test
lunedì, Giugno 17, 2024
More
    Home Prima pagina Guerra in Ucraina: la Lettonia reintrodurrà il servizio di leva obbligatorio

    Guerra in Ucraina: la Lettonia reintrodurrà il servizio di leva obbligatorio

    Guerra in Ucraina: la Lettonia reintrodurrà il servizio di leva obbligatorio
    Il Cremlino rappresenta una minaccia concreta per i Paesi Baltici che da sempre guardano con diffidenza ciò che accade verso est, anche dopo la caduta dell’Unione Sovietica. L’invasione russa dell’Ucraina ha costretto i Paesi europei a prendere contromisure e così, dopo l’avvio della procedura di adesione di Finlandia e Svezia alla Nato, ieri la Lettonia (già membro dell’Alleanza) ha annunciato che dal prossimo anno reintrodurrà il servizio di leva obbligatorio.
    L’annuncio è arrivato tramite Twitter dal ministro della Difesa lettone, Artis Pabriks. Il governo di Riga aveva eliminato la leva nel 2007, affidandosi a un esercito di professionisti coadiuvato dalla guarda nazionale. Ma la guerra di Putin ha cambiato tutto. I cittadini maschi con un’età compresa tra 18 e 27 anni dovranno completare il servizio militare della durata di undici mesi, oppure potranno servire in altre istituzioni. Per quanto riguarda le donne, questo potranno svolgere il servizio militare su base volontaria.
    Pabriks ha affermato che “la società deve essere consapevole e accettare che il prerequisito più importante per la sopravvivenza è il seguente: maggiore è il numero di lettoni preparati e addestrati militarmente, minore è la probabilità che la Russia indirizzi la sua aggressione militare contro la Lettonia”. Il ministro della Difesa ha affermato che saranno necessari dai 30.000 ai 40.000 cittadini con addestramento militare, contro i circa 7.000 attuali, su una popolazione di quasi due milioni di persone. Le nuove misure dovrebbero entrare in vigore all’inizio del 2023.
    Redazione

    Most Popular

    Il Rapporto Almalaurea 2023: Stipendi e Opportunità per i Neolaureati Italiani

    Il Rapporto Almalaurea 2023 fornisce un quadro dettagliato sul profilo e la condizione occupazionale dei laureati italiani. Secondo i dati raccolti, un neolaureato magistrale...

    Rivoluzione nelle terre rare: la Norvegia può ridurre la dipendenza europea dalla Cina?

    La recente scoperta di un vasto giacimento di terre rare nel complesso di Fen, in Norvegia, rappresenta un cambiamento significativo nel panorama geopolitico delle...

    Marco Gay nominato Presidente di Unione Industriali Torino

    Il Consiglio Generale di Unione Industriali Torino ha nominato Marco Gay come nuovo Presidente dell'associazione, succedendo a Giorgio Marsiaj. Questo rappresenta il primo passo...

    Riuscirà l’Italia a Fermare la Fuga dei Suoi Giovani Talenti?

    L'Italia sta affrontando un allarmante esodo di giovani talenti, particolarmente accentuato tra i laureati, che nelle ultime due decadi hanno lasciato il paese in...

    Recent Comments