11.5 C
Milano
martedì, 22 Settembre, 2020
Home Economia La durata della vita lavorativa: Italia ultima in Europa

La durata della vita lavorativa: Italia ultima in Europa

L’Italia è uno dei paesi dell’area euro con il maggior numero di ore lavorate settimanali: 33 contro una media di 30 ore. Eppure, secondo gli ultimi dati Eurostat relativi al 2018, se si considera tutto l’arco lavorativo nella vita di un italiano, questo si ferma 31,8 anni, quasi cinque anni in meno rispetto alla media europea che è di 36,2 anni.

La previsione della durata della vita lavorativa è un indicatore sviluppato dalle istituzioni europee per monitorare l’andamento della strategia occupazionale. Questa misura indica il numero di anni che una persona, da un’età di partenza di 15 anni, si presume sarà nel mercato del lavoro nel corso della sua vita. A livello europeo, gli ultimi dati affermano che l’aspettativa della vita lavorativa è pari a 36,2 anni (in media), in crescita di 0,3 anni rispetto al 2017 e di 3,3 anni rispetto all’anno 2000.

La classifica: Italia maglia nera

Da un lato c’è l’Italia con 31,8 anni, valore più basso tra quelli degli stati europei: solo la Turchia (stato extra-europeo) ha un valore peggiore pari a 29,4 anni. Dall’altro estremo c’è la Svezia con una vita lavorativa pari a 41,9 anni insieme ad un altro stato non europeo, l’Islanda che raggiunge addirittura i 46,3 anni. Per dare un’idea della discrepanza: un’islandese che comincia a lavorare a 15 anni, termina a 61, mentre un coetaneo italiano termina quasi a 47 anni.

Senza troppe sorprese i dati parlano di una vita lavorativa più lunga per gli uomini che per le donne, con eccezione per Lituania e Lettonia. L’Italia ancora una volta ha uno dei gender gap più rilevanti con un divario di 9,4 anni: peggio solo Malta (10,6), Macedonia del Nord (12,4) e Turchia (20,4). Tuttavia, se si considerano unicamente gli stati membri dell’UE, le donne italiane hanno la più corta vita lavorativa, 27 anni, e le svedesi la più lunga, 41 anni. La media europea è di 33,7 anni. Sul versante femminile, in Italia pesano sicuramente alcuni fattori ormai diventati sistemici come il part-time involontario che caratterizza 1 lavoratrice su 5. Le difficoltà lavorative interessano anche un’altra categoria, quella giovanile per cui i Neet, cioè quei giovani che non sono né in fase di studio né occupati né in fase di formazione, sono oltre 2 milioni tra gli under 30. Un fattore che contribuisce al ritardo dell’entrata dei giovani nel mercato del lavoro, alle carriere discontinue e a prolungate fasi di disoccupazione.

Most Popular

Test rapidi nelle scuole, potrebbe essere la svolta

Già utilizzati negli aeroporti, il Ministero della Salute ne sta studiando il grado di attendibilità per estenderli nelle scuole     Il Ministero della Salute sta lavorando...

Riforma Pensioni: opzione 62 anni per lavori usuranti

Sul tavolo diverse ipotesi per riformare il sistema pensionistico. Venerdì incontro governo-sindacati. Venerdì 25 settembre è stato fissato un incontro tra governo e sindacati per...

Il settembre nero del settore ricettivo

In forte crisi alberghi e società di affitti brevi delle grandi città d’arte per il calo del turismo internazionale. Townhouse e Halldis chiedono il...

Scusi, chi ha fatto palo?

Scusi, chi ha fatto palo? Ieri sono iniziati gli spogli e sono stati erogati i primi verdetti post elezioni. Così, come Fantozzi, in molti avranno...

Recent Comments