venerdì, Marzo 1, 2024
More
    Home Economia Giovani e lavoro: solo 1 su 3 ce la fa, nonostante gli...

    Giovani e lavoro: solo 1 su 3 ce la fa, nonostante gli aiuti

    Gli ultimi dati Anpal relativi all’efficacia del programma europeo Garanzia Giovani delineano un quadro preoccupante per i giovani italiani.

    Nonostante i concreti sforzi a livello europeo per sostenere l’occupazione giovanile, le ultime notizie sono tutt’altro che positive, perlomeno per i giovani italiani. Secondo gli ultimi dati Anpal (l’Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro vigilata dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali), tra gli under 29 italiani che dal 2014 hanno partecipato attivamente a Garanzia Giovani, solo in pochi sono riusciti a trovare un’occupazione.

    Garanzia Giovani è il programma europeo concepito per favorire l’entrata stabile nel mondo del lavoro dei ragazzi europei. In Europa infatti è diffuso il problema dei Neet, cioè quelle persone in giovane età che non hanno un impiego, non vanno a scuola e non sono impegnati in corsi di formazione.

    Il primato dei Neet nell’Unione Europea è detenuto dall’Italia che col suo 22% stacca di non poco la Grecia, al secondo posto con il 17,7% (dati Eurostat del 2019).
    In totale in Italia sono circa 1,6 milioni i Neet e di questi 1,2 milioni sono stati presi in carico da agenzie del lavoro. Secondo i calcoli del Sole24Ore, solo un giovane su tre (circa 412mila), avrebbe trovato un’occupazione e solo nel 50% dei casi tale rapporto si è concretizzato in un contratto a tempo indeterminato.

    Più nello specifico, secondo l’ultimo report Anpal, al 30 novembre 2020 sono 1.629.849 i Neet registrati alla Garanzia Giovani, con un incremento di 11.339 unità rispetto al mese di ottobre. Gli ultimi dati inoltre evidenziano un aspetto particolarmente preoccupante: il 79,6% dei registrati è stato preso in carico da servizi per l’impiego ma di questi circa l’80% dei giovani possiede un profilo medio-alto e alto, ossia con elevate difficoltà di inserimento nel mercato del lavoro. A ciò si aggiunge che tra le misure erogate, il 56,3% sono tirocini extra-curriculari, seguiti da incentivi occupazionali per il 22,1% e formazione per il 16,3%.

    Simone Fausti

    Most Popular

    G20 Brasile: proposta di imposta minima globale sui super ricchi

    G20 Brasile: proposta di imposta minima globale sui super ricchi Durante il summit del G20 Economia tenutosi a San Paolo il ministro brasiliano delle Finanze,...

    Obiettivi PNRR: l’Italia meglio di tutti

    Obiettivi PNRR: l’Italia meglio di tutti Forse nessuno se lo aspettava; o meglio, il preconcetto sull’indole nazionale e un dibattito politico interno tutto teso a...

    L’Italia sta affrontando una marcata carenza di laureati in ambito STEM

    L'Italia sta affrontando una marcata carenza di laureati in ambito STEM (Science, Technology, Engineering, Mathematics), con una stima annuale di 230.000-240.000 figure professionali introvabili....

    Dop e Igp, al via le nuove regole

    Dop e Igp, al via le nuove regole Varata la nuova riforma europea per la tutela dei marchi Dop e Igp. L’obiettivo è quello di...

    Recent Comments