domenica, Aprile 21, 2024
More
    Home Economia La questua violenta dello Stato

    La questua violenta dello Stato

    La questua violenta dello Stato

    Il MES non si deve chiedere perché altrimenti i rettiliani ci fregano coi soldi del signoraggismo. Ma spremere le partite IVA con saldi ed acconti da versare entro giovedì, 20 agosto è una mossa del tutto legittima, pensa il governo. Sono 246 i checkpoint fiscali entro la fine di agosto. Uno stillicidio di scadenze, perché il leviatano ha fame.

    Quasi tutti (circa l’83%) si concentrano il 20, giorno a partire dal quale ricomincia la guerra fiscale, sono temporaneamente fermata dalla canicola estiva. E soprattutto è la seconda chance (dopo la scadenza del 20 luglio) entro cui 4,5 milioni di partite Iva, tra quelle soggette alle pagelle fiscali e quelle nel regime forfettario, devono completare i versamenti di saldo 2019 e primo acconto 2020 di imposte sui redditi e contributi con la maggiorazione dello 0,40 per cento.

    Non ci saranno ulteriori rinvii, d’altronde le possibilità di pagamenti dilazionati saranno riservate solo ai tributi sospesi durante il lockdown. Questa, amaramente, è la prova regina di chi mantiene chi. Nonostante il montante esiguo in termini di numeri, l’accanimento è ai massimi. La contrazione nei primi sei mesi è di 30 miliardi. Ma dalla passione con cui ci rincorre lo stato sembra che di miliardi ne manchino 300. 30 miliardi è il 15% del recovery fund. È il 3% della spesa pubblica annuale. Eppure sembra che stiamo parlando di ossigeno puro. Ed in effetti, non è così lontana la metafora.

    A differenza delle “tasse” dei lavoratori pubblici e dei pensionati, questi sono soldi freschi. Non sono partite di giro. Non sono artifici contabili. È, per dirla all’Inglese, cash. È argent de poche, alla Francese. È la linfa che consente all’albero di vivere. E l’albero, al di là della fantasiosa potenza di fuoco di Conte, è assetato. E per dissetarsi necessita del sangue. Del sangue di chi’ di chi fa impresa. Ecco perché ci hanno dato un paio di mancette e ci hanno garantito dei prestiti.

    Toglierci semplicemente le tasse era impossibile. Meglio illuderci, per una volta, di essere come tutti gli altri e ricevere un indennizzo per le chiusure imposte. Tanto alla fine tutto sarebbe tornato indietro. Con gli interessi. Alla fine è dopodomani, calendario alla mano. Eppure sarà interessante vedere quanti pagheranno e quanti si arrenderanno. In questo periodo la fedeltà fiscale è così alta che 6 contribuenti su 10 stanno pagando le cartelle sospese. Ma, reggetevi forte, quando bisognerà che qualcuno ripiani i bonus monopattino, la colpa sarà ancora volta degli evasori fiscali. E siccome solo chi produce può evadere, non riceveremo alcun applauso per aver tenuto a galla la nave.

    Tutta ordinaria amministrazione, in fondo. Produrre in questo paese è sempre stato, negli ultimi venti anni, una colpa senza redenzione possibile.

    Most Popular

    E se il vino sparisse? l’Italia perderebbe 1,1% del PIL

    Durante la 56esima edizione di Vinitaly, tenutasi a Verona, è stata presentata una ricerca che evidenzia l'importanza economica del settore vinicolo in Italia. L'analisi,...

    Ue, si valuta altro taglio dei tassi

    Christine Lagarde annuncia un probabile nuovo taglio dei tassi “se non ci sono shock”. "Stiamo osservando un processo disinflazionistico. Se si muove in linea con...

    Nutella: 60 Anni di Dolce Successo Globale

    Nel 1964, il panorama delle creme spalmabili fu trasformato radicalmente dall'introduzione di Nutella, opera di Michele Ferrero. Originaria di Alba, questa crema ha combinato...

    L’inversione della polemica: un emendamento in tema aborto pone ai ferri corti Roma e Madrid

    Parlare di aborto in Italia è come aprire il vaso di Pandora del dibattito pubblico italiano, anche se questa volta lo scontro ha assunto...

    Recent Comments