venerdì, Marzo 1, 2024
More
    Home Prima pagina Prezzi: dall’Unione Nazionale Consumatori la top ten dei rincari

    Prezzi: dall’Unione Nazionale Consumatori la top ten dei rincari

    Prezzi: dall’Unione Nazionale Consumatori la top tendei rincari
    Schizzano alle stelle i voli, gas e telefoni. Preoccupano i rialzi per farina e giochi, salvo per ora il pane. Dona: “Con questo stesso ritmo, effetti nefasti sul Natale”.
    A lievitare nel mese di ottobre non sono solo voli, luce, gas e benzina, ma anche olio, pasta, carne e giochi. È quanto emerge dall’analisi dei dati Istat effettuata dall’Unione Nazionale Consumatori per stilare la classifica dei prodotti che stanno registrando i rincari maggiori.
    In testa alla top ten dei prodotti non alimentari, i voli, con quelli internazionali che si aggiudicano il podio con un astronomico +38,8% rispetto a ottobre 2020, quasi il doppio rispetto ai voli nazionali che comunque registrano un +19,9%. Al secondo posto il gas con un +33,3% su base annua, al terzo il Gpl e il metano per auto, con un balzo del 33%, al quarto il gasolio, che registra un +23,5% per i mezzi di trasporto e un +22,3% per il riscaldamento. In quinta posizione la benzina, +22,1%. Seguono telefoni fissi e fax, +21,4%, energia elettrica in settima posizione con un +17,7%, macchine per il caffè (+15,5%) e macchine fotografiche e telecamere (+15,3%). Chiudono al decimo posto, con +13,3%, gli apparecchi per riscaldamento econdizionatori d’aria. Anche se fuori dalla top ten, preoccupa, in previsione del Natale, il rincaro dei giochi – sia tradizionali che elettronici -, che già ad ottobre segnano un +5,7% su base annua ma addirittura +2,4% su settembre e che scontano i problemi di approvvigionamento dalla Cina.
    In testa alla top ten dei prodotti alimentari, gli oli diversi da quello di oliva, che costano il 17,7% in più rispetto a un anno fa. Al secondo posto i frutti di mare freschi o refrigerati con +6%. Sul gradino più basso del podio l’olio di oliva, che vola al 4,7%. Al quarto posto il prodotto simbolo dell’identità culinaria italiana, la pasta, con un rincaro del 4,6%. Al quinto posto la carne ovina e caprina che segna un incremento del 3,5%, battendo tutte le altre carni (coniglio e carne equina +2%, suina +1,8%, pollame +1,8%, bovina +1,3%). Seguono ex aequo in sesta posizione, pesce fresco o refrigerato e vegetali surgelati diversi dalle patate, entrambi a +3,1%, in settima l’acqua minerale, +2,8%, poi i succhi di frutta con +2,6%. In nona posizione tre prodotti che salgono del 2,5%: il latte conservato, molto consumato dalle famiglie, la margarina e la farina, un rialzo, quest’ultimo, molto preoccupante considerato che è la materia prima per molto altri prodotti e che lievita dell’1,2% in appena un mese. Chiude la classifica il riso, +1,9%.
    In compenso nessuna speculazione per ora sul pane, che segna un aumento contenuto dell’1,2%, in linea con la media dei prodotti alimentari. Bene anche latte fresco intero e formaggi, ambedue +1,1%. Al tè va la palma d’oro del risparmio, con un ribasso dell’1,3% su base annua. Al secondo posto della classifica dei prodotti alimentari meno rincarati, la frutta fresca, con -1%, e il cioccolato, medaglia di bronzo con -0,9%.  In quarta posizione, a pari merito con -0,7%, cereali per colazione, uova e alimenti per bambini. In quinta, sempre in deflazione, la frutta secca e i vegetali freschi, ambedue con -0,3%. Seguono lievi aumenti: caffè e cacao (entrambi +0,1%), latte fresco parzialmente scremato e salse e condimenti (ambedue +0,4%). In ottava posizionei vegetali, (+0,6%), poi burro e zucchero (entrambi +0,8%). Chiudono la classifica dei prodotti più risparmiosi, le confetture, marmellate e miele, con +0,9%.
    Un’impennata preoccupante dell’inflazione, più che raddoppiata da giugno ad ottobre, passando dal +1,3% al +2,9% (+123%): “La ragione principale dipende dai beni energetici, luce gas e benzina, senza i quali l’inflazione annua di ottobre scenderebbe dal 2,9% all’1,1%, ma anche alcuni beni alimentari stanno subendo preoccupanti rialzi, anche per colpa delle materie prime, come il calo della produzione di frumento duro in Canada e Stati Uniti”, ha commentato Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, auspicando un intervento urgente del Governo per raffreddare i prezzi, soprattutto dei carburanti che incidono su tutta la merce trasportata su gomma. Se l’inflazione proseguisse con questo stesso ritmo – ha aggiunto –, già a novembre salirebbe al 3,2% e questi rincari potrebbero determinare una gelata sui consumi, con effetti nefasti sul Natale”.
    Micol Mulè

    Most Popular

    G20 Brasile: proposta di imposta minima globale sui super ricchi

    G20 Brasile: proposta di imposta minima globale sui super ricchi Durante il summit del G20 Economia tenutosi a San Paolo il ministro brasiliano delle Finanze,...

    Obiettivi PNRR: l’Italia meglio di tutti

    Obiettivi PNRR: l’Italia meglio di tutti Forse nessuno se lo aspettava; o meglio, il preconcetto sull’indole nazionale e un dibattito politico interno tutto teso a...

    L’Italia sta affrontando una marcata carenza di laureati in ambito STEM

    L'Italia sta affrontando una marcata carenza di laureati in ambito STEM (Science, Technology, Engineering, Mathematics), con una stima annuale di 230.000-240.000 figure professionali introvabili....

    Dop e Igp, al via le nuove regole

    Dop e Igp, al via le nuove regole Varata la nuova riforma europea per la tutela dei marchi Dop e Igp. L’obiettivo è quello di...

    Recent Comments