11.5 C
Milano
sabato, Luglio 2, 2022
Home Economia Gruppo INAZ: ricavi per 45,3 milioni nel 2020, +8,6%

Gruppo INAZ: ricavi per 45,3 milioni nel 2020, +8,6%

Gruppo INAZ: ricavi per 45,3 milioni nel 2020, +8,6%

Cresce la domanda di tecnologie per una gestione digitale del personale in azienda

La società, specializzata in software e servizi dedicati al mondo HR, nel 2020 è cresciuta grazie alla forte richiesta di consulenza, Cloud, tecnologie e strumenti che abilitano lo smartworking, la comunicazione e la sicurezza del personale nelle aziende italiane

Si è chiuso in crescita il 2020 del Gruppo Inaz, impresa specializzata in soluzioni software, servizi e consulenza in ambito amministrazione e gestione delle risorse umane. I ricavi nel 2020 sono stati di 45 milioni 357 mila euro, +8,6 % rispetto all’anno precedente. «Un risultato importante, conseguito in un anno difficile per la crisi innescata dalla pandemia, in cui il mercato digitale in Italia si è contratto del -0,6% secondo i dati Assinform relativi al 2020» commenta Linda Gilli, Cavaliere del Lavoro e presidente e amministratore delegato di Inaz, che ha sede a Milano, conta circa 450 dipendenti, è presente con filiali e punti assistenza in tutta Italia e da oltre settant’anni è punto di riferimento e sinonimo di innovazione per quanto riguarda le tecnologie e la consulenza dedicate al settore HR.

«Nell’ultimo anno Inaz è cresciuta perché già preparata ad affrontare la trasformazione digitale e la rivoluzione che ha interessato il modo di lavorare – prosegue Linda Gilli –. In un momento in cui la gestione delle persone e l’organizzazione del lavoro sono diventati temi cruciali, abbiamo saputo affiancare i nostri clienti, in prima battuta aiutandoli a gestire le problematiche legate all’emergenza Covid-19, e poi nel raccogliere le sfide del “next normal” che si delinea post pandemia. La chiave è stata proporre non solo strumenti e soluzioni adatti a superare i problemi contingenti, quanto un vero e proprio approccio orientato a innovare con una visione a lungo termine: digitalizzare, garantire la sicurezza negli ambienti di lavoro, comunicare meglio internamente, realizzare uno smartworking davvero positivo per l’azienda e i lavoratori. In una parola, adattare i modelli organizzativi alle trasformazioni irreversibili del mondo del lavoro». Basti pensare che, come rilevato dalla ricerca “Future of Work 2020” realizzata dall’Osservatorio Imprese Lavoro Inaz, dopo la pandemia solo il 6% delle imprese prevede di tornare a lavorare sempre e solo in presenza.

Le strategie future di Inaz sono orientate allo sviluppo di soluzioni sempre nuove e vicine alle esigenze delle aziende, tra cui spiccano i servizi in Cloud, tool e app per agevolare il lavoro da remoto e la comunicazione azienda-dipendente, le applicazioni dell’intelligenza artificiale nei processi a più alto tasso di automazione legati alla gestione del personale. Allo stesso tempo, Inaz intende potenziare la propria rete commerciale e tecnica in tutta Italia e proseguire nella strategia di acquisizioni e partnership che permettono al Gruppo di arricchirsi con realtà d’eccellenza. Un esempio di questa strategia nel 2020 è stata l’acquisizione di Ddocuments, società milanese specializzata nelle soluzioni per la digitalizzazione documentale.

L’andamento positivo del 2021 riguarda anche la dimensione occupazionale: sono state introdotte nuove figure professionali, pari al 26% della popolazione aziendale dedicata ai  ruoli di ricerca e supporto tecnico.

«Lo scenario economico generale rimane complicato, ma guardiamo al futuro con fiducia – conclude Linda Gilli –. La nostra è un’azienda che offre prodotti e servizi per il mercato B2B, perciò il nostro andamento dipende da quello dei clienti. È quindi determinante che l’economia italiana riparta al più presto. Il fatto che la prima missione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza sia incentrata su digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura è estremamente significativo: sono questi gli elementi chiave che potranno rendere l’economia italiana protagonista in un mondo che esce dalla pandemia completamente trasformato. Il Paese e le sue imprese non devono lasciarsi sfuggire questa opportunità».

Come azienda familiare, Inaz accompagna i propri piani di sviluppo a una particolare attenzione al tema del passaggio generazionale. È in quest’ottica che la società ha cominciato a preparare l’ingresso nella proprietà della terza generazione, rappresentata dai tre figli di Linda Gilli: Ludovica, Valerio e Giovanni Busnach. «Un passaggio – sottolinea Gilli – che avverrà nel segno della continuità, con il supporto fondamentale del management di Inaz, che condivide modelli e principi guida della governance aziendale».

Inaz Srl è una delle più importanti realtà italiane nella produzione software ed erogazione servizi per l’amministrazione e la gestione delle risorse umane. Fondata nel 1948, è un’azienda familiare oggi guidata da Linda Gilli, Cavaliere del Lavoro. Con una rete commerciale presente in tutta Italia, Inaz offre soluzioni digitali innovative a migliaia di clienti fra aziende, pubblica amministrazione, studi professionali, consulenti del lavoro e associazioni di categoria. Inaz, con il suo Centro Studi e l’Osservatorio Imprese Lavoro, è anche punto di riferimento per imprese e professionisti in tema di aggiornamento, consulenza e formazione. La sede centrale è in Viale Monza 268 a Milano. www.inaz.it

Most Popular

Adesione Ucraina all’Ue, Von Der Leyen al Parlamento di Kiev: “La strada è lunga, ma saremo al vostro fianco”

Adesione Ucraina all’Ue, Von Der Leyen al Parlamento di Kiev: “La strada è lunga, ma saremo al vostro fianco” “Un traguardo storico”. Con queste parole...

Sesto San Giovanni, ex aree Falck: il quartiere Unione 0 svelato alla comunità

Sesto San Giovanni, ex aree Falck: il quartiere Unione 0 svelato alla comunità L’evento, tra installazioni e testimonianze dei players del progetto, ha descritto il...

MASCHERINE, RACCOMANDATE AL LAVORO FINO AD OTTOBRE

MASCHERINE, RACCOMANDATE AL LAVORO FINO AD OTTOBRE La mascherina rimane un dispositivo di protezione fondamentale da utilizzare negli ambienti di lavoro, soprattutto laddove non sia...

Maturità 2022: Verga e l’iperconnessione vanno per la maggiore

Maturità 2022: Verga e l’iperconnessione vanno per la maggiore Nei licei italiani si sta svolgendo l’esame di maturità, giunta ormai alla fase orale conclusiva. Come...

Recent Comments