA DEGLI STATI UNITI ALL’INVASIONE RUSSA

    BIDEN E LA RISPOSTA DEGLI STATI UNITI ALL’INVASIONE RUSSA

    BIDEN E LA RISPOSTA DEGLI STATI UNITI ALLINVASIONE RUSSA
    Biden chiama gli Alleati allunità, definisce Putin un dittatore e avverte che pagherà un prezzo altissimo.
    La risposta del Presidente americano Joe Biden è arrivata. Gli Stati Uniti chiamano gli Alleati allunità, rimandando indietro le lancette della storia fino ai tempi della Guerra Fredda, per non dire fino agli anni della Seconda guerra mondiale. Il vento che tira sembra lo stesso ma i tempi sono cambiati e lalleanza delloccidente è solida e compatta nel condannare linvasione russa allUcraina. E le parole di Joe Biden sono dure, allindomani del discorso di Roberta Metsola al Parlamento Europeo, anchesse chiare e concise nel dichiarare il pieno supporto al Governo di Zelensky. La libertà trionfa sempre sulla tirannia. Noi salveremo la democraziaha detto il Presidente degli Stati Uniti durante il suo primo discorso sullo stato dellUnione davanti al Congresso, che ha visto la presenza come ospite donore anche dellambasciatrice ucraina negli Stati Uniti, Oksana Markarova. Parole che suonano anche come una chiara volontà di rilanciare la propria popolarità e il proprio consenso, crollati entrambi giorno dopo giorno dal suo insediamento alla Casa Bianca, e precipitati vertiginosamente dopo i fatti di Kabul dellagosto scorso, seguiti dal progressivo incremento dellinflazione americana e dal blocco del Build Back Betterormai arenato in Congresso, dove è fermo da mesi. I piani di rilancio delleconomia americana, contestualmente con la programmazione della transizione verde sono cambiati a causa dello scoppio della guerra in Ucraina.
    Sei giorni fa, Vladimir Putin ha cercato di scuotere le fondamenta stesse del mondo libero, pensando di poterlo piegare ai suoi modi minacciosi. Ma ha calcolato male. Pensava di poter arrivare in Ucraina e il mondo si sarebbe prostrato ai suoi piedi. Invece, ha incontrato un muro di forza che non aveva mai previsto o immaginato. Ha incontrato il popolo ucrainoha affermato Biden, Nel corso della nostra storia abbiamo imparato questa lezione: quando i dittatori non pagano un prezzo per la loro aggressività, causano più caos. Continuano a muoversi. E i costi e le minacce per l’America e il mondo continuano ad aumentare. Parole tanto forti quanto necessarie per riportare gli Stati Uniti ad ununità che sembrava persa da tempo, ritrovata forse di fronte alla nuova – si fa per dire – minaccia russa. Ecco perché la Nato è stata creata, per garantire pace e stabilità in Europa dopo la Seconda guerra mondiale. Gli Usa sono membri insieme ad altre 29 nazioni. Conta. E la diplomazia americana conta. La guerra di Putin è stata premeditata e non provocata. Ha rifiutato gli sforzi di negoziato. Pensava che l’Occidente e la Nato non avrebbero risposto. E pensava di poterci dividere qui, a casa. Putin aveva torto. Eravamo prontiha concluso Biden. In mattinata, il Presidente americano aveva infatti promesso a Zelensky, collegato da remoto dal suo bunker di Kiev, che gli aiuti militari, economici e umanitari sarebbero presto arrivati in Ucraina, confermando che le sanzioni a Mosca proseguiranno e soffocheranno leconomia russa, ma bocciando la richiesta di dichiarare una no fly zonesui cieli ucraini, perché significherebbe coinvolgere i piloti statunitensi nelle operazioni belliche, col rischio di intensificare ancor di più le tensioni con la Russia. Di contro, Biden ha annunciato la chiusura dei cieli americani ai voli commerciali russi e la creazione di una task force per disporre il sequestro dei beni dei ricchi oligarchi, chiudendo con una minaccia nei confronti di Putin: Non ha idea di cosa lo aspetta.
    Che il programma del Presidente americano subirà unimportante variazione è ormai cosa ovvia. Oggi il fronte comune è certamente lunità americana per fronteggiare Putin, ma Biden nel suo discorso non ha certo dimenticato gli altri importanti problemi che non devono passare in secondo piano, in primis quello dellinflazione: Un modo per combattere l’inflazione sarebbe quello di abbassare i salari e rendere gli americani più poveri. Ma io ho un piano migliore. Ridurre i costi, non i salari. Produrre più automobili e semiconduttori in America. Più infrastrutture e innovazione. Più merci che si spostano più velocemente e a buon mercato. Più posti di lavoro dove puoi guadagnarti da vivere. E, invece di fare affidamento su catene di approvvigionamento estere, facciamolo in America”. Quindi ha concluso: “Gli economisti lo chiamano ‘aumento della capacità produttiva della nostra economia’. Io lo chiamo costruire un’America migliore. Il mio piano per combattere l’inflazione abbasserà i vostri costi e abbasserà il deficit.
    Davanti ad un Congresso riunito per la prima volta da due anni senza lobbligo di indossare la mascherina, Biden ha fatto anche il punto sulla pandemia, sottolineando come la curva dei contagi negli Stati Uniti sia finalmente in netta discesa, e illustrando così il suo piano per il ritorno alla normalità, una normalità che non implica la convivenza con il Covid ma la sua definitiva sconfitta.
    Andrea Valsecchi

    Most Popular

    Verso un’Italia cashless: innovazione digitale, resistenze culturali e impatto ambientale

    Nel 2024, il panorama finanziario italiano ha mostrato una chiara tendenza verso l'adozione dei pagamenti digitali, sostenuta in particolare dalla Generazione Z, che evidenzia...

    Massimiliano Salini su von der Leyen e la Sostenibilità Ambientale

    Nella seconda parte dell'intervista rilasciata a Fanpage, Massimiliano Salini ha ribadito l'appoggio di Forza Italia alla rielezione di Ursula von der Leyen alla guida...

    Piemonte, Moody’s eleva il rating. Un segnale positivo per gli investitori

    L'agenzia di rating newyorkese Moody's ha recentemente rivisto al rialzo il rating del Piemonte, portandolo da Ba1, un livello considerato "Non-Investment Grade", a Baa3,...

    Imprese, 1,5 milioni di nuove assunzioni nel prossimo trimestre

    Secondo quanto emerge dal Bollettino del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e ministero del Lavoro, nel trimestre aprile-giugno 2024 sono in programma nuove...

    Recent Comments