domenica, Aprile 21, 2024
More
    Home Prima pagina A Milano nasce l’hub delle tecnologie avanzate per la medicina

    A Milano nasce l’hub delle tecnologie avanzate per la medicina

    A Milano nasce l’hub delle tecnologie avanzate per la medicina
    Presentato ANTHEM, il progetto coordinato da Milano-Bicocca, Politecnico, Università di Bergamo e di Catania, finanziato dal Piano complementare al PNRR per 123 milioni di euro, che vede la collaborazione di 23 soggetti pubblici e privati e punta a colmare, con l’ausilio di tecnologie e percorsi innovativi, il divario esistente nell’assistenza sanitaria dei pazienti fragili e cronici all’interno di territori caratterizzati da patologie orfane di terapie specifiche.
    Colmare nei prossimi quattro anni, con l’ausilio di tecnologie e percorsi multidisciplinari e innovativi, il divario esistente nell’assistenza sanitaria dei pazienti fragili e cronici all’interno di specifici territori caratterizzati da patologie orfane di terapie specifiche. È questo l’obiettivo principale di ANTHEM (AdvaNced Technologies for HumancentrEd Medicine), progetto coordinato dall’Università Milano Bicocca, quale ente capofila, Politecnico di Milano, Università di Bergamo e Università di Catania, insieme ad altri 23 soggetti tra pubblici e privati, finanziato dal Piano complementare al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per un investimento complessivo di 123 milioni di euro.
    L’investimento andrà a sostenere le attività di ricerca e di trasferimento tecnologico e di conoscenze, in ambito sanitario e assistenziale. In questo modo sarà possibile realizzare dispositivi e strumenti digitali per la raccolta dati a supporto di soluzioni di medicina di prossimità, sviluppare strumenti di monitoraggio e valutazione dei fattori ambientali, di stile di vita e patologici nelle popolazioni fragili e croniche e implementare metodologie di terapia oncologica per quei tumori che non possono essere trattati con approcci convenzionali.
    28 i progetti specifici nei quali verranno coinvolti oltre 200 ricercatori appartenenti a 10 tra Università ed Enti di ricerca, 8 tra Strutture sanitarie, sociosanitarie e di ricerca medica e 5 tra imprese ed Enti privati. È previsto inoltre un reclutamento di 80 tra ricercatori e tecnologi e di 65 dottori di ricerca. Quattro gli ambiti di intervento del progetto, ognuno coordinato da un Ateneo: l’Università di Bergamo si occuperà di tecnologie e gestione dei dati per la diagnostica e la cura; la Bicocca di ambienti smart e sensori innovativi per la medicina di prossimità; il Politecnico della ricerca di fattori di rischio e strumenti per il monitoraggio dei pazienti cronici, mentre l’Ateneo catanese delle soluzioni terapeutiche innovative per patologie orfane. A coordinare, gestire e monitorare le attività progettuali sarà la Fondazione Anthem con sede a Milano.
    Il progetto agirà su contesti territoriali e sistemi sanitari specifici e rappresentativi della diversità del Paese in termini di organizzazione, tecnologia, densità di popolazione, presenza di ospedali e di strutture di prossimità, facilità di accesso, efficienza diagnostica e terapeutica, uso delle tecnologie digitali. A questo proposito saranno coinvolte cinque regioni, ovvero Lombardia, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, le comunità montane, come la Val Seriana e la Val Brembana in provincia di Bergamo, e le comunità metropolitane e distrettuali di Milano, Monza e Brianza, Napoli, Taranto, Bari e Lecce.
    Il progetto ANTHEM è un’ambiziosa iniziativa a livello nazionale che, con un approccio multidisciplinare, punta a innovare la medicina personalizzata e a ridurre il gap nell’assistenza sanitaria di determinate patologie attraverso soluzioni di tecnologia avanzata – ha spiegatoGiovanna Iannantuoni, rettrice dell’Università di Milano-Bicocca dove il progetto è stato presentato nei giorni scorsi –. Con i fondi garantiti dal Piano Nazionale Complementare al PNRR e grazie alla partnership di 23 soggetti pubblici e privati, il progetto diventa un’opportunità per costruire sinergie e filiere in ambito di innovazione sanitaria e assistenziale e un’occasione di contatto con attori istituzionali e industriali all’avanguardia.

    Most Popular

    E se il vino sparisse? l’Italia perderebbe 1,1% del PIL

    Durante la 56esima edizione di Vinitaly, tenutasi a Verona, è stata presentata una ricerca che evidenzia l'importanza economica del settore vinicolo in Italia. L'analisi,...

    Ue, si valuta altro taglio dei tassi

    Christine Lagarde annuncia un probabile nuovo taglio dei tassi “se non ci sono shock”. "Stiamo osservando un processo disinflazionistico. Se si muove in linea con...

    Nutella: 60 Anni di Dolce Successo Globale

    Nel 1964, il panorama delle creme spalmabili fu trasformato radicalmente dall'introduzione di Nutella, opera di Michele Ferrero. Originaria di Alba, questa crema ha combinato...

    L’inversione della polemica: un emendamento in tema aborto pone ai ferri corti Roma e Madrid

    Parlare di aborto in Italia è come aprire il vaso di Pandora del dibattito pubblico italiano, anche se questa volta lo scontro ha assunto...

    Recent Comments