11.5 C
Milano
giovedì, 29 Ottobre, 2020
Home Economia Lavoro autonomo in Italia: tra i giovani solo il 13,6%

Lavoro autonomo in Italia: tra i giovani solo il 13,6%

Lavoro autonomo in Italia: tra i giovani solo il 13,6%

Tra il 2010 e il 2019 i governi hanno adottato politiche quasi sempre finalizzate al sostegno del lavoro dipendente e senza puntare al ricambio generazionale, scoraggiando fortemente la volontà di mettersi in proprio

Le nuove restrizioni alle attività produttive, recenti e future, nazionali e locali, provocheranno altre chiusure di esercizi commerciali, di piccole imprese e disincentiveranno numerosi soggetti privati ad intraprendere una propria attività. Questo significa che l’occupazione diminuirà ancora e di conseguenza, anche le entrate per lo Stato, generando un circolo vizioso da cui si potrà uscire solo alla fine della pandemia.

La Cgia di Mestre stima in 160 miliardi il rischio di ricchezza perduta quest’anno.

La Fondazione dei consulenti del Lavoro evidenzia come su 841 mila posti di lavoro persi tra il secondo trimestre 2020 e lo stesso periodo dell’anno precedente, 219 mila riguardano il lavoro autonomo, registrando un calo del 4,1%.

Degli autonomi che si sono salvati, 8 su 10 hanno registrato un calo significativo delle loro entrate, che in un terzo dei casi ammonta a più della metà del reddito familiare.

La Fondazione rivolge all’esecutivo un messaggio chiaro: tra il 2010 e il 2019 i governi hanno adottato politiche quasi sempre finalizzate al sostegno del posto e senza puntare al ricambio generazionale, scoraggiando fortemente la volontà di mettersi in proprio.

Questa tendenza trova riscontro nei dati. Nel 2010 il 25,3% degli occupati svolgeva un lavoro autonomo, mentre oggi la percentuale scende al 22,7% e cala drasticamente tra i giovani (13,6%).

A soffrire maggiormente sono i piccoli imprenditori del commercio (71.000 addetti in meno) e del turismo, ma anche le professioni intellettuali ad elevata qualificazione e quelle tecniche.

Gli altri settori in cui il lavoro autonomo è diminuito riguardano la filiera dei servizi alle imprese, il ramo bancario ed assicurativo, la comunicazione e la formazione.

Andrea Curcio

Most Popular

Decreto Ristori: contributi a fondo perduto per diversi settori

Il governo ha varato un decreto da oltre 5 miliardi che interessa diverse attività colpite dall’ultimo Dpcm. Il Consiglio dei ministri ha dato il via...

ECCO LO SPRAY BRESCIANO CHE PUO’ AIUTARE NEL RISCHIO COVID

La seconda ondata del Covid-19 è già realtà. Un capitolo degli studi medico-scientifici riguarda le molecole naturali. Quelle che potrebbero quantomeno dare una mano....

Superbonus 110%: attivo il sito ENEA per l’invio delle asseverazioni

È possibile caricare sul portale dell'ENEA le asseverazioni e i documenti per il Superbonus 110%.   Dallo scorso martedì è possibile inviare sul sito dedicato dell’ENEA...

Scoprire di aver buttato anni di sacrifici per colpa di un virus

Non solo bar e ristoranti, ma sport, cultura e tante altre realtà rischiano di scomparire, dopo anni di sacrifici   Le nuove restrizioni finalizzate ad appiattire...

Recent Comments