11.5 C
Milano
martedì, 7 Luglio, 2020
Home Piemonte L’APPELLO DI CONFINDUSTRIA PIEMONTE: “DIGITALIZZAZIONE LEVA STRATEGICA PER LA RIPRESA: IN CERCA DI...

L’APPELLO DI CONFINDUSTRIA PIEMONTE: “DIGITALIZZAZIONE LEVA STRATEGICA PER LA RIPRESA: IN CERCA DI FONDI”

Ravanelli: “Il Piemonte digitale, così come lItalia digitale, non possono rimanere nel libro dei sogni”

Tra i temi allattenzione degli Stati Generali in corso in questi giorni e su cui il governo sta ponendo grande enfasi nel suo piano di rilancio economico, innovazione e digitalizzazione del Paese hanno una parte di assoluto rilievo.

Una priorità confermata, purtroppo, anche dallaggiornamento 2020 dellIndice DESI (Digital economy and society index) rilasciato dalla Commissione Europea che misura appunto la digitalizzazione del nostro continente, secondo cui lItalia, è al 25° posto in Europa e fa meglio solo di Romania, Grecia e Bulgaria, perdendo due posizioni rispetto allo scorso anno. Cinque i parametri monitorati: connettività, competenze digitali, uso di Internet da parte dei singoli, integrazione delle tecnologie digitali da parte delle imprese, servizi pubblici digitali.

Lo stesso tipo di urgenza è avvertito anche a livello più locale e laccelerazione imposta dallemergenza Covid-19 alla trasformazione digitale ha dato ulteriore evidenza a ritardi e fragilità del nostro territorio. Confindustria Piemonte, infatti, si è impegnata per agevolare il più possibile lattivazione di tali modalità operative, in modo che le aziende che avevano dovuto avviarle in modo improvvisato e urgente durante la fase di lockdown, potessero proseguire in modo più strutturato, organizzato e sicuro nel corso della Fase 2.


A un momento iniziale di analisi di mercato per evidenziare le problematiche più sentite dal tessuto industriale piemontese è seguito un approfondimento delle soluzioni tecnologiche con i più importanti operatori di telecomunicazioni a livello nazionale e i più significativi player locali mentre dal punto di vista politico e dei contenuti si è portato avanti il lavoro con ANCI e UNCEM, con la disponibilità del Politecnico di Torino e il coinvolgimento di Anitec-Assinform e delle Sezioni ICT delle Territoriali di Confindustria.

«Quella che stiamo vivendo è la prima, vera, crisi sistemica di un mondo integrato e interconnesso. Una crisi che ha fatto emergere con evidenza, quasi con violenza, limportanza della Rete come infrastruttura di base – dichiara Fabrizio Gea, imprenditore ICT e delegato di Confindustria Piemonte per l’Agenda Digitale –Con  questazione abbiamo voluto da un lato rispondere concretamente alle esigenze delle imprese relativamente alle soluzioni per la connettività e lo smart working e, dallaltro lato, abbiamo realizzato un gioco di squadraper condividere con lamministrazione regionale misure di agevolazione per lacquisto di tecnologie e servizi abilitanti, integrate da un sostegno per la formazione del personale. 

Questo per costruire, nel contesto straordinariodelloggi, ciò che sarà il contesto ordinariodi domani. Su questa partita, infatti, si gioca il futuro delle comunità e delle imprese».

Michele Giordano

Most Popular

“Il conflitto”

“Il conflitto”   Il conflitto? Quante volte ti sarai chiesto perché continuo a scontrarmi con x o con y? Il conflitto Perché non riusciamo a comunicare, a entrare in...

La crisi come opportunità di sviluppo: intervista a Gianni Abbriata

La crisi come opportunità di sviluppo: intervista a Gianni Abbriata Oggi l’Informatore si sposta in Liguria per incontrare l’imprenditore Gianni Abbriata che gestisce, insieme alla...

Bonus 110%, le banche si organizzano per rilevare il credito d’imposta

Bonus 110%, le banche si organizzano per rilevare il credito d’imposta   Ai fini del funzionamento del meccanismo del super bonus, sarà indispensabile anticipare denaro fresco...

Piano nazionale di riforma: priorità alla riforma del fisco

Piano nazionale di riforma: priorità alla riforma del fisco   La bozza del Pnr mette al centro delle misure da attuare una riforma della pressione fiscale...

Recent Comments