11.5 C
Milano
lunedì, Giugno 14, 2021
Home Economia Istat: la disoccupazione sale ma la manifattura resiste

Istat: la disoccupazione sale ma la manifattura resiste

L’Istituto nazionale di statistica ha pubblicato i dati relativi alla disoccupazione di dicembre e e all’indice pmi manifatturiero di gennaio. La situazione rimane contrastata.

 

Un risultato prevedibile e uno che sorprende. Ieri l’Istat ha pubblicato una serie di dati che dettagliano in maniera più precisa lo stato di salute dell’economia italiana. Il primo è quello relativo al tasso di disoccupazione di dicembre, mese in cui purtroppo la situazione del mondo del lavoro è peggiorata. Gli occupati infatti sono calati di 101mila unità in soli 30 giorni, una flessione dello 0,4% rispetto a novembre e parallelamente sono aumentati i disoccupati e con loro anche gli inattivi.

 

L’aspetto più sconfortante è che tale dinamica riguarda quasi tutte le categorie: donne, lavoratori dipendenti, autonomi, ogni classe di età esclusa la fascia degli over cinquanta che risulta in crescita. Complessivamente il tasso di disoccupazione è salito al 9% (+0,2%) mentre su base annuale si sono persi 444mila posti di lavoro. I giovani risultano essere tra i più colpiti a dicembre con il tasso di disoccupazione salito al 29,7%. Una situazione definita “una carneficina” dall’Unione Nazionale Consumatori secondo la quale “nonostante il blocco dei licenziamenti, uno tsunami si è abbattuto sui lavoratori italiani”.

 

Sul fronte della manifattura italiana invece arrivano buone notizie dal momento che gli ultimi dati Istat rilevano una crescita dell’indice pmi che ha raggiunto i 55,1 punti, contro una previsione di 52,2 punti. Tale valore risulta essere il più alto da 34 mesi a questa parte.

 

A livello europeo invece è stata registrata una leggere flessione dell’indice pmi manifatturiero che a gennaio è sceso a 54,8 punti contro i 55,2 punti di dicembre e una previsione di 54,7 punti. Nonostante la perdurante pressione sulla produzione manifatturiera, il settore resiste ai continui lockdown. Tuttavia, finché rimane una considerevole dose di incertezza riguardo all’andamento delle vaccinazioni, è difficile fare previsioni specifiche sui tempi di ripresa.

 

 

Simone Fausti

Most Popular

Contributi dal 50% al 70% per Digitalizzare le aziende e incentivi per l’E-commerce

Contributi dal 50% al 70% per Digitalizzare le aziende e incentivi per l’E-commerce Si sente parlare con sempre maggiore intensità di “Digitalizzazione” e delle positive ricadute...

Villa Puricelli, una eccellenza lombarda

Riceviamo e pubblichiamo A VILLA PURICELLI ci siamo sempre contraddistinti per il costante dialogo con il territorio, che riteniamo centrale per il benessere dei...

Nel piccolo Comune di Gottasecca, cultura e tradizioni pagano

Nel piccolo Comune di Gottasecca, cultura e tradizioni pagano Offerte di lavoro anomale, ma che fanno piacere. Si tratta infatti di un soggiorno per scrittori...

La cultura del dono nelle scuole, grazie a Fondazione CRT

La cultura del dono nelle scuole, grazie a Fondazione CRT Donazione, più solidarietà, più sistema formativo. Uguale: affrontare le sfide del futuro in maniera innovativa....

Recent Comments