11.5 C
Milano
lunedì, Gennaio 18, 2021
Home Economia Mascherine e gel: le province italiane che ne hanno acquistato di più.

Mascherine e gel: le province italiane che ne hanno acquistato di più.

 Tramite i dati forniti da Iqvia, è stato possibile stilare una classifica delle province italiane dove i cittadini hanno realizzato i maggiori acquisti in termini di dispositivi per la protezione sanitaria.

Dallo scoppio della pandemia di covid19 in Italia, nel mese di febbraio, gli italiani sono stati costretti a ricorrere a mascherine e gel igienizzante per ridurre i rischi di contagio. La complicata distribuzione di tali dispositivi ha sicuramente inciso sulla capacità di reperimento degli stessi nei primi mesi, ma a nove mesi di distanza dall’inizio dell’epidemia, come si sono comportati gli italiani?

Secondo i dati di Iqvia (multinazionale statunitense specializzata nell’analisi dei dati sanitari), riportati dal Sole24Ore, da gennaio a settembre sono stati acquistati quasi 30 milioni di mascherine e 10,5 milioni di confezioni di gel igienizzante in farmacia. Genova risulta la provincia in cui sono stati realizzati i maggiori acquisti: 7,14 unità (tra mascherine e gel) in media per abitante maggiorenne che corrispondono a una spesa media di 1,52 euro. Seguono Asti (5,48 unità) e Alessandria (4,41 unità). Sul fondo della classifica si trovano Novara e Trento (ciascuna con 1,71 unità), Vibo Valentia (1,68) e Catanzaro (1,59).

Per quanto riguarda le prime cinque province italiane per popolazione, Roma è 21esima con 3,43 unità per abitante maggiorenne e una spesa media di 0,74€,
Milano è 31esima (3,21 unità e 0,74€ in media), Napoli è 13esima (3,61 e 1,11€) Torino 16esima (3,51 e 0,88€) e Palermo 69esima (2,48 e 0,64€). A livello nazionale sono state acquistate 2,69 unità per abitante maggiorenne per una spesa media pari a 0,71 euro.

Una classifica parziale dal momento che riguarda solo gli acquisti in farmacia, ma a suo modo significativa. È vero che, col passare delle settimane, la maggior parte delle aziende si è adeguata ai protocolli anti covid fornendo una mascherina al giorno ai propri dipendenti che non erano in smart working e che hanno continuato a lavorare in sede. Per quanto riguarda il gel, sebbene all’interno di negozi ed edifici siano presenti ovunque dispensatori igienizzanti, per chi ha continuato a usare i mezzi pubblici o comunque a muoversi frequentemente per lavoro o per altri motivi anche durante il lockdown, in questo caso l’acquisto è risultato fondamentale in quanto tendenzialmente non fornito dal proprio datore di lavoro.

Simone Fausti

Most Popular

Turismo: Piemonte secondo nel marchio di qualità turistico-ambientale del Touring

Una delle domande più ricorrenti di questa pandemia è: quando potremo tornare a viaggiare? È una domanda ancora senza risposta, ma nel frattempo il Piemonte...

Lavoro: il governo vaglia nuove misure di supporto

Cassa covid, contributi 2021, contratto di solidarietà difensiva. L’esecutivo al lavoro per rinnovare le misure di supporto al mondo del lavoro.   In diverse zone d’Italia...

Lombardia zona rossa, oggi il ricorso al Tar

Rt datato ed altri parametri sottovalutati. Fontana: “Puntiamo a sederci al tavolo tecnico per la loro modifica”. Confcommercio: “Cambio di passo nella politica dei...

Aeroporto Torino: miglior scalo d’Europa e sempre più green

Dopo aver ricevuto il premio di Aci Europe - associazione che riunisce oltre 500 scali di 46 Paesi - come miglior scalo d'Europa nella...

Recent Comments