domenica, Maggio 19, 2024
More
    Home Economia Didattica a distanza: le famiglie insorgono

    Didattica a distanza: le famiglie insorgono

    Chieste deroghe da parte del personale sanitario, dell’ANM e molti altri. Molte famiglie non dispongono ancora dei computer.

     

    Il regime della didattica a distanza sta sollevando moltissimi malumori tra le famiglie. A un anno dallo scoppio della pandemia, la situazione è rimasta la stessa. Ma le famiglie non si accontentano più dell’educazione a distanza, chiedono che i propri bambini e ragazzi possano tornare a scuola in presenza.

     

    In alcune scuole milanesi Lunedì si sono presentati diversi figli di infermieri, medici, di tecnici delle telecomunicazioni, di addetti del settore alimentare, che sulla base di una nota ministeriale del 4 marzo, avevano chiesto una deroga alla Dad per il personale sanitario in prima linea nella lotta alla pandemia, ma anche per lavoratori dei settori “essenziali”. L’ambiguità del termine ha inevitabilmente creato molta confusione, perciò molte famiglie hanno protestato per far ritornare i figli a scuola, tra cui i membri dell’Associazione Nazionale Magistrati.

     

    “Non potevamo rimandare gli alunni indietro – dice a malincuore la preside della Perasso, Antonella Caleffi – per oggi li abbiamo accolti comunque. Sono solo una decina. Ma da domani potranno partecipare in presenza solo i bambini con bisogni educativi speciali e con disabilità che ne fanno richiesta”.

    Fanno altresì eccezione alla Dad le ore previste necessariamente all’interno dei laboratori. Le scuole si stanno organizzando suddividendo in gruppi gli studenti.

     

    Dopo un anno, permangono ancora i problemi relativi alla carenza dei dispositivi elettronici tra le famiglie per far seguire la didattica a distanza.

    Lo conferma la dirigente Caleffi: “Su 650 famiglie che hanno risposto, un quarto ha dichiarato di averne bisogno e ne distribuiremo circa 180. Dallo scorso marzo, grazie a bandi e donazioni, abbiamo raccolto 225 dispositivi ma una parte serve per docenti e didattica in presenza. E dobbiamo cercare soluzioni per le connessioni internet: non tutti ne hanno una adeguata”.

     

    Andrea Curcio

     

     

     

    Most Popular

    “Salta su! Ripartiamo dal lavoro”, avviato il crowdfunding a favore dell’inclusione lavorativa

    L’iniziativa lanciata dalle ACLI lombarde a sostegno dell’occupazione delle persone ai margini del mercato del lavoro, tramite l’attivazione di borse lavoro.   “Salta su! Ripartiamo dal...

    Bce: Atteso il taglio dei tassi di interesse a giugno

    Un “plausibile” taglio degli interessi sarebbe previsto per giugno. Questo quanto emerso nella riunione della Bce del 10 e dell’11 aprile tenutasi a Francoforte. I...

    Il Rame e il Suo Ruolo nei Mercati Globali e nella Transizione Energetica

    Il rame, noto per la sua conducibilità elettrica e termica, sta assumendo un ruolo sempre più centrale nei mercati internazionali, spinto dall'innovazione in ambiti...

    Ferrari, un 2024 da record: consegne stabili, crescono gli utili

    Nel primo trimestre del 2024, Ferrari ha ottenuto risultati finanziari notevoli, segnando un incremento significativo sia nei profitti che nei ricavi. Il noto produttore...

    Recent Comments