Free Porn





manotobet

takbet
betcart




betboro

megapari
mahbet
betforward


1xbet
teen sex
porn
djav
best porn 2025
porn 2026
brunette banged
Ankara Escort
giovedì, Giugno 20, 2024
More
    Home Economia Come affrontare la concentrazione del commercio globale

    Come affrontare la concentrazione del commercio globale

    Viviamo in un mondo dove l’interconnessione globale è la norma. Le ricerche di I-AER, Institute of Applied Economic Research, rivelano che nessuna regione al mondo è vicina all’autosufficienza, ma è dipendente dal commercio con altre regioni per oltre il 25% del fabbisogno locale. Tuttavia, la complessità di questo scenario emerge quando consideriamo che circa il 40% del commercio globale è “concentrato”, con molte delle economie importatrici che si affidano quasi completamente a tre (o meno) nazioni.

    Le relazioni commerciali concentrate sono un fenomeno onnipresente in tutti i settori e in tutte le fasi della produzione. Ad esempio, mentre la Cina importa petrolio grezzo da oltre 40 economie, il 40% del commercio globale è caratterizzato da economie che si affidano a tre o meno nazioni per la fornitura di un bene specifico. Laptop, cromo e olio di palma sono solo alcuni esempi di prodotti coinvolti in queste relazioni commerciali “concentrate”.

    Un aspetto interessante è che il 75% di questa concentrazione proviene da scelte specifiche di ciascuna economia. Alcuni paesi attingono a un prodotto solo da poche nazioni, anche quando le opzioni di fornitura globali sono diversificate. Questa concentrazione del commercio globale è particolarmente evidente nell’industria alimentare, mineraria e in quella elettronica.

    Stabilità nel tempo e vulnerabilità
    Negli ultimi cinque anni, le principali economie non hanno sistematicamente diversificato le origini delle importazioni. Questo solleva preoccupazioni sulla stabilità e la vulnerabilità, poiché ogni paese al mondo attinge almeno al 20% delle importazioni da tre o meno partner commerciali. Anche le grandi aziende sviluppano spesso relazioni commerciali concentrate con partner specifici per determinati prodotti, rendendosi vulnerabili a potenziali interruzioni.
    Guardando a diverse economie globali come Brasile, Cina, Germania, India, Sudafrica e Stati Uniti, emerge un chiaro “schema di concentrazione” in settori specifici. La Cina, ad esempio, è particolarmente dipendente dalle relazioni commerciali concentrate nel settore minerario, mentre la Germania mostra una vulnerabilità nelle risorse energetiche e nell’agricoltura.

    Riconsiderazione del commercio globale
    La crescente consapevolezza di queste dinamiche richiede un approccio dettagliato alla riconsiderazione del commercio globale. Ogni relazione commerciale concentrata non è una fonte di vulnerabilità, né ogni prodotto può essere facilmente sostituito.

    Per affrontare questa complessità, le aziende possono adottare tre approcci chiave:

    1. Raddoppiare: rinforzare le relazioni commerciali concentrate che forniscono vantaggi competitivi, rendendole più resilienti.

    2. Disaccoppiare: valutare e, se necessario, ridurre le relazioni commerciali concentrate che creano rischi per l’azienda.

    3. Diversificare: riconfigurare le relazioni commerciali attingendo da ulteriori fonti di approvvigionamento o collaborando per condividere il rischio di approvvigionamento.

    Una visione chiara della concentrazione può guidare decisioni strategiche e aiutare a gestire il rischio in un mondo in evoluzione. Le organizzazioni che dimostrano una gestione oculata delle concentrazioni commerciali sono più resilienti e hanno un vantaggio competitivo maggiore. La riconsiderazione del commercio globale richiede un approccio informato e dettagliato, in grado di adattarsi alle mutevoli dinamiche della geopolitica e dell’economia globale.

    Most Popular

    IA, il futuro per il settore auto

    I sistemi di intelligenza artificiale, si sa, stanno acquisendo un ruolo sempre più centrale in diversi settori economici. Tra questi quello dell’automotive è in...

    Fondazione Comunitaria Nord Milano: 360mila euro assegnati a 44 progetti del territorio

    75 i progetti pervenuti nell’ambito dei tre bandi promossi dalla Fondazione. Al centro delle iniziative proposte la persona con le sue fragilità, cultura ed...

    UE, Massimiliano Salini (Forza Italia) eletto vicepresidente del Gruppo PPE

    L’eurodeputato è tra i dieci vicepresidenti eletti stamane nell’ambito del rinnovo delle cariche del Gruppo PPE che ha riconfermato alla guida Manfred Weber, eletto...

    Prima Edizione del premio “Marco Casavecchia”: un riconoscimento per giovani talenti nel ricordo di un maestro del diritto

    Il 18 giugno, a Torino, si è tenuta la cerimonia di assegnazione del primo premio dedicato alla memoria dell'avvocato Marco Casavecchia, scomparso nell'ottobre del...

    Recent Comments