11.5 C
Milano
sabato, 26 Settembre, 2020
Home Lombardia Coronavirus e disabili: Intervista a Giusy Versace

Coronavirus e disabili: Intervista a Giusy Versace

Ringraziamo l’On. Versace per aver accettato di confrontarsi con noi sul tema della disabilità, del lavoro e del Coronavirus.

In un tweet lei, On. Versace, ha affermato che proporrà, mediante un ordine del giorno, di estendere anche ai percettori degli assegni di invalidità il bonus di 600€. Ci può spiegare bene questa proposta?

Questa proposta è la risposta ad una discriminazione grave che ho segnalato più volte. Molte persone con disabilità sono state di fatto escluse dal bonus di 600€. La norma lascia spazio ad equivoci e libere interpretazioni per cui Inps e governo continuano a scambiarsi circolari. L’assegno di invalidità, che ricordo ammonta a circa 290 euro, costituisce un’integrazione al reddito professionale ridotto per via della diminuita capacità lavorativa e per i costi che spesso si è costretti a sostenere a causa di patologie che rendono meno remunerativa l’attività del libero professionista. È ben diverso dal percepire una pensione diretta di anzianità o vecchiaia. Diverse le finalità e gli importi. Per questo motivo ho presentato un ordine del giorno al Cura Italia, perché questa situazione sia chiarita una volta per tutte. È incredibile che, come al solito, siano proprio i più fragili a dover lottare con la burocrazia per vedersi riconosciuti i propri diritti. Il Governo, anziché chiedere all’Inps l’adozione di circolari correttive, dovrebbe intervenire con una norma interpretativa chiara che consenta a chiunque ne abbia diritto di accedere ai benefici previsti dal decreto.

Come tutte le categorie, anche i lavoratori disabili si ritroveranno alla fine di quest’epidemia penalizzati dal punto di vista occupazionale. Avete qualche proposta su come affrontare questo tema?

Questo è una piccola battaglia personale vinta. Ho chiesto sin da subito che in questa fase emergenziale serviva un immediato aiuto ai lavoratori con disabilità ed i loro familiari chiedendo di estendere i permessi lavorativi della L.104, per tutto il periodo dell’emergenza. La legge, infatti, consente di avere 3 giorni di permessi retribuiti al mese. Nel Cura Italia è stata accolta la mia richiesta di estenderli con il riconoscimento di ulteriori 12 giorni complessivi e che sommati ai 3 di marzo e i 3 di aprile, fanno un totale di 18 giorni di permessi retribuiti per due mesi. L’obiettivo è di intervenire anche sul decreto di aprile perché siano estesi a tutta la durata dell’emergenza.

Lei che ha sempre avuto a cuore il mondo dello sport, come reputa le attuali restrizioni del Governo sulla possibilità di praticare attività sportiva?

Chiudere e limitare le attività sportive, vista l’emergenza sanitaria, era una scelta obbligata. Ora che ci stiamo avvicinando alla famosa “fase 2” la verità è che mancano delle vere linee guida che aiutino a comprendere meglio quali impianti potranno aprire e con quali condizioni di sicurezza per i lavoratori e per gli stessi atleti. Se pensiamo poi agli atleti paralimpici, il tutto si complica ulteriormente. Molti di loro, a seconda della patologia, necessitano di assistenze di accompagnatori di guide che difficilmente potranno rispettare il distanziamento. Il governo, a riguardo, non si è ancora pronunciato. Le federazioni attendono indicazioni chiare e rapide sui tempi e soprattutto sulle modalità in cui si potrà riprendere l’attività. Sono a capo del dipartimento pari opportunità e disabilità nel mio partito e confesso di essere in difficoltà perché continuo quotidiane richieste di chiarimenti a cui non so dare risposte. Si brancola nel buio. Al momento vedo solo caos ed incertezza ed il 4 maggio si avvicina.

Com’è l’attività parlamentare ai tempi di Coronavirus?

Ancora più complicata del normale. La cosa che mi ha deluso è che in un momento come questo si sperava nella collaborazione, in un governo di unità per tutelare la salute di tutti. I cappelli politici e le polemiche in queste fasi così delicate, vanno lasciate nel cassetto!

Invece si va avanti con i Dpcm…

Il dialogo è venuto a mancare e si va avanti con questi decreti arbitrari che non sono condivisi con il Parlamento. A parte la delusione c’è anche la preoccupazione. Da sportiva sono sempre stata abituata a giocare di squadra, ma questo concetto sembra che il governo non lo comprenda.

In questo modo sarà molto più difficile trovare soluzioni utili per i cittadini. Auspico nel buon senso e confesso che incrocio le dita ogni volta che Conte annuncia su facebook una sua conferenza stampa.

Andrea Curcio

Most Popular

Superbonus: nasce il mercato digitale

Con il coinvolgimento di diverse realtà, prende piede il mercato digitale per negoziare i crediti fiscali.   Il superbonus diventa realtà. Nasce infatti il mercato digitale...

Milano: il sindaco Sala annuncia occupazione suolo gratis oltre il 31 ottobre

La decisione di ampliare gli spazi esterni in uso agli esercizi commerciali era nata come misura a sostegno di bar e ristoranti. Critici i...

Disoccupazione globale alle stelle

L’OIL prevede 213 milioni di disoccupati entro fine anno   L’Organizzazione Internazionale del Lavoro stima che entro la fine di quest’anno la disoccupazione in tutto il...

Co-working, trinamica e addizioni.

Una strada per interpretare le nuove necessità professionali.   Partiamo dalla proprietà commutativa delle addizioni. Se cambio l’ordine degli addendi la somma (o il risultato) non...

Recent Comments