test
sabato, Giugno 15, 2024
More
    Home Prima pagina Zelensky: dal 10 ottobre i russi hanno distrutto il 30% delle centrali...

    Zelensky: dal 10 ottobre i russi hanno distrutto il 30% delle centrali elettriche ucraine.

    Zelensky: dal 10 ottobre i russi hanno distrutto il 30% delle centrali elettriche ucraine.
    Mentre si avvicina l’inverno, si allontanano le possibilità di avviare un negoziato sulla guerra in Ucraina. Lo ha ribadito ieri il presidente Zelensky in un tweet: “Dal 10 ottobre, il 30% delle centrali elettriche ucraine è stato distrutto, causando massicci blackout in tutto il Paese. Non c’è più spazio per i negoziati con il regime di Putin”. Mosca continua a colpire in maniera estesa la rete elettrica ucraina in modo da piegare la volontà di resistenza della popolazione con l’arrivo dell’inverno. Per il secondo giorno consecutivo, ieri ci sono state diverse esplosioni a Kiev. In particolare, un missile russo avrebbe colpito una centrale elettrica della capitale e impianti di alimentazione, come riportato dai media locali.
    Il Cremlino avrebbe comprato migliaia di droni kamikaze cda Teheran, armi che hanno diversi vantaggi: sono leggeri, volano basso e sono funzionali alla strategia del ‘terrore dal cielo’ finalizzata a spaventare i civili. Tuttavia, per il segretario di Stato americano, Antony Blinken, il fatto che la Russia ricorra a tali droni, “è un segno di disperazione”. Intervenendo alla Stanford University, Blinken ha affermato che gli attacchi coi droni hanno come bersagli “infrastrutture critiche come le centrali elettriche, gli ospedali, le cose di cui la gente ha bisogno nella vita quotidiana e che non sono obiettivi militari”.
    Secondo un sondaggio Gallup condotto a inizio settembre, quando era in corso la travolgente controffensiva delle forze armate di Kiev, e pubblicato dal Washington Post, all’incirca sette ucraini su dieci desiderano che i combattimenti proseguano finché il loro Paese non prevarrà. Tra questi, il 91% definisce “vittoria” la riconquista di tutte le zone occupate dai russi, Crimea compresa. Un sostegno che trova l’apice nella zona di Kiev (83%) e nell’Ucraina occidentale (82%), mentre cala nel sud (58%) e nell’est (56%) rimanendo tuttavia sopra il 50%. I recenti attacchi russi fiaccheranno il morale della popolazione? L’arrivo dell’inverno comporterà un minore sostegno agli sforzi militari di Kiev? Domande che troveranno risposte nelle prossime settimane.

    Most Popular

    Riuscirà l’Italia a Fermare la Fuga dei Suoi Giovani Talenti?

    L'Italia sta affrontando un allarmante esodo di giovani talenti, particolarmente accentuato tra i laureati, che nelle ultime due decadi hanno lasciato il paese in...

    Piemonte, la spesa dei beni durevoli segna +8,6% nel 2023

    Nel 2023, in Piemonte, la spesa per beni durevoli ha raggiunto quasi 6,5 miliardi di euro (6 miliardi e 479 milioni), segnando un aumento...

    760 Anni di eccellenza: la storia ininterrotta della carta Fabriano

    Nel cuore delle Marche, a Fabriano, si celebra un anniversario "pesante": 760 anni di produzione cartaria. La storia di questo materiale risale a un...

    Ue, Dazi fino al 48% sulle auto elettriche cinesi

    A partire dal 4 luglio, salvo un accordo diverso tra le parti, saranno introdotti nuovi dazi all’importazione di auto elettriche cinesi. Il motivo? Concorrenza...

    Recent Comments