11.5 C
Milano
venerdì, 4 Dicembre, 2020
Home Economia Rientri dalle vacanze ansiogeni, fare il tampone o no?

Rientri dalle vacanze ansiogeni, fare il tampone o no?

Rientri dalle vacanze ansiogeni, fare il tampone o no?

Tampone obbligatorio per chi rientra da Malta, Spagna, Croazia e Grecia. Quarantena obbligatoria per chi abbia transitato in Bulgaria e Romania

Siamo alla fine della stagione estiva, una stagione particolare quest’anno, tormentata dall’incubo del covid che, negli ultimi giorni, sta tornando a farci discutere con crescente preoccupazione.

Nel momento del rientro presso le proprie città, dopo le vacanze, gli italiani devono fare i conti con le norme che regolano l’obbligatorietà dei tamponi, le quali variano costantemente e diversamente da paese a paese, in base all’andamento della curva epidemiologica.

Sono tanti gli italiani hanno rinunciato a viaggiare proprio per evitare il rischio della quarantena obbligatoria al momento del rientro.

Cerchiamo di riepilogare sinteticamente cosa è stabilito oggi (anche se come detto, i regolamenti sono in continua mutazione).

Il tampone è obbligatorio per tutti quelli che rientrano dai seguenti paesi: Malta, Spagna, Croazia e Grecia. Quindi, prima di tornare in Italia, è necessario sottoporsi ad un tampone nel terzo giorno antecedente il rientro e fornire l’apposita certificazione alle autorità italiane competenti. In alternativa, entro 48 ore dal rientro, ci si può sottoporre al tampone all’aereoporto stesso,

nel porto di sbarco, o contattando l’azienda sanitaria locale di riferimento.

In attesa di effettuare il test si è obbligati ad osservare l’isolamento fiduciario presso la propria abitazione.

Emblematico è il caso della regione Campania, in cui la nuova ordinanza del governatore De Luca impone il tampone a tutti i cittadini campani rientrati da qualunque paese estero e l’isolamento domiciliare fino alla certificata negatività all’esame.

A causa dell’aumento dei focolai in Sardegna, dei contagi al Billionarie e il caso Briatore, il tampone è fortemente consigliato per chi abbia soggiornato sull’isola.

La maggior parte degli aeroporti italiani si è attrezzata con postazioni per fare tamponi rapidi, potendo così avere il risultato in circa 30 minuti.

Per chiunque abbia transitato nei 14 giorni precedenti in Romania e in Bulgaria, è previsto l’isolamento domiciliare obbligatorio per due settimane e la sorveglianza sanitaria.

L’ingresso in Italia da tutti gli Stati extra Ue è consentito solo per “comprovate esigenze lavorative di assoluta urgenza, motivi di salute, ragioni di studio e rientri presso il proprio domicilio”.

Andrea Curcio

Most Popular

Ritorna la coltivazione della terra, una risorsa da non dimenticare

Persone occupate in altri settori in difficoltà, riprendono la coltivazione dei terreni ereditati dai genitori, abbandonati da qualche tempo   Marino Zamboni ha ereditato il mulino...

Da oggi in vigore il nuovo dpcm

Il dpcm natalizio introduce delle novità per quanto riguarda gli spostamenti, i centri commerciali, i cenoni e la scuola. Da oggi, venerdì 4 dicembre, è...

Covid, formazione in campo contro la crisi del lavoro

L’istat ha pubblicato i dati relativi al mercato del lavoro: 473 mila occupati in meno rispetto al 2019 e + 30% del tasso di...

Fiera Digitale del Network: la prossima frontiera del Circolo delle Imprese

Come affrontiamo il Covid dice molto di noi. Il Circolo delle Imprese ha deciso di combattere, lo ha deciso dal primo giorno. Il come è...

Recent Comments