11.5 C
Milano
venerdì, Febbraio 26, 2021
Home Piemonte CONFINDUSTRIA E UNIONE INDUSTRIALE: “GRANDE PREOCCUPAZIONE SULLA SITUAZIONE DEL COMPARTO E DEL...

CONFINDUSTRIA E UNIONE INDUSTRIALE: “GRANDE PREOCCUPAZIONE SULLA SITUAZIONE DEL COMPARTO E DEL MERCATO AUTOMOBILISTICO PIEMONTESE”

Confindustria:Colpiti al cuore della nostra capacità ed eccellenza produttiva”

Il mondo industriale piemontese, Confindustria in testa, lancia un allarme corale sulla situazione del comparto trainante dell’industria piemontese. In Piemonte, infatti, nellautomotive operano circa 750 imprese, pari al 35% dellintero comparto in Italia, con circa 70 mila occupati diretti e indiretti. La metalmeccanica rappresenta circa il 60% dellexport piemontese. Il fatturato prima del Covid-19 era il 40% di quello totale italiano del settore.

Secondo il presidente di Confindustria Piemonte, Fabio Ravanelli, “i primi dati sugli effetti dello stop imposto dallemergenza coronavirus sono drammatici e colpiscono la nostra regione al cuore della sua capacità ed eccellenza produttiva, la filiera legata all ‘automotive. Per assicurare un futuro alle migliaia di lavoratori e centinaia di imprese che operano in questo settore ribadiamo pertanto la necessità di definire al più presto un orizzonte di rilancio, un piano concertato con tempi e misure certe ed efficaci, per minimizzare le perdite e sostenere le nostre aziende nella ripartenza dopo la crisi”. Anche per il presidente dell’Unione Industriale di Torino, Dario Gallina, “è fondamentale riaprire le fabbriche il prima possibile per evitare drammatiche crisi di liquidità alle nostre aziende, con effetti irreversibili per il futuro del Paese. Le riaperture dovranno avvenire allinsegna di ogni possibile garanzia di sicurezza per i nostri collaboratori, in quanto noi per primi siamo interessati alla tutela della loro salute”.

All’appello di Gallina e Ravanelli segue anche quello del numero uno dell’Amma, Giorgio Marsaj: “Oggi dobbiamo pensare prima di tutto alla sopravvivenza delle nostre aziende e al mantenimento delloccupazione, che già prima della pandemia raggiungeva livelli preoccupanti, in particolare tra i giovani. Come fecero gli americani dopo Pearl Harbour, anche noi sapremo risollevarci e vincere questa durissima guerra contro il coronavirus e i suoi effetti sulla nostra industria”.

Michele Giordano

Most Popular

L’esecuzione del piano strategico

Un piano strategico parte , ovviamente , dal cliente. Molto realisticamente ci sono solo due ruoli in un'azienda: il cliente ed il fornitore.   Tutti assumono...

Milano, Sea: il 2021 inizia male, persi l’85% del traffico e il 50% delle rotte

L’ad Brunini non perde la fiducia nel futuro: “Occorre resistere indenni e riscaldare i muscoli non appena si ripartirà”.   Che la crisi dei trasporti...

Restrizioni: Pasqua come Natale?

Le varianti preoccupano medici ed esperti. A Pasqua probabile un regime di restrizioni rafforzato come a Natale. Lunedì il Governo comunicherà le nuove regole....

Bollette: fine maggior tutela rinviata al 2023.

Il decreto mille proroghe ha disposto lo slittamento del termine del mercato tutelato di un anno. Da quest’anno invece il bonus per le famiglie...

Recent Comments