domenica, Aprile 14, 2024
More
    Home Economia Un altro chiodo nella bara: imprese costrette a chiudere per virus

    Un altro chiodo nella bara: imprese costrette a chiudere per virus

    “L’accordo che questa mattina abbiamo sottoscritto consentirà alle imprese di tutti i settori, attraverso il ricorso agli ammortizzatori sociali e la riduzione o sospensione dell’attività lavorativa, la messa in sicurezza dei luoghi di lavoro”, commentano Cgil, Cisl e Uil.

    Nell’accordo “è stato previsto il coinvolgimento dei lavoratori e delle loro rappresentanze a livello aziendale o territoriale per garantire una piena ed effettiva tutela della loro salute. Per questo è importante che in tutti i luoghi di lavoro si chieda una piena effettività dell’intesa che è stata raggiunta”.

    “Sappiamo che il momento è difficile e sappiamo che i lavoratori e le lavoratrici italiane sapranno agire e contribuire, con la responsabilità che hanno sempre saputo dimostrare, nell’adeguare l’organizzazione aziendale e i ritmi produttivi per garantire la massima sicurezza possibile e la continuazione produttiva essenziale per non fermare il Paese”.

    Questo quanto dichiarano i sindacati confederali. Tradotto: si chiude per virus in attesa che i sindacati si dichiarino soddisfatti delle misure prese. Cosa che, inutile nascondercelo, potrebbe non succedere mai. Quindi produzioni ferme e che ripartono, forse, con misure di sicurezza lunari. In un periodo in cui a rimanere aperto era solo chi, eroicamente, teneva in equilibrio tutto.

    Come diceva una commercialista Romana qualche giorno fa, un intero sistema industriale è come un altoforno. Può spegnerlo, ma riaccenderlo è possibile solo a patto di ricostruirlo. L’atto di spegnimento, infatti, lo distrugge. Qualcuno vuole spegnere l’impresa Italiana. Sperando di ricostruirla sugli aiuti pubblici. Solo che non siamo la Germania e mezzo trilione di dollari non li abbiamo.

    Ora possiamo solo affidarci alla responsabilità dei sindacati per evitare che “qualche giorno di chiusura” si trasformi in “fallimento”.

    Most Popular

    Verso un’Italia cashless: innovazione digitale, resistenze culturali e impatto ambientale

    Nel 2024, il panorama finanziario italiano ha mostrato una chiara tendenza verso l'adozione dei pagamenti digitali, sostenuta in particolare dalla Generazione Z, che evidenzia...

    Massimiliano Salini su von der Leyen e la Sostenibilità Ambientale

    Nella seconda parte dell'intervista rilasciata a Fanpage, Massimiliano Salini ha ribadito l'appoggio di Forza Italia alla rielezione di Ursula von der Leyen alla guida...

    Piemonte, Moody’s eleva il rating. Un segnale positivo per gli investitori

    L'agenzia di rating newyorkese Moody's ha recentemente rivisto al rialzo il rating del Piemonte, portandolo da Ba1, un livello considerato "Non-Investment Grade", a Baa3,...

    Imprese, 1,5 milioni di nuove assunzioni nel prossimo trimestre

    Secondo quanto emerge dal Bollettino del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e ministero del Lavoro, nel trimestre aprile-giugno 2024 sono in programma nuove...

    Recent Comments