11.5 C
Milano
domenica, Maggio 29, 2022
Home Economia Istat: la disoccupazione sale ma la manifattura resiste

Istat: la disoccupazione sale ma la manifattura resiste

L’Istituto nazionale di statistica ha pubblicato i dati relativi alla disoccupazione di dicembre e e all’indice pmi manifatturiero di gennaio. La situazione rimane contrastata.

 

Un risultato prevedibile e uno che sorprende. Ieri l’Istat ha pubblicato una serie di dati che dettagliano in maniera più precisa lo stato di salute dell’economia italiana. Il primo è quello relativo al tasso di disoccupazione di dicembre, mese in cui purtroppo la situazione del mondo del lavoro è peggiorata. Gli occupati infatti sono calati di 101mila unità in soli 30 giorni, una flessione dello 0,4% rispetto a novembre e parallelamente sono aumentati i disoccupati e con loro anche gli inattivi.

 

L’aspetto più sconfortante è che tale dinamica riguarda quasi tutte le categorie: donne, lavoratori dipendenti, autonomi, ogni classe di età esclusa la fascia degli over cinquanta che risulta in crescita. Complessivamente il tasso di disoccupazione è salito al 9% (+0,2%) mentre su base annuale si sono persi 444mila posti di lavoro. I giovani risultano essere tra i più colpiti a dicembre con il tasso di disoccupazione salito al 29,7%. Una situazione definita “una carneficina” dall’Unione Nazionale Consumatori secondo la quale “nonostante il blocco dei licenziamenti, uno tsunami si è abbattuto sui lavoratori italiani”.

 

Sul fronte della manifattura italiana invece arrivano buone notizie dal momento che gli ultimi dati Istat rilevano una crescita dell’indice pmi che ha raggiunto i 55,1 punti, contro una previsione di 52,2 punti. Tale valore risulta essere il più alto da 34 mesi a questa parte.

 

A livello europeo invece è stata registrata una leggere flessione dell’indice pmi manifatturiero che a gennaio è sceso a 54,8 punti contro i 55,2 punti di dicembre e una previsione di 54,7 punti. Nonostante la perdurante pressione sulla produzione manifatturiera, il settore resiste ai continui lockdown. Tuttavia, finché rimane una considerevole dose di incertezza riguardo all’andamento delle vaccinazioni, è difficile fare previsioni specifiche sui tempi di ripresa.

 

 

Simone Fausti

Most Popular

AUTO, INCENTIVI 2022 A RUBA

AUTO, INCENTIVI 2022 A RUBA Al via gli incentivi auto 2022, ma in poche ore i fondi sono già dimezzati. E per gli esperti esauriranno...

Eurispes, gli italiani e le istituzioni: alta la fiducia in Mattarella e nelle Forze dell’ordine

Eurispes, gli italiani e le istituzioni: alta la fiducia in Mattarella e nelle Forze dell’ordine Tre cittadini su dieci riferiscono una diminuzione della fiducia nelle...

Ucraina, la confusione aumenta l’incertezza

Ucraina, la confusione aumenta l’incertezza Manca davvero poco al raggiungimento del centesimo giorno di guerra: detto così suona come un numero pazzesco, ma molto probabilmente...

“GIORNATA DEL NASO ROSSO” – 29 MAGGIO 2022

“GIORNATA DEL NASO ROSSO” - 29 MAGGIO 2022 I volontari clown VIP, vi aspettano in oltre 70 piazze per la Giornata Nazionale del Naso Rosso...

Recent Comments