11.5 C
Milano
martedì, Agosto 3, 2021
Home Economia Giovani e lavoro: solo 1 su 3 ce la fa, nonostante gli...

Giovani e lavoro: solo 1 su 3 ce la fa, nonostante gli aiuti

Gli ultimi dati Anpal relativi all’efficacia del programma europeo Garanzia Giovani delineano un quadro preoccupante per i giovani italiani.

Nonostante i concreti sforzi a livello europeo per sostenere l’occupazione giovanile, le ultime notizie sono tutt’altro che positive, perlomeno per i giovani italiani. Secondo gli ultimi dati Anpal (l’Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro vigilata dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali), tra gli under 29 italiani che dal 2014 hanno partecipato attivamente a Garanzia Giovani, solo in pochi sono riusciti a trovare un’occupazione.

Garanzia Giovani è il programma europeo concepito per favorire l’entrata stabile nel mondo del lavoro dei ragazzi europei. In Europa infatti è diffuso il problema dei Neet, cioè quelle persone in giovane età che non hanno un impiego, non vanno a scuola e non sono impegnati in corsi di formazione.

Il primato dei Neet nell’Unione Europea è detenuto dall’Italia che col suo 22% stacca di non poco la Grecia, al secondo posto con il 17,7% (dati Eurostat del 2019).
In totale in Italia sono circa 1,6 milioni i Neet e di questi 1,2 milioni sono stati presi in carico da agenzie del lavoro. Secondo i calcoli del Sole24Ore, solo un giovane su tre (circa 412mila), avrebbe trovato un’occupazione e solo nel 50% dei casi tale rapporto si è concretizzato in un contratto a tempo indeterminato.

Più nello specifico, secondo l’ultimo report Anpal, al 30 novembre 2020 sono 1.629.849 i Neet registrati alla Garanzia Giovani, con un incremento di 11.339 unità rispetto al mese di ottobre. Gli ultimi dati inoltre evidenziano un aspetto particolarmente preoccupante: il 79,6% dei registrati è stato preso in carico da servizi per l’impiego ma di questi circa l’80% dei giovani possiede un profilo medio-alto e alto, ossia con elevate difficoltà di inserimento nel mercato del lavoro. A ciò si aggiunge che tra le misure erogate, il 56,3% sono tirocini extra-curriculari, seguiti da incentivi occupazionali per il 22,1% e formazione per il 16,3%.

Simone Fausti

Most Popular

MedicAir acquisisce Finisterre

MedicAir acquisisce Finisterre MedicAir Group, leader nel settore dell’Home Care, ha acquisito Finisterre Srl, ampliando la sua offerta con servizi di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) e...

Premi di risultato

Premi di risultato I così detti premi di produzione, sono premi riconosciuti ai lavoratori e disciplinati da un apposito accordo aziendale in cui se ne...

Sicurezza in azienda contro varianti virus, Spada (Formazienda): “Formazione strategica”

Sicurezza in azienda contro varianti virus, Spada (Formazienda): “Formazione strategica” La variante Delta fa paura ma il Paese non può permettersi una nuova chiusura delle attività...

Una riflessione prima della pausa estiva: a che punto è il PNRR?

Una riflessione prima della pausa estiva: a che punto è il PNRR? Cari amici, è tempo di vacanze anche per noi. L'anno scorso non ne...

Recent Comments