venerdì, Aprile 19, 2024
More
    Home Prima pagina Per tutelare la sicurezza degli operatori è necessario avere la giusta conoscenza...

    Per tutelare la sicurezza degli operatori è necessario avere la giusta conoscenza di tutte le normative relative alle linee vita attualmente vigenti sul territorio nazionale e regionale.

    Per tutelare la sicurezza degli operatori è necessario avere la giusta conoscenza di tutte le normative relative alle linee vita attualmente vigenti sul territorio nazionale e regionale. In questo articolo scopriamo quando la linea vita è obbligatoria, come è disciplinato l’obbligo di messa in sicurezza e quali sono i tempi previsti per la manutenzione delle linee vita. 
     
    Tra gli argomenti trattati puoi trovare: 
    Linee vita: quando sono obbligatorie? 
    Cosa prevede la normativa nazionale?
    Manutenzione: come e quando è necessaria?
     
    Linee vita: quando sono obbligatorie?
    Le linee vita sono dispositivi di sicurezza, per la precisione sono dispositivi di ancoraggio anticaduta. Questi ultimi sono regolamentati dalle leggi europee UNI EN 795:2012 e UNI 11578:2015 cioè da norme che specificano le prestazioni, i requisiti e i metodi di prova dei dispositivi di ancoraggio. 
     
    Ma veniamo al dunque: quando sono obbligatorie le linee vita? Secondo le attuali normative dedicate ai lavori in quota, la figura responsabile della sicurezza ha l’obbligo di messa in sicurezza dei cosiddetti “lavori in quota”. Con lavoro in quota si intendono tutti quei lavori o interventi in cui si opera ad un’altezza pari o superiore ai 2 metri rispetto a un piano stabile. 
     
    Le linee vita rientrano nella categoria dei dispositivi anticaduta e dunque risultano essere necessarie per la messa in sicurezza di alcune attività lavorative come: montaggio, manutenzione, lavori alle coperture etc
     
    In Italia, esistono leggi per le linee vita e i dispositivi anticaduta su piùdue livelli, i più noti sono quello: nazionale e regionale. 
     
    Normativa nazionale
    Sul territorio nazionale i lavori in quota sono regolamentati dall’Art. 115 del D.Lgs. 81/2008 inerente ai “Sistemi di protezione contro le cadute dall’alto”. L’articolo indica tutte le attrezzature e i dispositivi che vengono ritenuti necessari per la sicurezza dei lavoratori che svolgono attività in alta quota, tra questi dispositivi rientrano le linee vita come sistemi di ancoraggio. 
     
    Più nello specifico, la normativa nazionale afferma che qualora non siano state adottate delle misure di sicurezza collettive, è obbligatoria la messa in sicurezza tramite idonei dispositivi di protezione personale e conformi alle norme tecniche stabilite dalla normativa. 
    Tra i dispositivi di sicurezza conformi presenta i seguenti: 
    Assorbitori di energia
    Guide o linee vita rigide
    Connettori
    Guide o linee vita flessibili
    Dispositivo di ancoraggio
    Cordini
    Dispositivi retrattili
    Imbracatura
     
    La normativa afferma inoltre che non è strettamente necessario che i dispositivi debbano essere utilizzati contemporaneamente se non è indispensabile alla messa in sicurezza.
     
    Normativa regionale
    D’altra parte diverse regioni hanno deciso di sensibilizzarsi sulla questione e hanno introdotto l’obbligo di installazione di linee vita su coperture e tetti ad alta quota. Esistono leggi regionali per le seguenti regioni: 
     
    Lombardia
    Emilia Romagna 
    Sicilia
    Toscana
    Piemonte 
    Liguria
    Umbria
    Marche
    Friuli Venezia Giulia
    Veneto
    Campania 
    Sardegna
    Provincia autonoma di Trento
     
    In queste regioni è stata introdotta l’obbligatorietà delle linee vita in determinate situazioni e contesti. Le regioni elencate qui sopra impongono l’installazione delle linee vita in tutte le nuove costruzioni o per gli interventi di ristrutturazione/installazione ad alta quota. 
     
    Manutenzione: come e quando è obbligatoria
    La manutenzione delle linee vita è un tema molto discusso e di fondamentale importanza per garantire la sicurezza dei lavoratori ed evitare spiacevoli penali al soggetto responsabile. 
     
