11.5 C
Milano
venerdì, 4 Dicembre, 2020
Home Economia Nuovi incentivi auto: rischio esaurimento immediato

Nuovi incentivi auto: rischio esaurimento immediato

Nuovi incentivi auto: rischio esaurimento immediato

Il ministero dello Sviluppo economico ha fermato al prenotazioni del bonus auto nonostante i contratti continuino ad essere stipulati con il rischio concreto che le risorse siano già esaurite.

Il governo ormai cerca di sostenere la ripresa economica del Paese a forza di rifinanziamenti di misure già attuate, aggiornando la quota di risorse con un nuovo decreto ed è quello che è successo con gli incentivi per l’automotive anche se il sistema implementato sta dimostrando numerose falle.

Con il decreto Agosto (Dl 104/2020) infatti, il governo ha ripristinato i fondi per il cosiddetto econbonus garantendo 400 milioni di euro per l’acquisto di veicoli a basse emissioni CO2. Viene inoltre rimodulata la suddivisione della fascia di veicoli con emissioni da 61 a 110g/km, introdotta dal decreto Rilancio in due categorie: da 61 a 90 g/km e da 91 a 110 g/km. Sono stati stanziati anche 90 milioni di euro per incentivare l’installazione di colonnine di ricarica elettrica da parte di professionisti e imprese.

Il governo dunque torna su un provvedimento nato due anni fa e che all’epoca riguardava solo le auto elettriche e le ibride, ma che in seguito è stato allargato anche agli ultimi modelli dei motori tradizionali benzina e diesel. Questi ultimi modelli sono ancora i più popolari motivo per cui i 50 milioni messi a disposizione dall’inizio di agosto sono andati esauriti nel giro di pochi giorni.

Ora c’è il rischio che succeda lo stesso con questi nuovi fondi. Il problema è che non è dato sapere se e in che misura questi fondi si stiano esaurendo poiché fino al 1° settembre la piattaforma telematica del ministero dello Sviluppo economico a cui bisogna far riferimento per prenotare il bonus rimarrà ferma. Una scelta che rischia di generare un effetto caos dal momento che parallelamente i contratti di acquisto che prevedono gli incentivi continuano a essere stipulati.

Non è possibile dunque sapere quante risorse restano: è probabile che i contratti stipulati nelle ultime due settimane di agosto esauriscano le risorse stanziate e che questo si scopra dopo l’inizio di settembre. Una scelta, quella del governo, che ancora una volta genera incertezza sia per i consumatori sia per i concessionari.

Most Popular

Ritorna la coltivazione della terra, una risorsa da non dimenticare

Persone occupate in altri settori in difficoltà, riprendono la coltivazione dei terreni ereditati dai genitori, abbandonati da qualche tempo   Marino Zamboni ha ereditato il mulino...

Da oggi in vigore il nuovo dpcm

Il dpcm natalizio introduce delle novità per quanto riguarda gli spostamenti, i centri commerciali, i cenoni e la scuola. Da oggi, venerdì 4 dicembre, è...

Covid, formazione in campo contro la crisi del lavoro

L’istat ha pubblicato i dati relativi al mercato del lavoro: 473 mila occupati in meno rispetto al 2019 e + 30% del tasso di...

Fiera Digitale del Network: la prossima frontiera del Circolo delle Imprese

Come affrontiamo il Covid dice molto di noi. Il Circolo delle Imprese ha deciso di combattere, lo ha deciso dal primo giorno. Il come è...

Recent Comments