11.5 C
Milano
martedì, Giugno 15, 2021
Home Lombardia Lombardia, non escluso passaggio in zona arancione prima di Pasqua

Lombardia, non escluso passaggio in zona arancione prima di Pasqua

Dati in leggero miglioramento. Si attende il monitoraggio del 26 marzo per verificare i parametri della regione. Fontana: “Mi auguro ci sia la questa possibilità per dare un po’ di respiro ai lombardi”.

 

Tornare in zona arancione prima di Pasqua? È presto per dire se la Lombardia potrà fare questo passaggio prima delle festività, tuttavia se dovesse essere confermato il leggero miglioramento del trend relativo ai contagi, potrebbe scattare l’inserimento nella fascia di rischio più bassa già nell’ultima settimana del mese.

Decisivo sarà il monitoraggio del prossimo 26 marzo, quando è attesa la verifica dei parametri presi in esame dalla Cabina di regia per definire il quadro epidemiologico delle regioni. In quell’occasione, se i dati della Lombardia dovessero confermare il miglioramento generale della situazione, la regione cambierebbe colore passando in zona arancione a partire da lunedì 28 marzo fino a venerdì 2 aprile.

Guardando ai dati dei monitoraggi giornalieri, dallo scorso venerdì si registra un calo dell’incidenza dei positivi sul totale dei tamponi effettuati, passati dal 10,4% al 7,6%, percentuali che potrebbero andare in progressivo miglioramento a seguito dell’implementazione delle misure più restrittive e della campagna vaccinale, che prosegue su tutto il territorio nonostante lo stop provvisorio alla somministrazione del vaccino di Astra Zeneca.

Lo stesso presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, pur non anticipando nulla su quella che sarà la decisione degli esperti, si è detto fiducioso in forza di “qualche leggero miglioramento”, e si augura “ci sia la possibilità di passare in zona arancione anche per dare un po’ di respiro ai lombardi”, dopo la continua altalena degli stop and go.

Se fosse confermato il passaggio in arancione, per la settimana dal 28 marzo al 2 aprile le scuole potrebbero tornare a svolgere attività in presenza, con il limite del 50% per le superiori, e riaprirebbero tutte quelle attività commerciali attualmente chiuse, come parrucchieri, estetisti e negozi di generi non di prima necessità. Cinque giorni di misure allentate prima di rientrare in zona rossa nelle tre giornate – 3,4 e 5 aprile – delle festività pasquali che vedranno l’Italia blindata da nord a sud, ad eccezione delle Regioni o Province autonome che dovessero trovarsi in zona bianca.

Solo pochi giorni, quindi, ma fondamentali per dare un po’ di respiro alle attività che hanno dovuto scontrarsi con l’ennesimo stop dopo un periodo in cui si era cercato con fatica di risalire la china e, soprattutto, per tutti i bambini e ragazzi che si sono visti nuovamente relegati in casa davanti ad uno schermo per poter seguire le lezioni.

Si tratta chiaramente di un’ipotesi, ma per diversi esperti potrebbe essere non così lontana dalla realtà guardando alle stime che prevedono il verificarsi del cosiddetto “picco” della terza ondata dei contagi proprio nella settimana che va dal 22 al 25 marzo, dopodiché dovrebbe iniziare l’inversione di tendenza che consentirebbe un allentamento delle misure di contenimento prima delle festività pasquali.

Micol Mulè

 

 

 

 

 

 

Most Popular

Perchè investire su Linkedin Ads per ottenere contatti commerciali di qualità

Perché investire su Linkedin Ads per ottenere contatti commerciali di qualità Uno dei metodi per generare contatti commerciali nel B2B di alta qualità è investire anche...

Cartelle esattoriali: si va verso una ulteriore proroga

Cartelle esattoriali: si va verso una ulteriore proroga Il Decreto “Sostegni-bis”, in discussione in questi giorni alla Camera, potrebbe portare una ulteriore dilazione dei termini...

Lavoro, autonomi: il colpo dopo un anno di covid

Lavoro, autonomi: il colpo dopo un anno di covid I dati Istat relativi al primo trimestre del 2021 evidenziano gli effetti di un anno di...

L’Italia si colora di bianco

L’Italia si colora di bianco 40 milioni di italiani sotto zona bianca. Le discoteche rimangono le uniche attività chiuse. Quasi tutta l’Italia si trova in zona...

Recent Comments