11.5 C
Milano
domenica, Luglio 25, 2021
Home Lombardia Milano Milano, la catena Camaieu dichiara fallimento: 246 dipendenti senza stipendio

Milano, la catena Camaieu dichiara fallimento: 246 dipendenti senza stipendio

I lavoratori chiedono il licenziamento per poter ottenere la Naspi. Federazione Moda Italia-Commercio: A rischio chiusura 20mila punti vendita e 20 milioni di fatturato in fumo. Incognita futuro per 50mila occupati del settore.

 

Quello che si avvicina sarà un Natale amaro per i dipendenti della catena di negozi d’abbigliamento Camaieu. La società ha chiuso i battenti alla fine di luglio e successivamente dichiarato fallimento al Tribunale di Milano, lasciando i 246 lavoratori dei punti vendita senza emolumenti da oltre un mese nella speranza di essere licenziati per ottenere almeno la Naspi.

Il triste epilogo del marchio francese è rappresentativo della sorte cui sono destinate altre catene del settore, ora sospesa nel limbo grazie agli ammortizzatori sociali e soprattutto ai provvedimenti che hanno bloccato i licenziamenti fino al prossimo mese di marzo. Poi si preannuncia una strage.

La lista dei brand che non hanno retto all’urto della crisi è lunga e destinata ad arricchirsi nei prossimi mesi. Tra i più noti spiccano Conbipel in amministrazione straordinaria, la catena Scarpe&Scarpe, ma anche Gap, che ha già annunciato la chiusura dei punti vendita milanesi – oltre ad altri in tutta Europa – H&M con la chiusura di 8 punti vendita in Italia, di cui due a Milano e Accessorize.

Troppe le perdite subite dai negozi negli ultimi mesi per riuscire a risollevarsi completamente e non accusare il colpo sferzante della crisi. Forse un po’di respiro si potrà avere in questi giorni a ridosso di Natale, con il passaggio della Lombardia in zona gialla che consente la libera circolazione tra Comuni, tuttavia le condizioni del comparto rimangono fortemente critiche a causa del lungo periodo di chiusura, che ha colpito ancora più duramente i punti vendita all’interno dei centri commerciali, soggetti allo stop durante le giornate festive e prefestive che notoriamente portano il grosso degli incassi. Senza contare la concorrenza senza partita dell’e-commerce che sta mietendo vittime su più fronti del commercio.

Marco Barbieri, segretario generale di Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza, è intervenuto in merito al divieto di apertura dei negozi all’interno dei centri commerciali durante il weekend, nonostante la Lombardia da ieri sia ufficialmente zona gialla: “Una decisione che con la garanzia delle piena sicurezza, ribadiamo debba essere rivista – ha dichiarato – Noi siamo per il pluralismo distributivo: piccola, media e grande distribuzione possono convivere e, in quest’ottica, le attività dei centri commerciali, nel periodo più importante dell’anno, non devono essere ulteriormente penalizzate”.

Anche perché, se le imprese del settore abbigliamento e calzature sono in bilico, il passo verso il baratro rischia di essere davvero breve. 20mila i punti vendita a rischio chiusura e 20 milioni di euro di fatturato in fumo, secondo le stime della Federazione Moda Italia- Confcommercio. Una previsione drammatica che coinvolge anche le sorti occupazionali di 50mila dipendenti dei punti vendita, sui quali grava la fortissima incertezza per il prossimo futuro.

Micol Mulè

 

 

Most Popular

Sicurezza in azienda contro varianti virus, Spada (Formazienda): “Formazione strategica”

Sicurezza in azienda contro varianti virus, Spada (Formazienda): “Formazione strategica” La variante Delta fa paura ma il Paese non può permettersi una nuova chiusura delle attività...

Una riflessione prima della pausa estiva: a che punto è il PNRR?

Una riflessione prima della pausa estiva: a che punto è il PNRR? Cari amici, è tempo di vacanze anche per noi. L'anno scorso non ne...

Lotteria degli scontrini, il Bingo anti evasione

Lotteria degli scontrini, il Bingo anti evasione Le strade del Ministero dell’economia talvolta sono particolarmente fantasiose. Siamo giunti, infatti, all’undicesima estrazione della nuova Lotteria degli...

Tecnologia e Made in Italy, Spada (Formazienda): «Formazione rende stabile la ripresa»

Tecnologia e Made in Italy, Spada (Formazienda): «Formazione rende stabile la ripresa» La ripresa passa attraverso l’ammodernamento tecnologico del Made in Italy. L’export italiano è tornato a...

Recent Comments