test
sabato, Giugno 15, 2024
More
    Home Economia Nuovi incentivi auto: rischio esaurimento immediato

    Nuovi incentivi auto: rischio esaurimento immediato

    Nuovi incentivi auto: rischio esaurimento immediato

    Il ministero dello Sviluppo economico ha fermato al prenotazioni del bonus auto nonostante i contratti continuino ad essere stipulati con il rischio concreto che le risorse siano già esaurite.

    Il governo ormai cerca di sostenere la ripresa economica del Paese a forza di rifinanziamenti di misure già attuate, aggiornando la quota di risorse con un nuovo decreto ed è quello che è successo con gli incentivi per l’automotive anche se il sistema implementato sta dimostrando numerose falle.

    Con il decreto Agosto (Dl 104/2020) infatti, il governo ha ripristinato i fondi per il cosiddetto econbonus garantendo 400 milioni di euro per l’acquisto di veicoli a basse emissioni CO2. Viene inoltre rimodulata la suddivisione della fascia di veicoli con emissioni da 61 a 110g/km, introdotta dal decreto Rilancio in due categorie: da 61 a 90 g/km e da 91 a 110 g/km. Sono stati stanziati anche 90 milioni di euro per incentivare l’installazione di colonnine di ricarica elettrica da parte di professionisti e imprese.

    Il governo dunque torna su un provvedimento nato due anni fa e che all’epoca riguardava solo le auto elettriche e le ibride, ma che in seguito è stato allargato anche agli ultimi modelli dei motori tradizionali benzina e diesel. Questi ultimi modelli sono ancora i più popolari motivo per cui i 50 milioni messi a disposizione dall’inizio di agosto sono andati esauriti nel giro di pochi giorni.

    Ora c’è il rischio che succeda lo stesso con questi nuovi fondi. Il problema è che non è dato sapere se e in che misura questi fondi si stiano esaurendo poiché fino al 1° settembre la piattaforma telematica del ministero dello Sviluppo economico a cui bisogna far riferimento per prenotare il bonus rimarrà ferma. Una scelta che rischia di generare un effetto caos dal momento che parallelamente i contratti di acquisto che prevedono gli incentivi continuano a essere stipulati.

    Non è possibile dunque sapere quante risorse restano: è probabile che i contratti stipulati nelle ultime due settimane di agosto esauriscano le risorse stanziate e che questo si scopra dopo l’inizio di settembre. Una scelta, quella del governo, che ancora una volta genera incertezza sia per i consumatori sia per i concessionari.

    Most Popular

    Riuscirà l’Italia a Fermare la Fuga dei Suoi Giovani Talenti?

    L'Italia sta affrontando un allarmante esodo di giovani talenti, particolarmente accentuato tra i laureati, che nelle ultime due decadi hanno lasciato il paese in...

    Piemonte, la spesa dei beni durevoli segna +8,6% nel 2023

    Nel 2023, in Piemonte, la spesa per beni durevoli ha raggiunto quasi 6,5 miliardi di euro (6 miliardi e 479 milioni), segnando un aumento...

    760 Anni di eccellenza: la storia ininterrotta della carta Fabriano

    Nel cuore delle Marche, a Fabriano, si celebra un anniversario "pesante": 760 anni di produzione cartaria. La storia di questo materiale risale a un...

    Ue, Dazi fino al 48% sulle auto elettriche cinesi

    A partire dal 4 luglio, salvo un accordo diverso tra le parti, saranno introdotti nuovi dazi all’importazione di auto elettriche cinesi. Il motivo? Concorrenza...

    Recent Comments