domenica, Aprile 21, 2024
More
    Home Prima pagina Guerra, Zelensky: non basta ricostruire l’Ucraina, serve una trasformazione

    Guerra, Zelensky: non basta ricostruire l’Ucraina, serve una trasformazione

    Kiev deve ancora scacciare l’aggressore russo e vincere la guerra, ma pensa già da tempo alla ricostruzione del Paese. Ieri il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha partecipato con un intervento video alla Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina, in corso a Londra, a cui partecipano oltre 60 Paesi. “Difendendo l’Ucraina, difendiamo la libertà”, ha proclamato Zelensky, spiegando che il suo sarà un Paese “pacifico, stabile e democratico”. Il premier ucraino ha ricordato che la guerra scatenata da Mosca ha parecchie conseguenze al di fuori del campo di battaglia, come quella di un possibile “crisi alimentare” e il rischio di un “collasso sociale” in molti Paesi, compresi quelli africani. L’Europa, poi, ha imparato a sue spese che la dipendenza energetica dalla Russia ha un prezzo molto alto, motivo per cui per Zelensky ritiene che anche nel settore energetico non c’è “alternativa alla trasformazione verde dell’economia”, che diventa “una delle chiavi per la nostra sicurezza”.

    Le stime per la ricostruzione dell’Ucraina variano parecchio, ma l’ordine di grandezza è di centinaia di miliardi di dollari. Zelensky, tuttavia, ha dichiarato alla BBC che i contributi che arriveranno serviranno anche alla “trasformazione” del Paese. Sarà necessario ricostruire edifici, infrastrutture, ponti, dighe, ma “su scala più ampia”, ha spiegato Zelensky, “stiamo parlando della trasformazione dell’Ucraina”. Un processo che comprenderà la digitalizzazione della nazione e soprattutto una serie di riforme giudiziarie e contro la corruzione.

    Sui possibili negoziati di pace, invece, c’è disillusione da parte di Kiev. Zelensky ha ribadito che prima di avviare colloqui, sono necessarie “le vittorie sul campo di battaglia” e il ritiro dei soldati russi dai territori occupati. L’ipotesi di un conflitto congelato non è sul tavolo. Il premier ucraino, inoltre, ha dichiarato di non credere che Putin “sia pronto” a usare le armi nucleari “perché ha paura per la sua vita, gli piace molto”, pur ammettendo che non c’è certezza “soprattutto di un persona senza legami con la realtà, che nel 21° secolo ha lanciato una guerra su vasta scala contro il proprio vicino”.

    Most Popular

    E se il vino sparisse? l’Italia perderebbe 1,1% del PIL

    Durante la 56esima edizione di Vinitaly, tenutasi a Verona, è stata presentata una ricerca che evidenzia l'importanza economica del settore vinicolo in Italia. L'analisi,...

    Ue, si valuta altro taglio dei tassi

    Christine Lagarde annuncia un probabile nuovo taglio dei tassi “se non ci sono shock”. "Stiamo osservando un processo disinflazionistico. Se si muove in linea con...

    Nutella: 60 Anni di Dolce Successo Globale

    Nel 1964, il panorama delle creme spalmabili fu trasformato radicalmente dall'introduzione di Nutella, opera di Michele Ferrero. Originaria di Alba, questa crema ha combinato...

    L’inversione della polemica: un emendamento in tema aborto pone ai ferri corti Roma e Madrid

    Parlare di aborto in Italia è come aprire il vaso di Pandora del dibattito pubblico italiano, anche se questa volta lo scontro ha assunto...

    Recent Comments