venerdì, Marzo 1, 2024
More
    Home Prima pagina TRANSIZIONE ECOLOGICA, LA PARTITA SI GIOCA NEL 2022

    TRANSIZIONE ECOLOGICA, LA PARTITA SI GIOCA NEL 2022

    TRANSIZIONE ECOLOGICA, LA PARTITA SI GIOCA NEL 2022
    È Brescia una delle province che sembrano maggiormente interessate alla transizione ecologica, digitale ed energetica verso cui sta andando il mondo produttivo, anche in virtù e per effetto delle politiche del Next Generation europeo, che sta iniziando a vedere lattuazione anche nel nostro Paese con il PNRR. Non solo benefici però, perché le imprese saranno costrette a delicate trasformazioni in vari settori produttivi. Saremo quindi pronti per cogliere nel modo giusto questa interessante opportunità? La parola spetterà soprattutto alle istituzioni, che dovranno dimostrare la capacità di porre in essere adeguate politiche attive, ed incanalare pertanto le imprese in questo percorso di mutamento verso una direzione sempre più moderna. Non è un segreto che Brescia sia la prima provincia industriale dEuropa sia per valore aggiunto (oltre 10 miliardi di euro) sia per numero di occupati (oltre 160mila) – superando anche importanti distretti industriali della Germania – ed è chiaro che su questo fronte rappresenterà la bussola del processo di transizione.
    Resta però emblematico un altro dato da non sottovalutare. Nel bresciano, secondo quanto rilevato da Cisl, il 14,1% dei cittadini in età lavorativa sarebbero Neet, 8mila persone cioè che non studiano e non lavorano. Un dato certamente preoccupante che va posto alla base di una serie di riflessioni, ma che comunque è nettamente al di sotto della media nazionale, pari al 29,8%. E lo stesso discorso vale per i tassi di disoccupazione, che mentre a livello nazionale sono pari al 9,2%, nel bresciano restano attorno al 4,5%, e il 53,6% di questi sono disoccupati di lunga data, e parrebbero rappresentare la cosiddetta disoccupazione fisiologica.
    La transizione ecologica rappresenterà senzaltro un percorso virtuoso per tutti gli imprenditori che vi faranno fronte decidendo di attivarsi per un percorso di riqualificazione, ma che richiederà tempo e convergenza di interessi. Si tratta di politiche attive che faranno di certo bene al Paese e al mondo del lavoro: le dinamiche dei privati dovrebbe facilmente garantire nuovi posti di lavoro e livellare ancor di più la soglia di disoccupazione, molto più di quanto non possano fare i Centri per limpiego, che anche recentemente hanno dimostrato tutti i loro limiti. Sono infatti solo il 5% i lavoratori che sono riusciti a trovare unoccupazione grazie al loro intervento, contro un 16% dellapporto privato. Ed il punto è stato colto nel migliore dei modi anche da Tiziano Treu, già Ministro del Lavoro e oggi presidente del CNEL, sottolineando che Il maggior successo del privato rispetto al pubblico è legato al maggior rapporto che il primo ha con le imprese rispetto al settore pubblico. Lapalissiano, potremmo dire. Ed è proprio per questo che sarà determinante il coinvolgimento di aziende e rispettive associazioni di categoria nel processo, con la finalità di creare le giuste sinergie ed arrivare allobiettivo. Per quanto riguarda ad esempio il settore siderurgico, uno dei più importanti quanto a presenza sul territorio bresciano, si è espresso il numero uno di Assofond Roberto Ariotti: Limplementazione della ricerca necessaria alla decarbonizzazione costerà alle imprese 15 miliardi di euro in 10 anni, ma consentirà la creazione di 150.000 posti di lavoro qualificatiha dichiarato, Con Confindustria abbiamo proposto al Governo di costituire un fondo. Questo permetterebbe alle nostre aziende di avviare investimenti generatori di 10 miliardi di PIL fino al 2030.
    Un 2022 che segnerà pertanto il punto di partenza di un processo lungo e complesso, ma dal quale si potranno cogliere importanti frutti.
    Andrea Valsecchi

    Most Popular

    G20 Brasile: proposta di imposta minima globale sui super ricchi

    G20 Brasile: proposta di imposta minima globale sui super ricchi Durante il summit del G20 Economia tenutosi a San Paolo il ministro brasiliano delle Finanze,...

    Obiettivi PNRR: l’Italia meglio di tutti

    Obiettivi PNRR: l’Italia meglio di tutti Forse nessuno se lo aspettava; o meglio, il preconcetto sull’indole nazionale e un dibattito politico interno tutto teso a...

    L’Italia sta affrontando una marcata carenza di laureati in ambito STEM

    L'Italia sta affrontando una marcata carenza di laureati in ambito STEM (Science, Technology, Engineering, Mathematics), con una stima annuale di 230.000-240.000 figure professionali introvabili....

    Dop e Igp, al via le nuove regole

    Dop e Igp, al via le nuove regole Varata la nuova riforma europea per la tutela dei marchi Dop e Igp. L’obiettivo è quello di...

    Recent Comments