martedì, Febbraio 27, 2024
More
    Home Prima pagina Mobilità elettrica: previsto aumento colonnine di ricarica ma non mancano i problemi

    Mobilità elettrica: previsto aumento colonnine di ricarica ma non mancano i problemi

    Mobilità elettrica: previsto aumento colonnine di ricarica ma non mancano i problemi
    Il Comune di Milano conferma l’implementazione della rete, ma gli utenti intanto si trovano a fare i conti con postazioni insufficienti e la sosta abusiva.
    Nel capoluogo lombardo si sta assistendo ad una crescita costante delle immatricolazioni di auto elettriche ma il passaggio alla mobilità sostenibile non è privo di difficoltà per coloro che scelgono di percorrere questa strada, tra colonnine di ricarica insufficienti e postazioni occupate come fossero normali parcheggi.
    Eppure Milano si aggiudica il terzo posto sul podio dei Comuni più virtuosi in tema di mobilità elettrica – dopo Firenze e Roma – guardando al rapporto tra punti di ricarica e numero di abitanti: 0,51 ogni 1000. In città, secondo gli ultimi dati, sono oltre 700 i punti di ricarica dislocati nelle diverse aree del capoluogo e il Comune avrebbe intenzione di implementare ulteriormente la struttura sul suolo pubblico già nel corso di quest’anno.
    Si era partiti con le prime 29 colonnine di ricarica presenti in città nel 2016, aumentandole progressivamente nel corso degli anni fino a raggiungere quota 143 nel 2021 per un totale di 286 punti di ricarica autorizzati e censiti dal Comune. Già nel corso dello scorso anno sono state rilasciate 81 autorizzazioni per nuove colonnine la cui operatività è prevista per i prossimi mesi in diversi quartieri della città. Non solo, da Palazzo Marino rendono noto che ci sono già 200 richieste di autorizzazioni da diversi operatori pronte per la valutazione e si stima che almeno il 70% di queste potrà essere accolto.
    Le intenzioni del Comune erano state confermate a gennaio dall’assessore alla Mobilità, Arianna Censi, che aveva sottolineato l’impegno per autorizzare e installare altri punti di ricarica, attrezzando anche gli hub di interscambio per completare la rete dedicata alla mobilità sostenibile sulla quale il Comune punta a costruire il futuro degli spostamenti in città e provincia. A gestire la rete milanese, più diversificata in termini di prese e potenze disponibili, è A2A che a partire dal 2010 ha sviluppato un network di stazioni di ricarica elettriche per veicoli a 2,3 e 4 ruote dislocate tra Milano e altre città lombarde, consultabili attraverso l’app E-moving che permette di prenotare la presa e avviare la ricarica dopo aver creato un profilo e selezionato il piano tariffario.
    Ma i problemi non mancano. Il presidente di Aci Milano, Geronimo La Russa, tempo addietro aveva evidenziato non solo un problema di quantità di colonnine disponibili, ma aveva anche puntato l’attenzione sulla capienza, sottolineando la necessità di un lavoro complessivo sulla rete in modo tale da evitare che un aumento dei punti di ricarica possa causare un sovraccarico energetico nei periodi di maggiore consumo come quello estivo.
    Senza contare che molti utenti denunciano la sosta selvaggia nei parcheggi in prossimità delle colonnine, rendendo così impossibile l’approvvigionamento della ricarica. C’è poi una questione aperta sulle isole digitali che erano nate per Expo 2015 e che prevedevano al loro interno anche la postazione di ricarica per le auto elettriche, cadute in disuso dopo la conclusione dell’esposizione. Su questo punto A2A ha reso noto che sono in fase di valutazione alcuni progetti per rifunzionalizzarle introducendo un sistema misto di ricarica sia per le auto che per i quadricicli.
    Micol Mulè

    Most Popular

    Draghi, parla l’ex premier

    Draghi, parla l’ex premier A Gand (Belgio) torna a parlare l'ex premier Mario Draghi. Lontano dai riflettori da tempo, l’ex inquilino di Palazzo Chigi e numero...

    Possibili scenari futuri per l’economia globale

    Possibili scenari futuri per l’economia globale Dall’Istituto di Ricerca Economica Applicata, I-AER, un’analisi sulle quattro possibili vie per il futuro economico e come le imprese...

    Guerra, Zelensky: il 2024 sarà l’anno della svolta per l’Ucraina. E chiede più Patriot

    Guerra, Zelensky: il 2024 sarà l'anno della svolta per l'Ucraina. E chiede più Patriot Volodymyr Zelensky cerca di rassicurare i sostenitori occidentali: "Mosca conosceva i...

    Ricchezza famiglie italiane in crescita nel 2023

    Ricchezza famiglie italiane in crescita nel 2023 La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane continua a dimostrare segnali positivi, raggiungendo cifre notevoli nel bilancio complessivo del...

    Recent Comments