venerdì, Aprile 19, 2024
More
    Home Prima pagina MAURO ARAGNI E GLI HAMBURGER DEL POLENTONE

    MAURO ARAGNI E GLI HAMBURGER DEL POLENTONE

    MAURO ARAGNI E GLI HAMBURGER DEL POLENTONE
    A Brescia lhamburger è fatto bene: amanti del panino più famoso al mondo, eccovi serviti. Limpresa, nel bel Paese, è anche ristorazione, e dove la tradizione del buon gusto la fa da padrona, anche dietro un piatto apparentemente semplice si celano grande attenzione alla qualità e alla valorizzazione dellenogastronomia locale. È questo lidentikit del Polentone, il Burger bistrot ideato da Mauro Aragni, che da otto anni delizia i palati dei bresciani.
    Mauro, raccontaci del Polentone.
    La mia storia di ristoratore ha inizio molti anni fa, quando gestivo un ristorante in piazzale Arnaldo. Otto anni fa decisi di cambiare, approcciandomi ad unidea nuova, quella degli hamburger. Cera un locale che faceva solo polente ed era in difficoltà; labbiamo rilevato e rinnovato, dando vita al Polentone burger bistrot. Oggi proponiamo ancora le polente, che abbiamo solo nel periodo invernale, ma il nostro piatto principale è lhamburger. Poi abbiamo inserito anche altri piatti della tradizione, tutti ovviamente di grande qualità, per garantire leccellenza e lunicità che vogliamo offrire ai bresciani. La risposta, infatti, è stata sin da subito ottima: abbiamo molti studenti universitari che frequentano il Polentone, data la vicinanza al centro storico e a diverse facoltà, ma gli hamburger piacciono a tutti ed alla sera possiamo contare su clienti di ogni età.
    Perché il Polentone è “diverso?
    Oggi lofferta è ampia, quindi dovevamo necessariamente offrire un prodotto che potesse distinguersi. Sin dal primo momento abbiamo voluto puntare sulla qualità del prodotto: proponiamo carni di soli animali nati, allevati e macellati in Italia (più precisamente in Franciacorta), facciamo il pane in casa con farine pregiate, ed ogni altro prodotto che si trova sul nostro menù proviene dalla nostra terra ed è ancorato alla nostra storia. Siamo contenti di come siamo diventati, nonostante questi due anni ci abbiano colpiti parecchio. Speriamo in bene.
    Ti stai riferendo al periodo della pandemia, com’è stato?
    Facevamo lasporto. Rispetto ad altri siamo stati più fortunati, dato che lhamburger è un tipo di prodotto che si presta più facilmente, ma comunque avere qua il cliente è tuttaltra cosa. Abbiamo avuto grandi perdite in questi due anni. Ora cerchiamo di recuperare, stando attenti alle spese, risparmiando su tutto salvo che sulla materia prima. Nonostante tutto non abbiamo variato neppure un fornitore: la qualità per noi è tutto. Ma detto questo, sono fiducioso che ne usciremo anche più forti prima.
    Avete altri progetti per il futuro?
    Attualmente stiamo risistemando linterno del locale, poi in futuro vedremo se aprire qualcosaltro su questa scia, ma per ora sono concentrato al massimo sul Polentone. È il locale stesso che deve traghettarsi fuori dalla crisi che c’è stata e da quella che sta subentrando.
    Ti riferisci alla crisi dovuta alla guerra in Ucraina immagino.
    Esattamente. Le materie prime sono aumentate esponenzialmente. È vero che tutto il prodotto che utilizziamo è prettamente a km zero, però anche i prezzi delle farine italiane che utilizziamo per pane e pasta sono decisamente aumentati: mancando il grano  proveniente dallUcraina la domanda del grano nostrano è aumentata a parità di offerta, facendo inevitabilmente lievitare i prezzi. Non per ultimo, poi, laumento dellenergia elettrica e del gas ha portato al triplicarsi delle spese fisse anche per il nostro locale. Non è facile, però andiamo avanti e teniamo duro.
    Dalla vostra parte c’è senzaltro la posizione strategica. È così?
    Senzaltro. Siamo in pieno centro storico, a due passi dalla metro di San Faustino, ed il quartiere del Carmine sta godendo di ottima salute. Sicuramente, sotto questo aspetto, non possiamo lamentarci.
    Alla luce di quanto ci siamo detti, quanto è difficile fare impresa nel 2022?
    Facile non lo è mai stato, soprattutto per piccole imprese come la nostra: bisogna far fronte agli stessi obblighi e alle stesse incombenze che gravano anche su grandi imprese, che però bisogna gestire da soli, con pochi dipendenti. Fare tutto non è facile.
    Grazie.
    Andrea Valsecchi

    Most Popular

    L’inversione della polemica: un emendamento in tema aborto pone ai ferri corti Roma e Madrid

    Parlare di aborto in Italia è come aprire il vaso di Pandora del dibattito pubblico italiano, anche se questa volta lo scontro ha assunto...

    Trasporto aereo in Italia nel 2023: crescita e preferenze passeggeri

    Nel 2023, il settore del trasporto aereo in Italia ha vissuto un forte incremento, registrando un totale di 197 milioni di passeggeri, un aumento...

    Nasce il “Museo Inclusivo”: un viaggio nell’arte e nella creatività per persone con autismo

    L’iniziativa promossa dall’ufficio Servizi educativi e accessibilità del Castello Sforzesco e dall’Associazione “Portami per mano Onlus”, in collaborazione con la società Ad Artem. In una...

    Un nuovo paradigma per l’Europa: Il discorso di Draghi

    Nel cuore dell'Europa, a La Hulpe in Belgio, Mario Draghi ha delineato una visione rinnovata per il futuro dell'Unione. Durante la High-level Conference sui...

    Recent Comments