domenica, Aprile 21, 2024
More
    Home Prima pagina Riapertura palestre: torna solo la metà dei clienti

    Riapertura palestre: torna solo la metà dei clienti

    Riapertura palestre: torna solo la metà dei clienti
    La gente è scoraggiata dall’iscriversi alle porte dell’Estate
    Nonostante le riaperture, per i gestori delle palestre e degli impianti sportivi la situazione è tutt’altro che rose e fiori. Solo metà dei clienti sono tornati ad allenarsi.
    Per sei mesi il fatturato è stato azzerato. A poco sono servite tutte le spese sostenute per la sanificazione degli impianti e per le misure di sicurezza.
    Parecchia gente poi, non muore dalla voglia di tornare in palestra.
    Molti sportivi sono ormai abituati a praticare l’attività sportiva autonomamente, altri ancora temono il contagio e preferiscono temporeggiare.
    Altri temono che ad Ottobre si ripeterà la stessa situazione che si è verificata l’anno scorso.
    Anche per i nuovi clienti la voglia di sottoscrivere un abbonamento non è molta. La riapertura il 24 Maggio, alle porte dell’Estate, scoraggia la gente ad iscriversi in un periodo nel quale tutti sono a mare.
    In alcuni centri non è ancora possibile l’utilizzo degli spogliatoi e delle docce. Questo rappresenta un serio vincolo, ad esempio per tutti quelli che vorrebbero allenarsi in pausa pranzo.
    In questo periodo va tanto di moda il crossfit, l’allenamento che combina corpo libero e l’utilizzo di una serie di attrezzi. Un preparatore atletico rivela: “Il segreto di un buon allenamento è la variabilità. Il crossfit è solo il nuovo nome del training che si faceva negli anni Settanta quando le macchine e i tapis roulant non esistevano e ci si doveva arrabattare in qualche modo. Per i gestori è una sicura fonte di risparmio: bastano 20mila euro per allestire uno spazio per l’allenamento funzionale mentre per dotarsi di macchine professionali servono almeno 200mila euro. Per quel che mi riguarda penso che sia una moda destinata ad essere ridimensionata. Come è successo con lo spinning: quindici anni fa sembrava che dovesse spaccare il mondo. Adesso i più giovani non sanno neppure che cos’è”.
    Andrea Curcio

    Most Popular

    E se il vino sparisse? l’Italia perderebbe 1,1% del PIL

    Durante la 56esima edizione di Vinitaly, tenutasi a Verona, è stata presentata una ricerca che evidenzia l'importanza economica del settore vinicolo in Italia. L'analisi,...

    Ue, si valuta altro taglio dei tassi

    Christine Lagarde annuncia un probabile nuovo taglio dei tassi “se non ci sono shock”. "Stiamo osservando un processo disinflazionistico. Se si muove in linea con...

    Nutella: 60 Anni di Dolce Successo Globale

    Nel 1964, il panorama delle creme spalmabili fu trasformato radicalmente dall'introduzione di Nutella, opera di Michele Ferrero. Originaria di Alba, questa crema ha combinato...

    L’inversione della polemica: un emendamento in tema aborto pone ai ferri corti Roma e Madrid

    Parlare di aborto in Italia è come aprire il vaso di Pandora del dibattito pubblico italiano, anche se questa volta lo scontro ha assunto...

    Recent Comments