11.5 C
Milano
mercoledì, 30 Settembre, 2020
Home Economia Engagement

Engagement

Con questo termine engagement, si intende rappresentare il grado di coinvolgimento delle risorse in relazione al contenitore, ovviamente per contenitore intendo l’azienda, dove all’interno le risorse stesse destinano tempo e competenze in modo continuativo e costante.

 

Un dipendente si sente ingaggiato quando si sente parte attiva e non passiva dell’azienda, ossia condivide parte della visione e degli obiettivi che creano in modo determinate una relazione basata su dialogo e fiducia.

 

Occorre fare una precisazione, in Italia secondo una ricerca fatta da Luiss, il 70% dei dipendenti non si sente ingaggiato dall’azienda in cui svolge le proprie mansioni, di fatto il loro grado è di insoddisfazione del proprio posto di lavoro. Tuttavia l’engagement dei propri dipendenti è un fattore strategico da non sottovalutare perché i lavoratori motivati sono quelli più produttivi, soprattutto se si crea il proprio benessere individuale, in quanto questo aumenta di riflesso la produttività, i profitti del contenitore.

 

Proprio per questo problema, cioè il non rendere parte attiva il lavoratore, la Germania o meglio la sua economia ha perso fino al 2016 tra i 76 e i 99 miliardi di euro all’anno per il solo fatto che i dirigenti aziendali nono siano stati in grado di coinvolgere emotivamente i propri dipendenti aggiungendo inoltre i famosi costi occulti, come perdita aggiuntiva anno per anno.

 

L’aspetto fondamentale che si coglie da tale analisi e che il dipendente coinvolto non solo non si limita a svolgere il proprio compito ma dedica maggior attenzione e passione a ciò che fa, portando in questo modo innovazione e stimoli positivi nell’ambiente lavorativo in cui opera sia lui che il collettivo che lo circonda. Il risultato finale di tale paradigma porta con sé un aumento del brand aziendale, affezione da parte del lavoratore alla propria posizione lavorativa, benessere individuale e collettivo, terminando con innovazione e valore aggiunto.

 

Ecco che il futuro nel mondo del lavoro sarà sempre più orientato verso l’acquisizione, da parte di chi gestisce il contenitore (Imprenditori, Manager, Direttori, Hr), di contenuti legati all’essere umano, ai suoi bisogni o meglio al soddisfacimento di tali attraverso competenze sociali e relazionali, le quali lavorano sul valore della persona ritenuta come tale e non come strumento di lavoro.

 

Palmerino D’alesio/Structogram Italia

 

p.dalesio@structogramitalia.net

Most Popular

Il numero uno del Cio contro la riforma dello sport: non rispetta la Carta Olimpica

Forti le preoccupazioni per il funzionamento del Coni. Dubbi anche sulle Olimpiadi invernali Milano-Cortina 2026. Spadafora: “Se per Bach l’autonomia del Comitato olimpico in...

Il manager o il venditore perfetto.         

Esiste il manager o il venditore perfetto?   Ci sono innumerevoli teorie riguardo al segreto per raggiungere la perfezione.   La maggior parte di esse sono fondate sul...

Piano cashless: minimo 50 operazioni per il 10% del cashback

Il piano "Italia Cashless" si arricchisce di strumenti per incentivare il ricorso ai pagamenti elettronici.   Il governo è all'opera per definire il piano cashback finalizzato...

Assunzione straordinaria 32.000 insegnanti

Dal 22 ottobre a metà novembre verranno assunti 32 mila insegnanti (precari con tre anni di servizio), dopo l’insuccesso delle 66 mila assunzioni a...

Recent Comments