lunedì, Aprile 15, 2024
More
    Home Economia Opere PNRR, il problema degli extra-costi

    Opere PNRR, il problema degli extra-costi

    Opere PNRR, il problema degli extra-costi
    Ecco come la crisi militare e i rincari di materie prime ed energia incidono sull’attuazione del Piano.

    Si complica la partita della revisione del Pnrr. Già 3 miliardi di costi aggiuntivi rispetto a quelli preventivati, e ai cantieri aperti delle opere in corso mancano 500 milioni. Il governo studia nuove misure, ma servono risposte immediate per evitare rallentamenti nell’implementazione dei target e degli obiettivi previsti dal Piano.

    Per evitare di chiudere i cantieri già aperti, rallentando l’attuazione del Piano di Ripresa e Resilienza, servono urgentemente fondi integrativi e soprattutto l’approvazione di un meccanismo di revisione prezzi, compensazione e neutralizzazione dei nuovi costi.

    Per le sole opere infrastrutturali della Missione 3 (25,4 miliardi complessivi) gli aumenti dei costi maturati rispetto alle cifre indicate nel Piano ammontano già a 3 miliardi: 2,4 circa derivanti dai maggiori costi che dovrà sostenere Rete ferroviaria italiana sulle 19 gare in programma per il 2022 in seguito all’aumento dei prezzari di gennaio (aumento medio del 18% rispetto ai valori preventivati nel Piano); altri 500 milioni sono la stima per i maggiori costi relativi alle grandi opere in corso.

    Un’elaborazione dell’Ance sui costi Rfi evidenzia infatti come il totale del costo delle 19 opere passi da 13.218 milioni a 15.589 milioni, mentre una stima fatta dalle aziende appaltatrici impegnate nella realizzazione delle grandi opere già in corso (fra cui le linee di Alta velocità del Terzo Valico, della Brescia-Padova e della Napoli-Bari) mostra, appunto, uno “scarto” di 500 milioni.

    Peraltro, la cifra di 3 miliardi di extracosti già maturati è destinata ad aumentare.

    Le riunioni della commissione tecnica insediata al Mims hanno evidenziato che 54 materiali su 56 hanno sforato la soglia dell’8% che fa scattare le compensazioni previste dalla legge, e per molti materiali gli aumenti si avvicinano alle tre cifre. La media aritmetica del paniere degli aumenti dovrebbe attestarsi intorno al 36%.

    Il secondo fronte che dovrebbe registrare i più recenti aumenti dei prezzi dei materiali è un ulteriore aggiornamento dei prezzari di alcune grandi stazioni appaltanti, fra cui in prima linea, sul fronte Pnrr, c’è Rfi. La società conferma le indiscrezioni secondo cui, dopo l’aumento medio del 18% varato a gennaio, seguirebbe ora un ulteriore aggiustamento dei prezzi al rialzo dell’ordine dei 6-7 punti percentuali.

    Ma, sottolinea l’Ance, non esistono soltanto le opere del Pnrr: tutto il settore è scosso dallo shock dei rincari. Ai 3 miliardi sul fronte del PNRR andrebbero aggiunti quelli per le opere “non Pnrr”: per l’intero settore dei lavori pubblici si arriverebbe così a 10 miliardi di extracosti.

    Il governo sta valutando quali misure varare, oltre a un meccanismo di revisione prezzi che adegui rapidamente i costi degli investimenti. Senza decisioni rapide, molti cantieri non potranno restare aperti.

    Davide Bonetti

    Centro Studi SA FINANCE

    Most Popular

    I segreti delle aziende familiari di successo

    Le imprese a conduzione familiare rappresentano il 77% delle PMI totali in Italia, svolgendo un ruolo centrale nell'economia del paese. Secondo un'indagine di I-AER,...

    Iran-Israele: nel valzer delle minacce reciproche, Teheran prende di mira anche gli Stati Uniti. Diplomazie al lavoro per una de-escalation

    Dopo i fatti del weekend, il mondo si chiede: ci sarà un'escalation in Medio Oriente? L'Iran ha risposto all'attacco israeliano contro il consolato di...

    Auto elettriche, prezzi energia in aumento fino al 65%

    Aumentano ancora i prezzi dell’energia per la ricarica delle auto elettriche. Nonostante il crollo dei prezzi dell'energia sui mercati internazionali, i prezzi dell’energia per la...

    L’industria del vetro italiana affronta la sfida della decarbonizzazione

    L'industria italiana del vetro si sta impegnando attivamente nella decarbonizzazione, adottando strategie innovative per ridurre l'impronta di carbonio e aumentare la sostenibilità ambientale. Questo...

    Recent Comments