    Le domande tipiche che ci vengono solitamente poste sono:
    Perché è necessario eseguire l’ispezione periodica?
    Da chi possono essere eseguite le manutenzioni delle linee vita?
    Cosa comprendono le manutenzioni?
    Ogni quanto è necessario svolgere le revisioni?
     
    Perché è necessario eseguire l’ispezione periodica?
    Esiste l’obbligo di ispezione periodica e manutenzione sulle linee vita per varie ragioni, in particolare due di queste sono di fondamentale importanza: 
     
    1. Per verificare la corretta funzionalità dell’impianto: tale controllo è volto a controllare che la struttura non abbia subito danni, manomissioni o cadute occultate.
    2. Per non rispondere sia civilmente che penalmente in caso di caduta: le responsabilità civili e penali non sono da sottovalutare quando si parla di sicurezza. Per questo motivo una corretta manutenzione solleva il proprietario o il responsabile di sicurezza da ogni responsabilità. 
     
    Da chi possono essere eseguite le manutenzioni delle linee vita?
    Tutte le tipologie di linee vita devono essere sottoposte a manutenzione da personale qualificatogli installatori e/o ispettori di riferimento. Secondo la normativa UNI 11560:2014 che regolamenta questa pratica, il personale destinato alla revisione deve essere costituito da tecnici esperti ai quali è stato rilasciato un certificato di idoneità alla manutenzione. 
     
    Le tue linee vita necessitano di una revisione? I tecnici Spider sono specializzati nella manutenzione di linee vita per ogni settore. 
    Contatta un nostro esperto!
     
    Cosa comprendono le manutenzioni?
    Le manutenzioni di Spider comprendono tutti i controlli necessari per fare sì che i dispositivi si possano continuare a utilizzare e che possano perdurare negli anni. 
     
    Le ispezioni si suddividono in tre categorie principali: 
     
    1. Ispezioni che precedono il montaggio: cioè tutti i controlli necessari per la verifica e il controllo per assicurarsi che la superficie di ancoraggio sia adatta alla linea vita. 
    2. Ispezioni che precedono l’utilizzo del dispositivo: a seguito del montaggio è necessario ispezionare il dispositivo per verificare che sia in sicurezza. 
    3. Ispezioni periodiche: controlli periodici per permettere il continuo utilizzo del dispositivo anticaduta in totale sicurezza negli anni. 
     
    I controlli effettuati comprendono verifiche a tutte le componenti della linea vita: 
     
    Verifica usura, ossidazione e corrosione
    Verifica deformazione anomala della fune
    Verifica deformazione componenti
    Serraggio morsetti
    Serraggio dadi e bulloni: verifica con chiave dinamometrica della coppia di serraggio delle bullonerie (come da prescrizione metrica dei vari filetti/bulloni)
    Verifica della tensione del cavo
    Stato delle eventuali parti mobili
     
    Ogni quanto è necessario svolgere le revisioni?
    Ogni linea vita o sistema di ancoraggio, deve essere ispezionato ad intervalli regolari (generalmente annuali)raccomandati dal fabbricante dei dispositivi stessi. Le norme tecniche prescrivono in ogni casoA norma di legge, è però obbligatorio che l’intervallo tra due ispezioni non superi i 2 anni per i controlli al sistema di ancoraggio e i 4 anni per i controlli relativi alla struttura di supporto e agli ancoranti
     
    Hai bisogno di maggiori informazioni?
    Contatta un nostro esperto!

    Most Popular

    L’inversione della polemica: un emendamento in tema aborto pone ai ferri corti Roma e Madrid

    Parlare di aborto in Italia è come aprire il vaso di Pandora del dibattito pubblico italiano, anche se questa volta lo scontro ha assunto...

    Trasporto aereo in Italia nel 2023: crescita e preferenze passeggeri

    Nel 2023, il settore del trasporto aereo in Italia ha vissuto un forte incremento, registrando un totale di 197 milioni di passeggeri, un aumento...

    Nasce il “Museo Inclusivo”: un viaggio nell’arte e nella creatività per persone con autismo

    L’iniziativa promossa dall’ufficio Servizi educativi e accessibilità del Castello Sforzesco e dall’Associazione “Portami per mano Onlus”, in collaborazione con la società Ad Artem. In una...

    Un nuovo paradigma per l’Europa: Il discorso di Draghi

    Nel cuore dell'Europa, a La Hulpe in Belgio, Mario Draghi ha delineato una visione rinnovata per il futuro dell'Unione. Durante la High-level Conference sui...

    Recent Comments