sabato, Maggio 25, 2024
More
    Home Prima pagina ELEZIONI, IL GIUDICE RESPINGE IL RICORSO CAPPATO

    ELEZIONI, IL GIUDICE RESPINGE IL RICORSO CAPPATO

    ELEZIONI, IL GIUDICE RESPINGE IL RICORSO CAPPATO
    Marco Cappato ha perso il ricorso: la lista resta esclusa e il voto non sarà rinviato. Ma ora si prepara ad un reclamo urgente, e sulla decisione commenta: “È frutto dellinerzia istituzionale.
    IL FATTO
    Per poter depositare le proprie liste di candidati alle elezioni del prossimo 25 settembre, i partiti hanno dovuto raccogliere almeno 750 firme per ciascun collegio plurinominale in cui è diviso il territorio nazionale. Esenti sono i partiti che avevano un gruppo parlamentare lo scorso 31 dicembre, o che alle ultime elezioni avevano eletto deputati o superato l1% in coalizione, così come i partiti che si sono coalizzati con altri già presenti in Parlamento (per esempio Azione, alleato di Italia Viva).
    La lista Referendum e Democrazia, fondata dallex europarlamentare e attivista Marco Cappato, per ovviare al problema di raccogliere fisicamente le firme, da convalidare da sindaci, amministratori locali, notai o avvocati, aveva optato per la raccolta digitale, così come era accaduto in occasione della proposta di referendum sulla legalizzazione delleutanasia e della cannabis. Ma la doccia fredda era giunta quando era stata disposta lesclusione da parte dei giudici controllori, che avevano invalidato la raccolta online. Decisione, questa, che aveva spinto Cappato e gli attivisti di Referendum e Democrazia a proporre ricorso al Tribunale di Milano, per sancire la piena legalità delloperato, così come era accaduto in occasione della promozione dei quesiti referendari.
    LA PRONUNCIA DEL TRIBUNALE DI MILANO
    La bocciatura è però arrivata nella giornata di ieri, quando il Tribunale di Milano ha respinto il ricorso presentato dal neonato partito di Cappato contro lesclusione dalle liste per le elezioni del 25 settembre, che di fatto determina la fine di un progetto politico che ancora non ha di fatto mai visto la luce del sole, escludendo così lo scenario, paventato negli ultimi giorni almeno in linea teorica, ancorché fortemente impassibile, di rimandare la tornata elettorale. Il Tribunale ha motivato la decisione sostenendo che non sia stato possibile verificare lesistenza delle firme digitali che erano state depositate in diversi collegi del Nord Italia tramite chiavette USB. Secondo Cappato è «una decisione insensata», perché il compito di verificare le firme digitali spettava alle Corti dAppello, gli organi giudiziari incaricati di ammettere e respingere le candidature delle liste, e non a chi le aveva presentate. Una dura risposta, quella del diretto interessato, che sottolinea come nel silenzio assoluto da parte di Governo, Parlamento e Presidente della Repubblica, il giudice di Milano si è trovato a dover decidere in condizioni di oggettivo ricatto prodotto dallinerzia istituzionale. Anche per questo la nostra azione non finisce qui. È in preparazione un reclamo urgente e ricorsi a giurisdizioni internazionali.
    LE RAGIONI DI CAPPATO
    Le ragioni che spingevano Referendum e Democrazia a richiedere al Governo un intervento normativo lampo riguardavano il fatto che le firme digitali, cioè quelle che garantiscono lidentità del cittadino attraverso sistemi diversi, compreso lo SPID, sono considerate valide per molti aspetti della vita pubblica e amministrativa italiana, compresa la presentazione di un referendum, come di fatto accaduto per la promozione dei quesiti su fine vita e cannabis, ma la decisione delle Corti dAppello è andata in senso opposto, secondo quella che è stata definita una interpretazione datata e restrittiva delle leggida parte del tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni.
    Lesecutivo aveva però sin da subito rispedito la questione al mittente, e nella memoria presentata aveva rilevato come anche per queste elezioni le formazioni politiche di qualche consistenza erano comunque riuscite a raccogliere le firme e a candidarsi.
    Andrea Fortebraccio

    Most Popular

    Italia: Record Storico delle Energie Rinnovabili ad Aprile 2024

    Ad aprile, l'Italia ha raggiunto un traguardo storico nel campo delle energie rinnovabili, coprendo il 51,2% del fabbisogno elettrico nazionale, rispetto al 36% dello...

    IA Act, Ue pioniera nella regolamentazione del settore

    Il 21 maggio il Consiglio Ue approva all’unanimità la prima legge europea che regola l’intelligenza artificiale. Quella dell’Unione Europea è la prima legislazione al...

    Conferme per le Bandiere Blu nelle Località Lacustri del Piemonte nel 2024

    Nonostante la sua posizione senza sbocchi sul mare, il Piemonte si distingue per la qualità delle sue località lacustri. La Bandiera Blu è un...

    I cinesi della Dongfeng in Italia: trattative per un nuovo impianto produttivo di 100.000 auto all’anno

    Il settore automobilistico italiano potrebbe presto accogliere un nuovo giocatore significativo proveniente dalla Cina, il Dongfeng Motor Group, che sta discutendo con il governo...

    Recent Comments